Cittadinanza onoraria a Don Ciotti, parere favorevole dell'Idv

don ciotti 1' di lettura Senigallia 10/09/2012 - L’Idv Senigallia appoggerà con decisione la proposta di conferimento della cittadinanza onoraria a Don Luigi Ciotti, martedì all’ordine del giorno in commissione consiliare.

Siamo soddisfatti che l’Amministrazione abbia preso l’impegno formale come Istituzione di promuovere la cultura della legalità, fondamentale per il futuro del Paese e per il mantenimento delle libertà e della giustizia sociale. Impegno che noi dell’Idv Senigallia riteniamo importante punto programmatico di una politica tenace rappresentante di una società civile che non si arrende alla sopraffazione e all’illegalità.

Di fronte ai dati, di cui la corruzione rappresenta oggi un tassa del 20 per cento sugli investimenti esteri, altera il flusso di denaro in entrata e in uscita. E che la corte dei Conti ha ribadito a chiare note che la corruzione costa alle nostre casse tra i 60 e i 70 miliardi di euro l’anno. Ogni segno di contrasto da parte delle Amministrazioni pubbliche contro la corruzione e le mafie è di vitale importanza. Don Ciotti e Libera sono con le loro opere i degni rappresentanti di quel cambiamento che vogliamo vedere, che tutela i più deboli e gli emarginati, a difesa della pace, dei diritti e della legalità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-09-2012 alle 15:27 sul giornale del 11 settembre 2012 - 1628 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, italia dei valori, idv senigallia, stefano canti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DD7


stefania lisi

11 settembre, 09:17
al di là di quello che dice l'idv, bellissima la proposta di cittadinanza onoraria a Don Luigi Ciotti, che però io estenderei a larghe braccia anche a Don Tonio dell'Olio!

A prescindere dalla cittadinanza onoraria a Don Ciotti, non ho capito che peso possa avere l'IDV che è rappresentata solo dal Presidente del Consiglio Comunale Monachesi,
senza nemmeno un consigliere comunale. Pertanto conta solo come l'asso di coppe, cioè nulla.