Falconara: suicidio 27enne di Montemarciano, una delusione d'amore

ambulanza 2' di lettura Senigallia 12/03/2012 - Una delusione d'amore unita allo sconforto professionale quella che avrebbe condotto il giovane montemarcianese di 27 anni, Paolo Zampa, alla decisione di togliersi la vita impiccandosi. Lo confermano i messaggi d'addio trovati addosso alla vittima.

Sarebbero queste le motivazioni che avrebbero spinto il giovane Paolo Zampa a farla finita lunedì mattina. L'orario del decesso più preciso, secondo la scientifica, le 7.30. In tasca alcuni messaggi di addio tra i quali si faceva riferimento ad una recente delusione d'amore alle spalle, ma anche allo sconforto e la sfiducia verso il futuro, anche quello lavorativo. Paolo avrebbe voluto diventare un regista e un musicista. Una storia non a lieto fine come quella di tanti giovani che vedono il loro futuro sentimentale, ma soprattutto lavorativo svanire davanti ai loro occhi.

Nessun conforto, se non quello affettivo della famiglia conosciuta nella cittadina, che si sa, quando il ponte dell'amore cade spesso non c'é consolazione che regga. Ed é così che l'hanno trovato esamine dentro il capannone di una cava di ghiaia nella zona fiume Esino a Falconara.

Un gesto premeditato il suo, tutto organizzato meticolosamente: biglietti d'addio, una corda da alpinista usati come cappio da appendere alla trave del capannone. La pista del suicidio si é andata sempre più concretizzandosi sfaldando l'ipotesi dell'omicidio. Sul luogo, infatti, solo le sue impronte.

E poi una sedia portata appositamente per realizzare il suicidio. Solo dopo ulteriori indagini si é capito che lo scaldacollo che il ragazzo indossava, che faceva pensare ad omicidio per l'icappucciamento, si era in realtà sollevato con il terribile gesto. Nella mattina il riconoscimento della salma da parte del Capitano Coacci, che insieme al Comandante Martelli, lunedì mattina erano sul luogo.








Questo è un articolo pubblicato il 12-03-2012 alle 10:03 sul giornale del 13 marzo 2012 - 3471 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montemarciano, suicidio, ancona, telefono amico, ambulanza, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wlB

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV