Montemarciano: taglio del nastro per il nuovo svincolo autostradale

nuovo svincolo autostradale di Montemarciano 27/07/2012 - Taglio del nastro per il nuovo svincolo autostradale di Montemarciano che lunedì 30 luglio alle ore 11 sarà aperto al traffico insieme a 7 km di terza corsia del tratto dell'A14 compreso tra Ancona Sud e Porto S.Elpidio.

L’intervento di ampliamento alla 3° corsia del tratto Cattolica - Porto Sant’ Elpidio dell'A14 Bologna-Taranto, che prevede l’ammodernamento e l’ampliamento della piattaforma autostradale a tre corsie con in più la corsia di emergenza, è articolato in 6 lotti: Lotto 2: Cattolica – Fano; Lotto 3: Fano – Senigallia; Lotto 4: Senigallia – Ancona Nord e Nuovo Svincolo di Marina di Montemarciano; Lotto 5: Ancona Nord-Ancona Sud; Lotto 6A: Ancona Sud-Porto S.Elpidio (interventi di 1^ fase) e Lotto 6B: Ancona Sud-Porto S.Elpidio (interventi di 2^ fase) e Nuovo Svincolo di Porto S. Elpidio.

Lunedì Autostrade per l'Italia aprirà al traffico il nuovo svincolo di Marina di Montemarciano, fra quello di Senigallia e quello di Ancona Nord che consentirà una migliore accessibilità alla zona di Marina di Montemarciano e Falconara evitando così la congestione sulla S.S.16. La consegna dei lavori, che andranno avanti fino marzo 2014 alla ditta Pavimental, era avvenuta lo scorso 7 luglio. Non solo il nuovo svincolo.

Alla presenza di Gian Mario Spacca-presidente della Regione Marche, di Mauro Coletta- direttore dell'Ispettorato di Vigilanza per le Concessioni autostradali Anas e di Gennarino Tozzi- condirettore Generale Sviluppo Rete di Autostrade per l'Italia, verranno aperti al traffico anche i primi 7 km di terza corsia tra Ancona Sud e Porto S.Elpidio. L’intervento complessivo infatti (Lotto 6A) riguarda un tratto di 37 km con un investimento complessivo di circa 145 milioni di euro.

La tratta in oggetto è caratterizzata, in buona parte, da una configurazione già predisposta per la realizzazione della terza corsia, la quale è realizzata senza la necessità di acquisire nuove aree- spiegano da Autostrade per l'Italia- Gli interventi di 1° fase consistono principalmente nella realizzazione della corsia aggiuntiva, nella rotazione degli impalcati per l’adeguamento della pendenza trasversale e nell’installazione di 19,5 km di barriere fonoassorbenti”.

Autostrade per l’Italia ha messo in campo 1,9 miliardi di euro per ampliare e migliorare circa 126 km di rete autostradale delle Marche. “Autostrade è il primo investitore privato in Italia con 25 miliardi di euro di investimenti di cui 1,9 sono destinati all’imponente opera di ampliamento della A14 nelle Marche. Un lavoro che stiamo portando avanti con ritmo serrato e i risultati ottenuti ci danno ragione-ha annunciato Giovanni Castellucci, Amministratore Delegato di Autostrade per l’Italia-Siamo stati in grado di rispettare una tabella di marcia così impegnativa solo grazie alla forte collaborazione con tutti gli enti territoriali coinvolti dai lavori e alla possibilità di affidare i lavori alla nostra controllata Pavimental”.

Nella Regione restano da avviare solo i lavori di ampliamento dei 17,2 km tra Ancona Nord e Ancona Sud (Lotto 5), per i quali le procedure di affidamento sono state interrotte per i ricorsi presentati dalle imprese. “L’avanzamento dei cantieri e l’apertura al traffico di 33 nuovi km di terza corsia dell’A14, nel rispetto dei programmi stabiliti che prevede anche la realizzazione di 5 nuovi caselli e il potenziamento di 2, nonché interventi su 12 aree di servizio di cui 6 già realizzati, 6 in fase di esecuzione- rileva il presidente Spacca- è una dimostrazione concreta di grande serietà e responsabilità, che nasce dalla collaborazione tra istituzioni e società Autostrade per l’Italia. L’ammodernamento dell’A14 rappresenta per le Marche un intervento fondamentale, che contribuirà a colmare il gap infrastrutturale che ci ha penalizzato sinora”.








Questo è un articolo pubblicato il 27-07-2012 alle 16:44 sul giornale del 28 luglio 2012 - 9934 letture

In questo articolo si parla di attualità, montemarciano, Sudani Alice Scarpini, autostrada A14, casello autostradale, autostrade per l'Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Cau


giorgino

28 luglio, 19:42
finalmente una buona cosa!

Occorre obbligare i mezzi pesanti ad usare l'autostrada, visto che ci sono svincoli ogni 15 km. Non è possibile che i camion debbano attraversare i centri abitati, questo è un modo di fare da terzo mondo. Ci vuole un divieto di transito, da far rispettare, su tutta la statale 16, con deroga solo per il tragitto strettamente necessario al carico e scarico.

Il vero problema è che questo nuovo casello non è collegato con la viabilità principale della zona e pertanto le autocisterne dell'Api, ad esempio, continueranno a passare per il centro di Senigallia.

debora

31 luglio, 10:57
Chi ha scritto l'articolo poteva anche allegarce una mappa stradale o almeno scrivere Dove è stato aperto di preciso!!!




logoEV