Fiera di Sant'Agostino, ambulanti: 'Vendite in calo ma commercialmente resta sempre valida'

Fiera di Sant'Agostino 2' di lettura Senigallia 28/08/2012 - La 548° edizione della Fiera di Sant'Agostino, che chiude giovedì in concomitanza con la Campionaria allestita nella zona dello stadio, ha fatto registrare subito un buon numero di visite, seppur inferiore alle edizioni passate, ma non di vendite.

I 469 ambulanti distribuiti nel centro storico, dai Portici Ercolani a piazza Garibaldi e piazza Simoncelli, da via Carducci a via Oberdan e piazza Saffi passando per viale Leopardi dove sono posizionate le bancarelle che vendono gli animali, confermano.

La gente c'è, soprattutto nelle ore serali, ma le vendite sono in netto calo”- osserva Carlo Todini di una delle bancarelle di pentole. “Rispetto agli altri anni è sicuramente in calo anche l'affluenza di gente- aggiunge Giuseppe Cicciotti, titolare di una bancarella di intimo- Di conseguenza c'è un calo delle vendite”. Un calo generale riscontrato da molti ambulanti. Persino l'abbigliamento e i dolciumi che hanno fatto sempre da padrone con scarpe, accessori e borse, quest'anno sembrano soffrire e pagare le spese della crisi generale che ha investito il Paese. “La gente è sicuramente diminuita rispetto agli anni scorsi e quella che c'è si limita a guardare”- dichiarano Mahouachi Jalel che propone abbigliamento e Salvatore Decostanzo, titolare di una bancarella di cinte e portafogli. “Le vendite sono in calo”- confermano Marina Umberta e Giovanni Lupino, titolari di bancarelle di dolciumi in due diverse zone del centro storico. “Lunedì, giorno di apertura, le visite sono state molte ma le vendite poche. Martedì poche visite ma buone- ribatte Fritz di un'altra bancarella di abbigliamento- Speriamo migliori nei prossimi giorni”.

Le vendite e l'affluenza sono inferiori rispetto alle passate edizioni ma gli ambulanti, consapevoli del periodo difficile e che quest'anno la Fiera di Sant'Agostino non comprende il week-end, non discutono la validità della Fiera stessa. “L'afflusso di gente e le vendite sono in calo ma non possiamo lamentarci, considerato il periodo e che non è ancora finita va bene- affermano Rossella e Fabio di una bancarella di t-shirt- Ci possiamo ritenere soddisfatti ugualmente”. “La gente c'è prevalentemente nelle ore serali, dalle 18 fino alla chiusura (ore 24), e le vendite sono diminuite. Tuttavia- chiarisce Antonio Santoni, storico ambulante- commercialmente parlando la Fiera di Sant'Agostino resta sempre valida. E' una buona occasione”. “Senigallia e la Fiera sono sempre valide per i nostri prodotti e le nostre attività- confermano Mirela Neacsu e Rixhilda Metas, che propongono borse e cinte artigianali- Per noi le vendite sono sempre buone in questa kermesse”. Poca soddisfazione infine per le bancarelle che propongono quadri, materassi, giochi in legno o oggettistica.

Per un bilancio definitivo e preciso però bisognerà aspettare la chiusura della 548° Fiera di Sant'Agostino, visitabile fino a giovedi alle 24.






Questo è un articolo pubblicato il 28-08-2012 alle 23:59 sul giornale del 29 agosto 2012 - 1398 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice Scarpini, fiera di sant'agostino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DdM





logoEV