Casa del Costume: ecco come sarà l'estate del 2011

3' di lettura Senigallia 14/02/2011 -

Come tutti gli anni La Casa del Costume apre le porte al pubblico il 14 febbraio. Un rituale per tutti coloro che si professano "innamorati dell'estate". Tante novità ci aspettano in questo ormai storico negozio senigalliese: dalla nuova collezione 2011 fino all'imminente restyling del logo.



Un opening all'insegna del colore è quello della nuova collezione 2011 proposta da La Casa del Costume che porta nella spiaggia di velluto marche dell'ultima moda grazie alla continua ricerca nel trend setting che Roberta e Giacomo, portano avanti da anni.

Parte in quarta l'opening del negozio con un sito aggiornato sui nuovi arrivi della collezione 2011. Una lettura della moda, dei costumi e dei loro accessori che vanno incontro a chi vuole essere immancabilmente trendy lasciandosi ammaliare dalle nuove tendenze e chi, più attento al portafoglio, sceglierà la merce scontata della stagione 2010.

Chi sceglie La Casa del Costume, sceglie le grandi marche, che ogni cliente affezionato conosce bene. Una galleria infinita di costumi stuzzicanti che può soddisfare ogni gusto e personalità nelle categorie uomo, donna, bambino. Senza considerare che La Casa del Costume è anche l'accessorio che cura e personalizza la moda mare. Si va dalla ciabattina per la donna all'infradito per l'uomo, dalla borsetta ricercata allo zaino, dal cappello avvolgente al cappello sportivo fino ad arrivare al pareo mare che si trasforma in pashmina, un caftano di seta che si fa abito da sera e, non ultimo, l'utilissimo telo mare.

Per la donna, la nuova moda selezionata da La Casa del Costume, parla di Tankini (costume intero con slip abbinato), di raffinati slip anni '50 e di reggiseni a fascia che ritornano nelle sfilate dell'alta moda. Un'esposizione pensata per la donna che mette in gioco colori forti ( verde in tutte le tonalità, azzurro, rosa...) nelle varianti tinta unita e fantasia e punta sui contrasti forti tra colori ed un unconventional effetto jeans. Dalle linee etno-chic di Miss Bikini dalla personalità marcata, alla linea romantica-sognante di Twin set per arrivare all'eleganza raffinata di paillettes e lustrini della collezione dello stilista italo-americano Jerry Tommolini, già noto per le linee pin up, che trasforma il costume in un gioiello con la sua inedita linea Agogoa. Non manca una linea fresca e frizzante come la linea Genius, una linea giovanile e divertente come Banana Moon, fino ad arrivare alla linea Fisico che punta su forme avvolgenti, pulite, ma ricercate e raffinate nel tessuto e nella freschezza del colore .

Per l'uomo non mancano i trendissimi boxer corti dalle tinte metropolitane, nè i board shorts per vivere liberamente lo sport in spiaggia con un prodotto tecnico e colorato che va dal flurescente al savana fino all'ecrù. Una collezione pensata per un uomo che cerca in un costume e nei suoi accessori ricercatezza o semplicità senza rinuciare alla praticità. Un abbigliamento mare e casual che va dalle polo della North Sails fino alle magliette Bikkembergs, da Frankie Morello alla Richmond, da MC2 Saint Barth alla RRD.

Ampliato anche il reparto bambino e bambina. Sempre in crescendo, La Casa del Costume, propone un abbinamento insolito e trendy tra costumino da bambina e quello della mamma e il boxer del bambino e quello del papà. Insomma una collezione 2011 promettente per una donna femminile densa di personalità e per un uomo esigente, ma anche per chi è mamma o papà e che cerca nella Casa del Costume una ricca selezione di tendenze, la garanzia delle migliori marche, ma soprattutto cortesia ed affidabilità.

E' in arrivo il look book nuovo, chi lo volesse ricevere gratuitamente a casa può prenotarlo da domani sul sito www.casadelcostume.com.








Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 14-02-2011 alle 21:38 sul giornale del 15 febbraio 2011 - 11328 letture

In questo articolo si parla di attualità, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ho7

Leggi gli altri articoli della rubrica pubbliredazionale