Nuovo porto: in arrivo chioschi e baretti. Restano i relitti del Navalmeccanico

maurizio mangialardi 2' di lettura Senigallia 11/04/2012 - Il porto pronto a svelare le novità per l’estate 2012. Lo scalo senigalliese, già rivoluzionato dai lavori in corso degli ultimi anni, punta a diventare un’attrazione per turisti e diportisti.

Il “Porto Della Rovere”, così ufficialmente è già stato ribattezzato il nuovo porto da un’apposita delibera di Giunta, si fregerà di una lunga passeggiata che si apre verso oriente costellata di chioschi per la degustazione di specialità marinare al cartoccio e punti di ristoro. Una novità assoluta per la spiaggia di velluto che sta per partire. Con i lavori lungo la passeggiata già ultimati, è tempo per il comune di mettere mano all’organizzazione degli “intrattenimenti”. Il tutto dando seguito alle indicazioni contenute nel piano particolareggiato del porto che prevede l’introduzione di nuove attività come banchi per la vendita del pesce, del pescato cotto e mangiato e anche di baretti e ristorantini lungo la passeggiata.

“Il Comune sta preparando i bandi per l’assegnazione delle aree da adibire a chioschi e baretti lungo la passeggiata –annuncia il sindaco Maurizio Mangialardi- sta così prendendo sempre più forma quello che sarà un camminamento che parte dall’area dell’ex Sep e prosegue aprendosi ad Oriente sul mare”. Per dare seguito alle previsioni del piano particolareggiato del porto presto sarà demolito il manufatto dell’ex Lega Navale. Dopo l’estate la stessa sorte toccherà anche al manufatto antistante il ponticello mobile adibito a ristorante che però potrà beneficiare di un’altra stagione di attività. Oltre alla terrazza infatti al locale, per questa estate, è stata concessa anche l’occupazione del suolo pubblico potendo così allestire tavoli all’esterno, affacciati proprio sul porto.

“Altro intervento che sta volgendo al termine è quello che riguarda i lavori per la sistemazione della banchina per un investimento di 300 mila euro –aggiunge il primo cittadino- sotto controllo la situazione che riguarda il fondale del porto. Le operazioni di dragaggio eseguite stanno dando buoni risultati e dunque non ci saranno problemi di incagliamenti per le imbarcazioni”.

A proposito di dragaggio, la Lepore srl, nuova proprietaria dei cinque relitti che occupano l’ex Navalmeccanico, contribuirà alle spese per la pulizia del fondale nel tratto dove dovranno uscire le cinque imbarcazioni. Un ulteriore passaggio che però non sembra accorciare i tempi di sgombero del Navalmeccanico, almeno per questa estate. Sulla questione il primo cittadino, ormai spazientito, non vuole più parlare. “Sullo sgombero del Navalmeccanico non dico più niente –attacca Mangialardi- dico solo che se fosse dipeso da noi l’area sarebbe libera da un pezzo”.






Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2012 alle 23:55 sul giornale del 12 aprile 2012 - 2029 letture

In questo articolo si parla di porto, attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, navalmeccanico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xEe


arturo torcoletti

Ma davvero questi uomini di terra e zolla pensano che il diportista sia attratto dai baretti e dai faretti? Ma che ne pensano i diportisti, senigalliesi, a ben cercare fra le baldigare qualcuno mi risulta c'è anche rimasto,e pensare che da Senigallia si apre il blog più completo e collegato della vela, non sarebbe difficile chiedergli una spassionata opinione. Scommettiamo che un bel market di alimentari e generi vari, un meccanico elettrauto, un bar ristorante tavola calda sono come per il grano la neve? Ma si sa l'amministratore si mette nelle tasche del signore del baretto mica nella cambusa o nel pozzetto!!




logoEV
logoEV