Il Gsa ricorda Bruno Bravetti, 'Un amico e un maestro'

Gruppo Società e Ambiente 1' di lettura Senigallia 01/12/2011 -

Era la metà degli anni settanta, quando si costituiva la sezione di Ancona dell’ARCI-Natura. La felice intuizione e lo stimolo erano partiti da un giovane intellettuale: Bruno Bravetti.



Era una delle prime esperienze di ambientalismo di sinistra, che partiva non certo senza diffidenze ed ostacoli. E non mancavano i dubbi e le incertezze anche tra di noi, allora giovani alle prime esperienze pubbliche. Ma Bruno sapeva sempre infonderci sicurezza e determinazione. Tra i primi impegni le campagne per l’istituzione del Parco del Conero, l’opera di vigilanza sui lavori di apertura alla valorizzazione turistica delle Grotte di Frasassi ed il recupero del Fondo Naturalistico Paolucci, fino ad allora abbandonato in un capannone della provincia.

Tra quei giovani ve ne erano anche alcuni di Senigallia, gli stessi che da lì a poco avrebbero costituito anche una sezione dell’ARCI-Natura nella nostra città, affrontando subito due temi molto importanti: la progettata lottizzazione turistica denominata “Le Piramidi” a Cesano e la richiesta degli operatori balneari di sostituire le cabine amovibili in legno sulla spiaggia con altre fisse in cemento.

Da quella originale esperienza nasceranno poi la Lega per l’Ambiente a livello regionale ed il Gruppo Società e Ambiente a Senigallia. Le diverse esperienze presero poi, nel tempo, strade diverse; ma con Bruno Bravetti non si persero mai i contatti poiché restò sempre un importante punto di riferimento per tutto il movimento. Di Bruno torneremo sicuramente a parlarne, quando il prossimo anno il GSA festeggerà i suoi trenta anni di attività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2011 alle 17:32 sul giornale del 02 dicembre 2011 - 567 letture

In questo articolo si parla di attualità, Gruppo Società e Ambiente, bruno bravetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sqD





logoEV