Caos rifiuti: lavoratori della Aimeri in protesta, 'Mezzi fermi senza benzina'

raccolta rifiuti 3' di lettura Senigallia 05/10/2012 - Giulia Mancinelli La raccolta differenziata sempre più nel caos. Stavolta sul piede di guerra sono gli operai della Aimeri, la ditta che gestisce in appalto la raccolta dei rifiuti per conto del Cir33.

Dopo mesi di continui e ripetuti disservizi, durante i quali vengono saltati costantemente i passaggi nel ritiro dei rifiuti, stavolta a sbottare sono gli operatori, stanchi di essere presi di mira dai cittadini e vogliono mettere le cose in chiaro. “Se il servizio non funziona non è colpa nostra ma dell'azienda che ripara i mezzi rotti e non riempie i serbatoi di benzina”. Questo lo sfogo di un gruppo di operai della Aimeri che anche ieri mattina sono stati costretti a restare fermi, saltando il ritiro dell'organico in vari punti della città. Disservizi che si sono verificati anche nei giorni scorsi, ad esempio, con il ritiro del grigio. “I cittadini se la prendono con noi -lamentano gli addetti alla raccolta differenziata- ma non è colpa nostra. Se l'azienda non mette il gasolio i mezzi non possono funzionare. Noi subiamo gli stessi disagi dei cittadini e in più non ci vengono riconosciuti pienamente tutti i nostri diritti di lavoratori”.

Lo sfogo dei dipendente della Aimeri, la ditta di Rozzano vincitrice della gara d'appalto ora scaduto ma il cui servizio è stato prorogato fino al 31 dicembre, viene accolto anche dalle tre sigle sindacali. “Cgil-Cisl e Uil hanno dichiarato lo stato di agitazione di tutto il personale della Aimeri perchè la situazione è diventata davvero difficile -conferma il segretario regionale della Uil-Trasporti Giorgio Andreani- la Aimeri di fatto è inadempiente sotto molti aspetti. A marzo ad esempio è stato siglato il nuovo contratto che prevede un aumento ma che ad oggi non è stato ancora pagato dall'azienda ai lavoratori così come non sono stati erogati gli assegni familiari né alcuni straordinari. A questo aggiungiamo il fatto che la Aimeri non ripara i mezzi fermi in officina e non mette gasolio in quelli in funzione, il che si traduce nel non funzionamento del ritiro dei rifiuti”.

A preoccupare i sindacati è anche il fatto che la Aimeri sta di fatto traghettando il servizio di raccolta differenziata verso il nuovo appaltatore, la Ecologica Sangro di Lanciano. “La Aimeri non ha vinto la gara d'appalto per riconfermarsi alla guida del servizio e dunque l'attenzione verso il territorio del Misa e del Nevola è minore -aggiunge Andreani- la protesta che stiamo mettendo in campo a Senigallia è importante perchè coinvolge circa 70 lavoratori”. Al nuovo appaltatore che dovrebbe subentrare alla Aimeri dal 1° gennaio 2013 e che dovrebbe inglobare i 70 lavoratori, i sindacati chiedono un impegno forte e responsabile. “Alla nuova impresa chiediamo che venga rispettato quanto dovuto ai lavoratori -conclude Andreani- e che vengano garantiti i servizi ai cittadini”. Dopo la scadenza dell'appalto nella primavera scorsa, il Comune e il Cir33 hanno deciso di prorogare il contratto con la Aimeri, nonostante i ripetuti disservizi, fino al 31 dicembre. Nel frattempo è stato indetto un nuovo bando vinto appunto dalla Ecologica di Sangro di Lanciano. La Aimeri, che si era ricandidata, si è classificata però al secondo posto.






Questo è un articolo pubblicato il 05-10-2012 alle 23:59 sul giornale del 06 ottobre 2012 - 3284 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ECD


A me il vetro giovedì non l'hanno portato via. Ora dove metto tutte le birre della settimana?

sspero che la nuova ditta subentrante sia seria;
nel frattempo quando una ditta vince un appalto dovrebbero impèrgli una fidejussione
in modo da coprire per un paio di mesi le spese del personale ed evntuali atri disservizi che dovrebbero pagare

spero che il cir 33 facci una revisione del contratto in cui in questi utlimi mesi la alimeri non sta onorando




logoEV