Sanità: Ciccarelli a Mangialardi, 'Nessun depotenziamento per l'ospedale'

ospedale di senigallia 2' di lettura Senigallia 18/12/2012 - “Nessun allarmismo per la sanità senigalliese, l'ospedale non rischia alcun depotenziamento”. E' la rassicurazione che ieri il direttore dell'Asur e direttore ad interim dell'Area Vasta 2 ha fatto durante il vertice con la Conferenza dei sindaci.

Il sindaco Maurizio Mangialardi, accompagnato dall'assessore ai servizi alla persona Fabrizio Volpini, era presente nella duplice veste di primo cittadino e di presidente della Conferenza dei sindaci. Un incontro preceduto, la scorsa settimana, da un acceso dibattito innescato dalla senatrice Silvana Amati che aveva espresso preoccupazione per la “perdita della Direzione medica del Presidio e della Direzione amministrativa con un conseguente depotenziamento dell'ospedale” e per i mancati investimenti per l'ammodernamento.

“Il confronto con Ciccarelli è stato proficuo -riferisce il sindaco Maurizio Mangialardi- il direttore dell'Asur ha anzitutto rassicurato sulle voci che circolavano sul possibile depotenziamento del nostro ospedale, invitando a non cedere ad inutili allarmismi. Il nostro presidio continuerà a mantenere la sua completa funzionalità nell'ambito dell'area vasta. Sul fronte dei tagli alla sanità, in generale, Ciccarelli ha garantito che quando saranno chiare le ricadute della spending review, gli eventuali provvedimenti che verranno presi per il territorio saranno concertati con i sindaci”.

Per il presidio senigalliese il direttore dell'Asur ha confermato il trasferimento al quarto piano del nuovo monoblocco dei reparti di ginecologia e ostetricia e delle sale operatorie e investimenti per ammodernamenti nella tecnologia. “Un principio che tutti abbiamo condiviso è stato quello per cui, nell'ambito dell'area vasta, i ridimensionamenti non sono di per sé negativi ma anzi rappresentano un potenziamento perchè ogni presidio deve puntare su proprie specificità -aggiunge Mangialardi- il nostro sistema può funzionare ma dobbiamo lavorare tutti insieme, senza fughe in avanti”.

I sindaci hanno poi chiesto un'accelerazione nei processi di riconversione delle strutture ospedaliere di Cingoli, Loreto, Chiaravalle e Sassoferrato. Ciccarelli, dal canto suo, ha aggiornato l'incontro ad una nuova seduta che potrebbe svolgersi già dopo Natale.






Questo è un articolo pubblicato il 18-12-2012 alle 23:58 sul giornale del 19 dicembre 2012 - 989 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, giulia mancinelli, ospedale di senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HqE


Come è possibile leggere certe cose? Come già commentanto in altro giornale on line, è da poveri illusi credere ancora a questi dispensatori di bugie, vedremo molto presto come evolveranno i fatti riguardanti l'ospedale e non solo ospedale ma la sanità senigalliese tutta. Mi auguro di venire smentito con i fatti concreti me lo auguro di cuore per il bene di tutti noi.
Buone Feste e fidatevi di meno di certi personaggi...datemi retta.




logoEV
logoEV