'Senigallia Sotterranea' chiude con grande successo e partecipazione

Senigallia sotterranea 3' di lettura Senigallia 16/08/2012 - Si è concluso con uno straordinario successo di affluenza e grandi consensi da parte del pubblico il primo ciclo di “Senigallia Sotterranea”, organizzato dal nostro Comune e articolato in quattro percorsi archeologici uniti a itinerari poetici nelle meraviglie della Senigallia romana.

“Tra musica e parole senza tempo” era il sottotitolo scelto per queste serate, assolutamente gratuite, che per quattro martedì consecutivi hanno registrato ben più del tutto esaurito, con lunghissime liste di attesa e molte persone che non hanno potuto partecipare alla visita per motivi logistici di spazio. Le prenotazioni sono state infatti di molto eccedenti i posti disponibili, che avrebbero dovuto essere in tutto 160 (40 per ognuna delle quattro serate, sempre svolte di martedì, con 20 persone ammesse ogni turno e due turni in programma alle 21.30 e alle 22.45). In realtà, gli spettatori ammessi alle quattro serate sono stati oltre il doppio, per la precisione complessivamente 387: le liste di attesa e le tantissime persone che si presentavano senza prenotazione erano tali, infatti, che l’organizzazione ha allestito sui due piedi visite più ridotte anche per tutti coloro che non si erano di fatto prenotati. A consuntivo, sono state soltanto 52 le persone che è stato effettivamente impossibile ammettere, ma a beneficio loro e non solo è stato preannunciato che saranno organizzate presto altre iniziative simili.

“Siamo davvero molto soddisfatti del successo di questa iniziativa – ha dichiarato il Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi – poiché dimostra quale vero e proprio tesoro sia rappresentato dai nostri beni archeologici. L’interesse destato dalla grande richiesta registrata ci ha stimolato a organizzare fin dal prossimo autunno, forse già da settembre, un appuntamento stabile, a cadenza mensile, nei nostri itinerari archeologici. La nostra sfida sarà a questo punto non soltanto quella di approfondire la conoscenza dei siti, ma anche quella di rendere sempre più questo patrimonio storico un segmento specifico della nostra offerta turistica.”

Ricordiamo che gli incontri di questo ciclo si sono svolti negli ultimi quattro martedì: il primo ha riguardato le “origini”, per condurre alla ricerca della città; il secondo gli “inferi”, per scoprire il regno di Ade; il terzo il “vino”, la prima bevanda magica e le sue divinità; e infine il quarto l’acqua, dove tutto è iniziato. Ognuno di questi appuntamenti, curato per la parte archeologica dal prof. Giuseppe Lepore del Dipartimento di Archeologia dell’Università degli Studi di Bologna, che ha condotto le visite alle cantine scoperte in via Cavallotti e in via Cavour, è stato reso ancor più suggestivo dal qualificato apporto di tutti i professionisti che vi hanno collaborato: Piercarlo Fontemagi per gli interventi musicali, Mauro Pierfederici con mirate incursioni teatrali su testi scelti dal prof. Camillo Nardini dell’Associazione “Senanova”. Al termine di ogni percorso è stato offerto a tutti i partecipanti presso l’Area archeologica e il Museo “La Fenice” un bicchiere della staffa a cura delle Cantine Venturi di Castelleone di Suasa e dell’Ipercoop “Il Maestrale”.

L’Amministrazione Comunale ringrazia vivamente per la riuscita di Senigallia Sotterranea la Soprintendenza ai beni archeologici, Berta costruzioni (proprietaria della cantina di via Cavallotti), l’avv. Guido Giombetti (proprietario della cantina in via Cavour), e gli sponsor Ipercoop “Il Maestrale” e Cantine Venturi di Castelleone di Suasa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-08-2012 alle 13:44 sul giornale del 17 agosto 2012 - 861 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CRz





logoEV
logoEV