Poesie: ‘l monc(h)’ in piazza

Il Monco in Piazza Senigallia Senigallia 04/03/2012 - Continua l'appuntamento settimanale con la poesia scirtta nel nostro dialetto. Questa settimana Franco Patonico ha dedicato una composizione al Monco in Piazza. Su Poesie Senigalliesi la traduzione in italiano e tante altre poesie.

In piazza Roma, davanti al Municipi’
c’è ‘n munument’ fin’ dai tempi antichi,
saria ‘l Nettuno ch’è bell’, ma è mutilat’,
è senza bracci e n’ s’ sa chi è stat’.

I s’nigajesi da sempr’ l’hann’ chiamat’
‘l monc(h)’ in piazza e l’hann’ risp’ttat’
p’rché s’ pia l’ colp’ d’ st’ mond’
senza fiatà, dat’ ch’ n’ po’ rispond’.

Sta a testa bassa, par ch’nun’ sta atenti
a chi dic’ mal’ e a chi manda i accidenti;
sarà p’r quest’ e p’r altri impacci
ch’ ‘n bel giorn’ ‘i énn cascati i bracci.

Chi c(i)’ha i buffi e nun c(i)’ha ‘na lira,
trova l’ scus’ e po’gira e rigira
manda a riscot’ dal monc(h)’ in piazza,
tant’ n’ c(e) sent’ e manch’ s’incazza.

Chi invec’ vol’ avè sempr’ ragion’
s’ po’ mandà, com’ da tradizion’,
dal mon(h)’ ch’ sta malì senza ribatt’
e aculmò l’ fa passà anch’ da matt’.

Ma ‘l por’ monc(h)’, sa chi spisulacchi,
c(i)’ha anch’ lu’, com’ tutti i vecchi,
’l difett’ ch’ ‘i scappa e nun l’ ved:
piscia sempr’, ma s’ squizza i pied’.

Cusì ‘l Cumune, p’r curà ‘l difett’,
ogni tant’ i chiud’ ‘l rubinett’,
p’erchè ‘l monc(h)’, p’ sta sanità
nun ha diritt’ a nisciuna indennità.

Franco Patonico






Questo è un articolo pubblicato il 04-03-2012 alle 15:29 sul giornale del 05 marzo 2012 - 6844 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, senigallia, poesie, il monco in piazza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/v24

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie





logoEV