Chiaravalle: Pd provinciale, avviate le consultazioni per le elezioni regionali

emanuele lodolini Senigallia 06/12/2009 - Si è svolta ieri a Chiaravalle l’Assemblea dei Coordinatori di Circolo del PD della provincia di Ancona. Ad introdurre i lavori è stata la relazione del Segretario provinciale Emanuele Lodolini.

“Al vertice delle priorità mettiamo la crisi, la disoccupazione e i problemi dei marchigiani e parliamo di quelli” ha spiegato Lodolini. Il Pd dovrà avere come punto di riferimento le difficoltà delle persone davanti alla crisi economica che non è ancora alle spalle. Per tali ragioni si stanno svolgendo in questi giorni incontri con le organizzazioni sindacali, le associazioni agricole, le categorie economiche e con il mondo della cooperazione e del terzo settore.


L’11 e 12 dicembre il Pd sarà nelle principali piazze della provincia per presentare le sue proposte contro la crisi. Sempre il 12 dicembre, inoltre, si terrà una manifestazione dei Sindaci PD della provincia contro i tagli in finanziaria agli enti locali. Gli obietti del PD sono: vincere le elezioni regionali mettendo in campo un nuovo riformismo per il futuro delle Marche e tornare ad essere nelle Marche il primo partito.


Sempre a Chiaravalle venerdì 4 dicembre si è invece svolta la prima riunione della Direzione provinciale del PD, eletta durante l’Assemblea provinciale del 21 novembre scorso. Avviata per il prossimo fine settimana in tutti i circoli della provincia un’ampia consultazione, aperta ad iscritti e al popolo delle primarie del 25 ottobre, per individuare i 13 candidati del Pd di Ancona per il Consiglio. I candidati dovranno rispondere ai presenti requisiti: autorevolezza e rappresentatività, la competenza adeguata, l’equilibrio di genere, il rispetto delle culture e sensibilità del partito e della sua natura plurale, l’apertura alla società civile, l’equilibrio territoriale.

Nel corso dei lavori ognuno potrà esprimere al massimo 2 nominativi (un uomo e una donna). Possono essere indicati anche i Consiglieri e/o Assessori regionali in carica al primo o al secondo mandato. Come indicato dalla Direzione provinciale, al termine della consultazione nei Circoli saranno i Coordinatori stessi a redarre un verbale indicando accanto alle proposte nominative, il relativo numero delle segnalazioni ricevuto da ciascuno.


Seguiranno riunioni delle Unioni comunali di Ancona, Jesi, Senigallia o dei coordinamenti di Area omogena. In seguito i nominativi saranno trasmessi al Segretario provinciale che dovrà formulare la proposta all’Assemblea provinciale che si terrà entro il 16 dicembre pv.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2009 alle 18:49 sul giornale del 07 dicembre 2009 - 2947 letture

In questo articolo si parla di emanuele lodolini, chiaravalle, politica, jesi, osimo, senigallia, partito democratico, ancona, fabriano, pd


Come mai vi siete rimangiati tutti i buoni propositi espressi all\'atto della costituzione del PD e non avete fatto le primarie per la scelta del candidato governatore? Preferite andare sul sicuro e consentirle solo quando sono ad esito certo come a Senigallia?

Pur non essendo un adepto fervente del PD, ritengo che per l\'indicazione del candidato Governatore delle Marche da parte del Partito Democratico, non servono le primarie. E\'abbastanza significativo il lavoro svolto dal Presidente Spacca in tutti questi anni del Suo indefesso e profiquo impegno in politica e nella guida della Regione Marche.<br />
Ad majora Gianmario!!!!!.

Questo PD marchigiano non è credibile! A seconda delle convenienze, a volte sceglie le primarie e a volte le nega, oppure fa ampie consultazioni sapendo che le decisioni (quelle vere) sono già state prese da tempo e altrove (nelle segrete stanze di qualcno!)!!




logoEV