Furto in spiaggia, bagnante rimasto... in mutande

spiaggia 19/08/2011 -

Con il caldo e l'affollamento delle spiagge non sono sono mancati casi di furti sotto l'ombrellone. L'ultimo è successo giovedì mattina nel tratto di spiaggia libera sul lungomare Alighieri nei pressi del ponte Rosso.



Un cinquantenne, residente nell'entroterra e che aveva scelto di trascorrere una giornata al mare, è stato derubato dello zaino. E' bastato un attimo di disattenzione, giusto il tempo di allontanarsi dall'asciugamano per raggiungere la battigia, per fare al ritorno l'amara sorpresa. In pochi minuti tutto era sparito.

Il ladro ha arraffato lo zaino con il portafogli, i documenti, le chiavi dell'auto e dell'abitazione e perfino i vestiti lasciando letteralmente in mutando il malcapitato. L'uomo ha denunciato il furto alla Polizia.





Questo è un articolo pubblicato il 19-08-2011 alle 23:58 sul giornale del 20 agosto 2011 - 2034 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, spiaggia, senigallia, furto, molo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ozU


Che commento si può fare? Dove vive la persona oggetto dell'attenzione del ladro?

La percezione che siamo dentro uno stato di diritto si è molto abassata.

Da parte mia.Non solo in Italia ciò mi capita/è capitato, anche in ali paesi embri dell'Unone Europea e non mi riferisco solo a quelli dietro la "cortina di ferro".Capita di tuto. In Gran Bretagna un malessere sciale di casta che sarebbe "traboccato" ,pria o poi,lo percepivo già dieci anni fa.Chi fa casino sono solo teppisti, non disperati.I disperati ano da pensarte, purtroppo, alla loro disperazione, di certo è un pensiero più involvente piutosto che fare asino.Certamente il chiudersi in "aste", etnich, religiose , sociali, là è una scelta molto autodeterminata.Ogni quartiere, ogni zona ha la sua etnia, caraibica, araa, ebraica,italiana, cinese, sick, si partano, mi pare, cinquanta lingue circa.Molti dei 130mila italiani a Londra fanno lavori mal retribuiti rispeto al costo della vita e c'è chi è lì da decenni e realmente non si è mai interato, un po' come chi va a vivere a Milano.C'entra per il fato che uil multiculturalismo passivo fallisce, ma poi la cultura civile, dove è?Che riferimenti ha?Sempre meno.è un circolo.Ugualmente con le banlieues in Francia.




logoEV
logoEV