Furti nelle scuole della città: denunciato ancora una volta l'italo-argentino

Carabinieri di notte 2' di lettura Senigallia 17/09/2012 - E' accusato di essere anche l'autore dei furti messi a segno negli ultimi due anni ai danni delle scuole elementari della città. L'italo-argentino di 31 anni, già denunciato agli inizi di giugno, torna nuovamente sotto accusa.

I carabinieri della compagnia di Senigallia, al termine di una lunga fase investigativa, hanno nuovamente denunciato il 31enne con l'accusa di furto aggravato. I militari infatti ritengono che l'italo-argentino sia l'autore di una serie furti perpetrati tra il 2009 ed oggi ai danni delle scuole Fagnani, Leopardi e Pascoli. Grazie ad una attenta analisi dei filmati delle telecamere installate nei pressi di alcuni plessi scolastici e incrociando i dati già in possesso alle forze dell'ordine, i militari sono risaliti all'identità del ladro che per più di una volta ha preso di mira gli edifici scolastici cittadini.

Diversi infatti i furti, negli ultimi anni, del materiale scolastico trovato ora dai Carabinieri nell'abitazione dell'uomo. Dalla perquisizione domiciliare infatti i carabinieri hanno rinvenuto diverse videocamere, macchine fotografiche, cartucce per stampanti, computer e altro materiale risultato essere stato rubato proprio dai colpi nelle scuole. Un bottino del valore di circa 15 mila euro. Alla scuola elementare Leopardi, per esempio, nell'aprile scorso, di notte erano stati rubati ben sette computer portatili, quattro macchine fotografiche e una chiave usb per un valore complessivo di 7 mila euro. La refurtiva trovata dai carabinieri nell'abitazione dell'italo-argentino è stata censita e restituita ai legittimi proprietari.

Una denuncia, quella sporta ai danni del presunto ladro, che si aggiunge a quella che sempre i carabinieri della Compagnia di Senigallia avevano avanzato a giugno ai danni del 31enne. Anche in quella circostanza l'uomo era stato denunciato per furto aggravato continuato. Sempre a seguito di indagini e accertamenti, i militari hanno ispezionato la casa dell'italo-argentino trovando stavolta il materiale rubato tempo prima durante un furto ai danni dell'Asur. In quel caso dagli uffici del distretto sanitario di via Campo Boario, di notte, era stato rubato un monitor lcd. Anche stavolta, all'arrivo dei militari, l'uomo, vistosi scoperto per l'ennesima volta, ha ammesso le proprie responsabilità. L'italo-argentino per la seconda volta, nel giro di pochi mesi, è stato così denunciato in stato di libertà con l'accusa di furto aggravato continuato.






Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2012 alle 00:40 sul giornale del 17 settembre 2012 - 1702 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furti, giulia mancinelli, carabinieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DTm


Kit Utente Vip

17 settembre, 12:27
..............autore di tutti i furti, più volte condannato, ma quando lo mettono un po' in carcere?




logoEV