Summer Jamboree: conclusa con successo e soddisfazione la XII edizione

Summer Jamboree 08/08/2011 -

Coinvolgimento, qualità artistica e organizzativa, sicurezza e vitalità sembrano essere le parole chiave del successo del “Summer Jamboree” appena concluso a Senigallia (Marche – AN) e quelle con cui viene riconosciuto dal territorio. Anche quest'anno, i 9 giorni di Festival dal 30 luglio al 7 agosto, con un'anteprima il 29, hanno regalato qualità artistica alle stelle, ottima promozione mediatica e organizzazione, strutture ricettive piene, atmosfera piacevole e gioiosa, record dal punto di vista delle presenze.



La stima dell'afflusso in città durante la XII edizione di questo Festival che omaggia gli anni d'oro del rock and roll, nato quasi per gioco e passione, è di 250 mila presenze.

Un dato che supera notevolmente quello registrato l'anno scorso e che premia la qualità della manifestazione sotto tanti punti di vista, così come la scelta di riposizionare il Festival a cavallo tra la fine di luglio e la prima settimana di agosto. “Consideriamo questa edizione un successo di tutta la città e il territorio – commentano gli organizzatori del “Summer Jamboree”, Angelo Di Liberto, Andrea Celidoni, Alessandro Piccinini - se il Festival funziona così bene, si deve certamente alla cura che mettiamo in ogni aspetto della gestione dell’evento, ma anche alla collaborazione con il territorio, con il Comune di Senigallia che si è attivato con tutti i suoi uffici per supportarci nell’organizzazione, con le altre Istituzioni Pubbliche e attività private, con tutto il gruppo di lavoro della manifestazione”.

I risultati eccellenti dell'anno scorso, avevano spinto quest'anno ad “alzare l'asticella” e la scelta è stata premiata dal pubblico e dagli artisti, che ogni anno esprimono lusinghieri apprezzamenti sul Festival definito il più bello del mondo e dove in tantissimi chiedono di tornare. “Quest'anno abbiamo voluto in un certo senso rischiare – continuano i tre organizzatori - e restare ancora più fedeli all'anima del Festival, che parla di musica e di cultura degli anni d'oro del rock and roll. I due concerti principali, le esclusive di emblemi storici dell'R&B e del doo wo, Lloyd Price, The Bobbettes, The Cleftones, erano considerati di nicchia. Ma per noi è importante far emergere anche aspetti meno palesi. Non ci stancheremo mai di ricordare che il rock and roll è stato rivoluzionario a livello musicale ma anche sociale, il primo movimento interrazziale della storia, la mano nera e la mano bianca unite, come disse Alan Freed. Ringraziamo tutti quelli che ci hanno aiutato in questo, il pubblico straordinario che ha partecipato, ma anche quei nostri concittadini che hanno pazientemente sopportato gli inevitabili disagi che una manifestazione di tale dimensione comporta per chi abita negli spazi adiacenti ad essa, gli artisti e le istituzioni che rinnovano la stima nei nostri confronti, chi ha lavorato per far funzionare la grande macchina del Jamboree, la stampa locale e nazionale, e chiunque continua ad alimentare con noi questo magico sogno anni Cinquanta che è diventato il sogno di una città intera e di tutto un territorio”.

Tutte concordi le istituzioni, che anche quest'anno rivolgono un plauso sentito al Festival, rinnovando stima e sostegno e riconoscendolo sempre più decisamente un riferimento prezioso per la promozione del territorio e la sua economia.

Quella appena conclusasi – spiega il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardiè stata davvero un’edizione straordinaria del Summer. Nove giorni di musica di grande qualità, in un ambiente di autentica festa, con tanti appassionati italiani e stranieri che si sono dati appuntamento a Senigallia. Questa manifestazione ha dimostrato una volta di più di essere profondamente legata alla nostra città e radicata nel nostro tessuto locale. Tantissime sono state le persone che hanno vissuto l’atmosfera particolare del Summer, partecipando ai vari concerti ed iniziative e garantendo un forte sostegno alle nostre attività economiche. Tuttavia, più ancora che il numero complessivo degli spettatori ( davvero impressionante comunque) è il clima speciale che si è respirato in questi giorni a fare del Summer un evento davvero unico nel panorama artistico nazionale. Un grazie quindi di cuore agli organizzatori che riescono a dar vita ad edizioni sempre di grande qualità e a tutti coloro che hanno lavorato con impegno e passione per la buona riuscita della manifestazione”.

Secondo la presidente della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, “la chiave del successo di presenze, che quest'anno segna un nuovo record, risiede nel continuare a scommettere sul coinvolgimento. Non si tratta solo del puro divertimento di centinaia di migliaia di persone, ma di un intero territorio che si dispone all'accoglienza di massa, puntando sui diversi aspetti del turismo. Un settore in crescita che in provincia si conferma imprescindibile motore di sviluppo e di vitalità. Inoltre, si tratta di un turismo che si fidelizza, che torna e che permette dunque al territorio di progettare azioni a lungo termine. Questo significa essere un forte volano anche per la buona economia".

Edizione definita “entusiasmante in termini di qualità artistica e di presenze” dall'Assessore alla Promozione dei Turismi – Manifestazioni, Massimo Colocci. “Iniziative come questa – osserva - fanno bene alla nostra città, perché ne colgono e ne promuovono la vitalità in modo originale e insieme sicuro. Nonostante l'enorme afflusso di persone, il contesto resta eccellente per tutti, per primi gli operatori turistici, e ottimo per le famiglie”.

Sottolinea il valore promozionale e il contesto domestico anche Massimo Marroni, direttore commerciale di UniCredit Banca Roma per le Marche, Umbria, Lazio Nord che sostiene il Festival: “L'edizione di quest'anno mi ha colpito per la sempre maggior trasversalità sociale e per il bel coinvolgimento della città. Ho visto appassionati e ho visto famiglie, persone di tutte le età e di diverse generazioni, dai più piccoli ai più grandi che hanno voglia di divertirsi con semplicità. Per il futuro, mi auspico Senigallia come New Orleans, una città in cui la musica abbraccia ogni angolo e non solo quelli già coinvolti da Festival”.

Il SUMMER JAMBOREE, Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50, è organizzato dall’Associazione Culturale Summer Jamboree e promosso dal Comune di Senigallia in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Ancona, Sistema Turistico Locale Marca Anconetana. Partner etico Fondazione Maria Grazia Balducci Rossi per i più bisognosi Onlus.

Il "Summer Jamboree" nasce quasi per scommessa e oggi è uno dei principali appuntamenti dell’agenda estiva italiana, il più grande e importante festival del genere in Europa, nonché tra i primi tre al mondo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-08-2011 alle 16:05 sul giornale del 09 agosto 2011 - 925 letture

In questo articolo si parla di musica, attualità, summer jamboree

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ofv





logoEV