Giovani Idv: 'Biblioteca per ragazzi, la partecipazione è tanta'

Dean Hajredini 3' di lettura Senigallia 03/04/2011 -

Ancora una volta Senigallia è in prima linea nella cura dei beni e delle attività culturali con una tutela e ottima gestione del patrimonio storico, artistico, archeologico, paesaggistico e architettonico. Questi, in sunto, sono i campi attinenti al ministero e ai vari assessorati regionali, provinciali e comunali per i beni e le attività culturali.



A livello nazionale la cultura viene lasciata in balia delle accise sul carburante e visto che la sua gestione viene messa in mano prima a uno per il semplice fatto di poeticare su colui che gli ha conferito tale ministero e poi ad un altro per tenerselo calmo e buono dopo avergli fatto perdere prima il treno della candidatura alla Regione Veneto, poi per avergli sottratto sotto mano un altro ministero per darlo ad uno un po’ più, come si dice di questi tempi, “responsabile” la dice tutta. Senigallia anche questa volta va’ controcorrente.

Poche settimane fa’ infatti, nella nostra città, è stata inaugurata, sotto gli occhi di tanti assessori di Sindaco e Vicesindaco, la Biblioteca per Ragazzi. Una ventata di aria fresca per Senigallia. Poco tempo dopo l’inaugurazione già la partecipazione della cittadinanza è tanta. Nel corso della mattinata classi di scuole elementari, accompagnate dai maestri, fanno visita alla biblioteca antonelliana percorrendo prima il lungo corridoio ornato da quadri semplici ma allo stesso tempo piacevoli sia per occhi bambini e sia per occhi adulti. Il percorso all’interno del corridoio è accompagnato dalle addette bibliotecarie che riescono a coinvolgere i ragazzi in tutto e per tutto. In fondo al percorso si arriva nella sala della Biblioteca per Ragazzi, un ambiente molto piacevole per le giovanissime età.

Conclusa l’uscita scolastica, nel pomeriggio, ragazzi e ragazze, questa volta accompagnati dai genitori, fanno ritorno nella Biblioteca per Ragazzi dove sono i genitori stessi che, coinvolti attivamente dal clima, si siedono accanto ai loro bambini per leggergli i libri disponibili tra gli scaffali. Un pomeriggio che non è come tutti gli altri, un pomeriggio non trascorso davanti alla televisione ma un pomeriggio trascorso in mezzo a un sano ambiente, sopra i libri. Momento importante dal punto di vista sociale e famigliare dove il genitore trascorre del tempo con i propri figli, cosa che nella società odierna spesso e volentieri viene lasciata al caso.

Ringraziamo un'altra volta l’amministrazione comunale, il Sindaco Maurizio Mangialardi, l’assessorato competente e gli organi bibliotecari per questa azione culturale e chiediamo loro di continuare a percorrere questa strada che passa attraverso cultura, famiglia e formazione sociale. Un progetto simile, in un periodo nel quale un ministro della Repubblica dice che “con la cultura non si mangia”, ha un importanza vitale. Bisogna cominciare a voltare pagina e a prendersi cura della cultura, della formazione sociale soprattutto di chi sarà il domani, per chi rappresenta il futuro per il paese.


da Dean Hajredini
Giovani Italia dei Valori -Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2011 alle 15:57 sul giornale del 04 aprile 2011 - 815 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, biblioteca antonelliana, Dean Hajredini, Giovani Italia dei Valori -Senigallia, bibilioteca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jbY