IdV a Paradisi sul Piano Casa: 'Il golpe? Analfabetismo ideologico'

italia dei valori 2' di lettura Senigallia 09/02/2011 -

Il Consigliere comunale Roberto Paradisi ci dà ancora l’ennesimo spettacolo disgustoso di populismo e demagogia con ormai unica differenza che è sempre più in salsa Leghista.



Il “golpe” gridato nel suo comunicato, con la bava alla bocca, commesso a sua detta dal presidente del Consiglio comunale Enzo Monachesi e le richieste di dimissioni sbraitate nell’ultimo Consiglio comunale sempre indirizzate verso il presidente del Consiglio denotano il suo analfabetismo istituzionale. I limiti di cui si parla, e che meglio di noi spiegherà l’Assessore all’Urbanistica Simone Ceresoni, a cui va la nostra solidarietà per le accuse deprecabili lanciategli addosso, rispondono ai nostri valori di solidarietà, sociale, famiglia, rispetto per l’ambiente e per la cultura, guardando Senigallia con un’ottica di sistema in relazione alle grandi eccellenze urbanistiche che verranno realizzate, guardando le fasce deboli e contrastando la speculazione. La nostra idea di piano casa è totalmente diversa dall’idea concepita da Berlusconi e che piace a Paradisi.

E’ un’idea che è centrata sul fatto che la casa è un diritto di tutti e non solo per chi ha i villoni e residance di lusso come l’Olgettina piena di prostitute a servizio del sultano nei festini Hard core ad Arcore. E’ un piano casa dalla parte dei cittadini il nostro e non dalla parte del più forte che è la parte a cui comodamente con la sua arroganza il consigliere Paradisi risponde. E’ un’idea di piano casa diversa dall’inizio che non avrebbe dato vita al piano casa realizzato dall’attuale governo, che lo sbandiera come un grande fatto capace di risollevare il Paese dalla crisi economica e che invece risulta essere inutile e vergognoso.

Per questi motivi noi dell’Italia dei Valori Senigallia ci troviamo d’accordo con le modifiche apportate dall’Assessore Ceresoni, modifiche con cui ci troviamo in sintonia. Ormai il Consigliere comunale Roberto Paradisi, forse in procinto di passare alla Lega Nord, continua solo a rappresentare una destra con la bava alla bocca – la peggiore della storia della Repubblica e del mondo – che vuol dividere il Paese indicando sempre un nemico da abbattere.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-02-2011 alle 09:34 sul giornale del 10 febbraio 2011 - 2616 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hce



difficile essere d'accordo sui toni di questo comunicato stampa, ma il problema è un altro:

da quando in qua le palazzine di seconde case sono "grandi eccellenze urbanistiche"?

Commento modificato il 10 febbraio 2011

Ma "voi dell'Italia dei valori" (cioè, in realtà, quella che Sgarbi definirebbe "capra" di cui ho parlato sotto l'altro comunicato odierno) siete d'accordo sul fatto che un vicino possa porre il veto su una ristrutturazione?
Perché di quello si parla, non dell'Olgettina.

Pierfederici Fabiano

Commento sconsigliato, leggilo comunque

La realtà è che non si vuole far ampliare le case.
Si vuole che si comprino quelle in costruzione alla Sacelit

Le grandi imprese, per questa Amministrazione, contano più delle piccole imprese o delle imprese individuali di muratori, tecnici, geometri, idraulici, elettricisti, imbianchini etc.

Io che ho votato Berlusconi arrivo ad ammettere che questa del piano casa era una delle pochissime cose buone portate fino in fondo da questo governo.
A Senigallia vogliono porre il veto anche su questa.




logoEV
logoEV