Sanità, Ali: 'Radiologia e Medicina generale sono ancora senza primario'

Ezio Amadio 2' di lettura Senigallia 06/03/2012 - Il Direttore Asur, in un recente convegno, oltre alla riduzione dell’1.5% del budget a disposizione rispetto a quanto stanziato nel 2011, ha ventilato la possibilità di ulteriori tagli del turnover del personale (già operante al 70%) nonché l’eventuale soppressione di alcune strutture.

E’ ovvio che quando si parla di riorganizzare, anche senza entrare nel dettaglio, qualcosa o qualcuno è già destinato ad essere sacrificato. E che cosa vi è di più debole di strutture sanitarie che da anni vengono lasciate senza guida dirigenziali? E’ il caso della Radiologia e della Medicina Generale che nonostante le promesse sono ancora senza Primario. La Medicina tra l’altro, oltre ad essere un servizio di base, quindi inalienabile, soffre di un deficit di medici decisamente insostenibile. Se l’Area Vasta doveva, nelle intenzioni iniziali, determinare l’omogenizzazione delle prestazioni in tutte le strutture che insistono nella provincia, siamo ancora ben lontani dal raggiungimento dell’obiettivo.

Infatti, da un’indagine fatta nelle Unità Operative di Medicina Generale, che insistono nell’Area Vasta n.2, dobbiamo registrare un rapporto medico/paziente decisamente inaccettabile, in quanto a Senigallia tale rapporto è di un medico per undici pazienti mentre ad Osimo e Jesi è di uno a sei e Fabriano registra un bel uno a quattro. Siamo in presenza di una diversità assistenziale e di carichi di lavoro a tutto svantaggio di quanto erogato nell’Ospedale di Senigallia. Un reparto che con un utilizzo di posti letto sfiora il 100% non può continuare a lungo senza che vengano presi dei provvedimenti finalizzati all’integrazione della dotazione organica, nonché venga messo a norma per quanto attiene il vertice dirigenziale. Bene ha fatto il Sindaco a rimarcare tale lacuna ma occorre gettare le basi affinché si passi dalle enunciazioni ai fatti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2012 alle 15:59 sul giornale del 07 marzo 2012 - 1227 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, Ezio Amadio, sindacato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/v8V





logoEV