VS risponde al Vescovo Orlandoni: 'Non siamo mediocri e senza scrupoli'

Michele Pinto 2' di lettura Senigallia 23/12/2012 - Eccellenza, quando il mio Pastore definisce "mediocre e senza alcuno scrupolo" il mio lavoro è inevitabile che scaturisca una riflessione. Ho letto e riletto più volte il mio articolo e non mi sono ritrovato in questa descrizione.

Nell'articolo ho descritto i fatti fedelmente, senza commenti e sensazionalismi, ho specificato la fonte di quelle dichiarazioni, così come hanno fatto autorevoli testate come Il Giornale e il Corriere della Sera, e come hanno fatto, successivamente, anche i quotidiani locali cartacei che lei però non ha citato.

Quando ho pubblicato il mio articolo Pontifex aveva pubblicato le dichiarazioni di Fusi Pecci ormai da 24 ore e nessuno le aveva smentite. La verifica in Curia che suggeriscono i Suoi collaboratori mi è sembrata superflua oltre che inopportuna. Ma poi, perchè avrei dovuto interpellare la Curia e non il vescovo emerito?

Lei parla di "sensibilità ferite". Mi spiace ma non ne sento la responsabilità. Questa va ascritta o a chi determinate dichiarazioni le ha fatte, se le ha fatte, o in caso contrario a chi le ha manipolate, atto ancora più grave vista l'età e le condizioni di Mons. Fusi Pecci. Dal mio articolo, come da quelli dei miei colleghi, sono nate discussioni, dibattiti e riflessioni, spesso molto forti e a volte sopra le righe, ma necessari se si cerca un confronto costruttivo.

Lei cita anche il rispetto della verità. Rispettare la verità vuol dire dare voce a tutti. A Pontifex che dice alcune cose e a Lei che le smentisce.
Le notizie non sono Verità rivelate, non sempre, anzi quasi mai è possibile verificarle ed il più delle volte si tratta di opinioni. L'unico modo di rispettare la verità è dichiarare sempre la fonte e dare spazio a tutti, anche quando, come Lei, ci criticano pesantemente.






Questo è un editoriale pubblicato il 23-12-2012 alle 13:31 sul giornale del 24 dicembre 2012 - 4962 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, editoriale e piace a janenel

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HBc


Anche io che da 2 gg. difendo il contenuto del messaggio dei vescovi, ma mi sono astenuto sulla forma in quanto non ho letto l'articolo originale, non ho trovato scorrettezze sull'operato del signor Michele Pinto e dei suoi collaboratori e tantomeno prese di posizioni.
Dirò di più su un mio commento, retoricamente, lo avevo tirato in ballo, ha risposto di non voler prendere posizione e che il suo compito è stato quello di cronaca.
Chiedo al vescovo, dov' è l'Azione Cattolica?
Non poteva e doveva prendere posizione in merito?

Roberto Giorgetti

23 dicembre, 15:51
il lavoro del giornalista è sicuramente difficile, specie quando si toccano temi così forti.
Ma la smentita doveva arrivare dal vescovo Pecci, non dalla Curia.
Soprattutto dopo che Orlandoni ha sottolineato che Pecci è vescovo emerito, quindi a riposo.
E tirare in ballo l'età dell'intervistato e i suoi problemi di udito e di salute è una evidente manipolazione, ed anche un po' offensivo.
Ma semmai, che ne pensa Orlandoni dei matrimoni Gay ?

Michele, non ho letto questo giudizio da parte del Vescovo Orlandoni nei tuoi confronti, nel link che ci sono: al massimo si scagliava contro quanto scritto da Pontifex, che può pure essere giustificato alla luce di quanto affermato dal Vescovo.
Ma se invece ti sono giunte comunicazioni dirette in altre forme, telefoniche o mail o quant'altro, hai sempre la mia più totale stima: perchè sarebbero le ennesime accuse ingiustificate che ti sono arrivate, che potrei solo minimamente giustificare per una possibile male interpretazione (sempre possibile) o dalla reazione in un momento di umanissima "stizza".

Roberta

24 dicembre, 15:30
La Chiesa ha sempre avuto problemi con la critica su di lei sia se costruttiva oppure no. Di cosa ci meravigliamo? Credo di vivere al di sopra di chiunque altro e si sorprendono? Di cosa?

Paul Manoni

24 dicembre, 15:57
@latotola
Sono due giorni infatti, che ti si dice di andare a leggere l'articolo originale. Mi auguro di tutto cuore per loro, che l'Azione Cattolica stia seguendo i consigli del cantautore Zucchero, sulla "sana e consapevole libidine".

@Roberto
Che fai glielo chiedi pure ad Orlandoni!? Come se non lo sapessi o non conoscessi il Levitico (20, 13), la Prima lettera ai corinzi (6,9-10), la Lettera ai Romani (1, 26-27), San Paolo e San Tommaso d'Acquino annessi e connessi, o i canoni del Catechismo della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, n° 2357-2358-2359, in cui si afferma senza troppi peli sulla lingua, appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, che la "Tradizione" ha sempre dichiarato che "gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati", e sono dunque contrari "alla legge naturale" (benché l’omosessualità sia riscontrabile in natura anche in centinaia di specie animali diverse), e che pertanto, "le persone omosessuali sono chiamate alla castità". Insomma Roberto, ad Orlandoni vuoi chiedere un'opinione sui matrimoni tra persone dello stesso sesso???...E cosa vuoi che ti risponda???

@Daniele
Prima di questo commento, con due click, potevi anche andartelo a leggere l'articolo in questione. Avresti letto come Orlandoni (ormai sopranominato "Odo non Ode"), bacchettava stizzito la stampa locale e nazionale, per via della pubblicazione. Presumibilmente perchè stavolta non si era del tutto allineata come al solito ai suoi dictat.
"Chiamate e verificate in curia prima di pubblicare" è infatti una pressione ed una palese ingerenza sulla stampa locale, degna del bugiardo personaggio in questione, e degna di una "vera" stampa "libera" tutta italiota.

Il "bugiardo" mi si passi, dal momento in cui Orlandoni dice di aver sentito Odo che gli ha riferito di non aver mai detto quelle parole, mentre Pontifex non solo si riserva di querelare Orlandoni, ma pubblica perfino un'ennesima intervista ad Odo dove l'Emerito dice di non sentire Orlandoni da settimane (!).

Ad occhio e croce, che sia Odo, che sia Orlandoni o che sia Pontifex, qui qualcuno non sta affatto seguendo il comandamento della "legge di dio", che impone ai fedeli di non pronunciare la falsa testimonianza. UNO DEI TRE MENTE. Si aprono le scommesse...!!

@Michele Pinto
Augurati che quello che ha sparato la menzogna, non sia proprio il "tuo pastore", altrimenti stasera ti ci vorrà un gran bel coraggio per guaradrlo negli occhi, mentre da buono ed umile fedele, ingoierai il corpo di Cristo, da lui consacrato.

@Paul Manoni
Non è rispettoso ironizzare su un gesto che per tante persone è importante, come la comunione.

@Paul
Forse hai ragione, mi sono limitato solo all'estratto postato da VS.
Ma vedi, questo perchè attribuisco alla faccenda un valore irrisorio.

Paul Manoni

24 dicembre, 21:17
@Michele Pinto
Ti assicuro che quanto ti ho scritto, non solo non era ironico, ma era del tutto sincero. Massimo rispetto nei tuoi confronti, e nei confronti di crede con sincerità ed osservanza. Davvero non riesco a trovare dove posso essere stato ironico. Che tu ci possa credere o meno, la mia era sincerità più totale.

Non vedo perchè dovrebbe essere diversamente poi. Dal momento in cui è palese che tanti commentatori credenti sono stati scossi dalle notizie di questi giorni, non posso esimermi dal pensare a quanto possa essere "faticoso" per qualcuno, andare a prendere la comunione dalle mani di Orlandoni stasera.

Se stasera farai la comunione in cattedrale, ti ritroverai a prenderla da lui, che con tutta probabilità, per salvare il buon nome della sua diocesi, della sua chiesa, di Odo, o per i suoi motivi più disparati, HA MENTITO violando un comandamento della stessa legge che si è dato, non mettendo in conto che in giro ci sono "Volpi" che sanno fare il loro mestiere, e lo hanno brutalmente sbugiardato. Ha detto di aver incontrato Odo a mezzo stampa, mentre Odo dice di non sentirlo da giorni. Punto. Poi possono anche dire che il Vescovo firma in modalità random, comunicati stampa a suo nome scritti da altri, senza nemmeno rileggerli, come se fosse un ingenuo contadinotto semi analfabeta. Basta che non si ha la pretesa che qualcuno, qui, dopo quanto successo in questi giorni, gli creda davvero.

Vedremo nel futuro imminente prossimo, come riusciranno i nostri "eroi" a salvare capra&cavoli, in questa "faida interna", tra "cattolici romani non secolarizzati".

Buon Natale Michele

@Daniele
Irrisorio? Ma se sono giorni che ne parli, e nemmeno solo su VS! :D
...Non ti crederei nemmeno sotto tortura. :D
Un caro saluto anche a te e tanti auguri per un felice Natale ed un felice anno nuovo. ;)

Anche a te Paul. Sul buon anno nuovo...beh direi che ci serve proprio a tutti

@Paul
La vicenda tra Volpe e Orlandoni non è ancora chiarita, quindi è presto per trarre giudizi che comunque non spettano a me che di mestiere racconto fatti, belli o brutti che siano. Come dice lo slogan di Edizioni Vivere, "Le notizie le mettiamo noi, i commenti mettili tu!"

A prescindere da questo il Natale, l'Eucarestia, il rapporto tra me e Dio non perdono o acquistano valore in base al comportamento del clero, che è umano e come tale può sbagliare (e lo fa spesso e volentieri).

Paul Manoni

26 dicembre, 08:01
@Michele
A me del tuo rapporto con il Natale, l'Eucarestia o dio, non me ne può fregare di meno. Non è su quello che volevo andare a parare, ma sull'evidenza del fatto che la stima in una persona, qualsiasi essa sia, cala a picco quando lo peschi a "mentire sapendo di mentire".
Non ci si può giustificare dicendo che "il comunicato" lo hanno scritto altri, se il comunicato riporta le tue considerazioni su una vicenda.

Ammesso e non concesso che davvero siano altri gli autori materiali del comunicato del Vescovo, vuoi dirmi che Orlandoni spedisce comunicati a nome suo e della diocesi, senza minimamente rileggerli, e su una cosa così importante che è finita pure sulle cronache nazionali???

Vero che io personalmente dubito per mia natura stessa, ma qui obbiettivamente non possono dare da intendere cose che non starebbero in piedi, nemmeno con tonnellate di fantasia. Non si possono trattare i cittadini ed i lettori, come degli "asini da soma" o dei "sempliciotti" a cui è possibile dargli a bere ogni cosa.

Cataloghiamo quindi questo imbarazzante scivolone della curia, come un palese tentativo di "rivoltamento di frittata" NON RIUSCITO, che ha finito per sporcare tutto il pavimento della cucina, e lasciare molti senza cena. Ecco, se è risaputo che personalmente non sono sorpreso su eventuali loro menzogne, tanto che ormai c'ho fatto il callo e lo ritengo "normale amministrazione" per questi personaggi, se ti ho scritto quelle cose nel post delle 15:57 del 24/12/2012, è espressamente perchè le mie considerazioni possono non essere così diverse da quelle di tantissimi altri fedeli-fedelissimi di Orlandoni, come puoi essere tu o altri.

Se a tutto questo vuoi aggiungere che la persona sospettata di aver spudoratamente mentito, è la stessa che richiamandoti e bacchettandoti, ti ha messo in forte imbarazzo scrivendo che come direttore di un giornale on line locale, "devi chiamare in curia, prima di pubblicare qualsiasi notizia che li riguardano", la cosa getta un pò di discredito anche sul tuo operato. Bene, hai fatto a non chiamare in curia. Benissimo farai a non chiamare in simili circostanze future.

Che stampa libera sarebbe, se le notizie venissero "filtrate" preventivamente? Il fatto che questa vicenda vi abbia insegnato che il clero ha un codice deontologico tutto loro, non significa che per andar dietro loro, un codice deontologico ridicolo e discutibile, debbano averlo anche gli altri, che come te fanno con dedizione il loro lavoro.

Attendo seduto in comodità, con popcorn e birra in mano, come si salveranno "capra e cavoli" in questa vicenda. Uno spettacolo irripetibile.

Ciao Paul grazie del tuo apprezzamento verso il mio operato.

Sai che ti ho risposto proprio perché mi hai tirato in ballo personalmente, altrimenti non entro nel merito delle questioni dovendo rimanere su questo giornale super partes.
Per questo mi ha stupito leggere "A me del tuo rapporto con il Natale, l'Eucarestia o dio, non me ne può fregare di meno", non avresti dovuto tirarlo in ballo allora.

Sulla vicenda spetta a me giornalista chiarire la posizione della Curia: il comunicato che VS ha pubblicato non è a firma di Orlandoni ma della Diocesi. Alcune parti sono virgolettate e riportano il pensiero di Orlandoni. Il punto dove dice "abbiamo sentito Fusi Pecci" non è virgolettato. Per questo il Vescovo sostiene di non avere mai detto che lui ha sentito Odo, ma che lo hanno fatto altri.
Questa è la posizione della curia che io mi limito a riportare.

Paul tu dici io faccio anzi fatto.
Sull'A.C. mi trovo in sintonia.
Ho già detto come la penso a proposito.
Ciao

scusa @Michele ma non sono sicuro di aver capito la tua affermazione: tu credi che il clero cattolico sia fallibile e fallace? ho capito bene? ma scusa e lo Spirito Santo non interviene a correggere l'umanità difettosa del clerico? il prete, dopo anni di studi teologici, sorretto dalla vocazione divina e soprattutto coadiuvato dal sempre presente Spirito Santo e dalla presenza immanente di Cristo nel mondo e nella Sua chiesa, non dovrebbe essere esempio per sé e per gli altri e strumento infallibile dell'infallibile e certa religione cristiana?

Non capisco, sembra quasi che tu accusi la Chiesa di essere una organizzazione umana, fatta di esseri umani e nulla più... è un giudizio che condivido, detto per inciso, ma che impone delle scelte :-) coraggiose

@Andrea, conosci poco, molto poco la religione cattolica.
Comunque come sai e come ripetuto in tante occasioni non entro nel merito delle discussioni in quanto direttore. Se vuoi possiamo continuare in privato.

Paul Manoni

29 dicembre, 15:29
@Michele
Io la conosco a sufficenza la religione cattolica.
Non so dove voglia andare a parare @Andrea con la sua evidente e palese provocazione, ma mi sento in dovere di subentrare alla vostra discussione.
Solo per dire che "L'infallibilità papale" è un dogma.
Essendo tale, tutti coloro che vogliono ancora considerarsi fedeli della regione del Papa, devono necessariamente credere anche che egli non possa fallire MAI.
Chi ritiene invece che il Papa possa fallire, essere fallace, e sbagliare come tutti gli esseri umani presenti su questo pianeta, va da se, non può ritenersi un fedele cattolico.
Non è che si possa capare i dogmi della propria religione, sulla base di ciò che si ritiene più comodo o veritiero. Non funziona proprio così.

@Paul, Andrea
Siete dei tentatori... Io adoro discutere di queste cose, ma non è giusto che lo faccia in questa sede, quindi preferisco non rispondere. Magari ti mando una mail.

Paul Manoni

29 dicembre, 18:32
@Michele, tu come chiunque altro, potete reperire facilmente il mio indirizzo mail, per parlare di queste ed altre cose quando volete. Alla fine sarà come farsi confessare da un Ateo. :D
Adesso abbandono anchio la discussione, e mollo la presa sugli articoli inerenti al caso. Semmai mi riservo di intervenire sui prossimi, visto che stando alle ultime news, pare proprio che quel "volpone" di Pontifex, abbia mantenuto le promesse querelando Orlandoni. Tu Michele facci sapere cosa ne pensa il Vescovo reggente in merito alla denuncia per diffamazione e danni, che io ho ancora un pò di pop-corn e birra avanzati da questo teatrino, che mi faranno gustare mglio lo spettacolo. ;)
Un caro saluto e Buone Festa.

perché non organizziamo una disputa laici-credenti al San Rocco? secondo me attirerebbe giustamente MOLTI ascoltatori e potrebbe essere l'occasione in piccolo di fare molte chiarezze su una delle questioni base della vita e della filosofia...




logoEV