Blitz alla rocca del collettivo Zenit: la protesta studentesca arriva anche a Senigallia

1' di lettura Senigallia 27/11/2010 -

Un'azione di pochi minuti ha caratterizzato la protesta anti-Gelmini a Senigallia: una decina di giovani del Collettivo Studentesco Zenit hanno occupato i bastioni della Rocca Roveresca esponendo due striscioni e accendendo un fumogeno.



Di certo, quello che è accaduto intorno alle 17.45 di sabato pomeriggio, nulla aveva a che vedere con le proteste portate avanti dagli universitari che si sono arroccati sui tetti delle accademie anche per giorni, ma è stato comunque un segnale di solidarietà che ha visto protagonisti alcuni giovani studenti senigalliesi.

Una volta saliti, con qualche difficoltà, in cima alla Rocca Roveresca i ragazzi del Collettivo Zenit hanno subito esposto due striscioni - nei quali era scritto "respingiamo la Gelmini" e "dimettiamo Berlusconi" - poi hanno iniziato a fare le loro rivendicazioni per mezzo di un megafono mentre veniva acceso un fumogeno di colore rosso.








Questo è un articolo pubblicato il 27-11-2010 alle 19:12 sul giornale del 29 novembre 2010 - 996 letture

In questo articolo si parla di cronaca, università, riforma gelmini, Collettivo studentesco Zenit, alberto bartozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/eSr





logoEV
logoEV