Gli Usa sbarcano alla Rotonda, Campanile tende la mano ai bagnini

3' di lettura Senigallia 05/04/2009 - Un appello ai bagnini affinchè aprano gli stabilimenti. È il messaggio lanciato dall\'assessore al turismo Gennaro Campanile agli operatori di spiaggia, sul piede di guerra dopo che il ministro Giulio Tremonti ha stralciato l\'accordo sottoscritto a livello nazionale dal suo sottosegretario Michela Vittoria Brambilla e che prevedeva il dilazionamento dell\'aumento dei canoni.

La decisione del ministro dell\'economia prevede l\'incremento dei canoni demaniali dal 100 al 300% (a seconda delle tipologie di concessioni) con effetto retroattivo a partire dal 2006. Un dietro front del governo che ha mandato su tutte le furie anche i bagnini di Senigallia che hanno minacciato lo sciopero. Il che significa che le strutture balneari potrebbero restare chiuse in concomitanza delle prime belle giornate di sole o dei ponti di primavera.


Siamo vicini ai bagnini che in questi giorni sono preoccupati per l\'aumento dei canoni demaniali -afferma l\'assessore al turismo Gennaro Campanile- mi auguro che il governo riveda la sua decisione e prenda in considerazione le istanze degli operatori. Voglio anche invitare i bagnini ad aprire comunque le strutture. È importante che la città si faccia trovare pronta e accogliente all\'arrivo dei primi turisti di bassa stagione. Abbiamo già diverse richieste per Pasqua e per i ponti di primavera e sarebbe davvero un peccato dare un\'immagine sbagliata della nostra città. Sono convinto che con il buon senso di tutte le parti troveremo risposte adeguate a tutte le esigenze”.


Sulla stagione turistica ormai alle porte pende allora una duplice minaccia: la protesta dei bagnini e la crisi economica nazionale. E per salvare l\'estate della spiaggia di velluto il Comune punta tutto su marketing e promozione. Se da un lato l\'Amministrazione tende la mano agli operatori di spiaggia, dall\'altro cercano di allettare i tour operator trans-oceanici. Proprio sabato infatti ha fatto tappa a Senigallia, visitando la Rotonda in particolare, un gruppo di promoter turistici provenienti dagli Usa. Una cinquantina, tra cui anche alcuni giornalisti americani specializzati nel settore turistico, grazie a un’iniziativa della Regione Marche, dell\' Enit e di Alitalia, stanno visitando in questi giorni le Marche. Tra Urbino e le grotte di Frassi il sindaco Luana Angeloni ha voluto che anche la spiaggia di velluto fosse inserita nella tappa marchigiana dei tour operator americani. Il gruppo è arrivato intorno alle 14. Ad accoglierli c\'erano il primo cittadino, l\'assessore alla promozione Velia Papa e Riccardo Strano dell\'Enit. Anche se non presenti fisicamente, i due chef, ambasciatori della Rotonda nel mondo, Mauro Uliassi e Moreno Cedroni hanno preparato una sorta di colazione di lavoro a base di alcune degustazioni dei loro famosi piatti a base di pesce.


Sul fronte della stagione turistica, si dice fiducioso l\'assessore Campanile. “Abbiamo svolto nei mesi invernali e lo stiamo facendo tuttora un intenso lavoro di promozione della spiaggia di velluto -ricorda l\'assessore al turismo- abbiamo messo a punto insieme agli operatori turistici pacchetti sempre più allettanti e competitivi e i primi frutti li stiamo già vedendo. Basti pensare che in questo week end si stanno svolgendo alla piscina delle Saline i campionati di nuoto con oltre 850 atleti in città. Nonostante la crisi il turismo a Senigallia reggerà. La macchina organizzativa dell\'accoglienza è già in moto. I ristoranti sul lungomare sono quasi tutti aperti, gli alberghi pure e i locali estivi per Pasqua saranno tutti aperti”.








Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2009 alle 12:50 sul giornale del 06 aprile 2009 - 5692 letture

In questo articolo si parla di luana angeloni, attualità, rotonda, giulia mancinelli, turismo, gennaro campanile, moreno cedroni, mauro uliassi, riccardo strano


Campanile mostra di non aver capito niente dei problemi dei bagnini. E non è un caso. La sindaca, di non aver capito niente di flussi turistici, e soprattutto di presenze possibili. E non è un caso. Per lei e la sua giunta, oltre agli appartamenti il nulla (ma non era lei che in campagna elettorale 2004 aveva stragiurato in pubblico, piazza Roma, rispondendo a una precisa domanda, che mai e poi mai alla Sacelit sarebbero sorti appartamenti? Ne sono arrivati 200 che saranno sempre vuoti e nulla porteranno a Senigallia, se non inquinamento e traffico)<br />
<br />
Sto prendendo un po\' di informazioni sulla questione bagnini. Quando ho un po\' di tempo di riscriverle, le socializzo. Così, tanto per discutere di questioni concrete e utili per l\'economia cittadina e non del sesso degli angeli. Gli angeli che svolazzano sui campanili.

Però, per fortuna, ci sei tu che capisci tutto

Ti sbagli. Io non ne capisco niente. Tant\'è vero che se voglio capire sono costretta ad informarmi da chi le cose le sa. Forse è questo che dovrebberio fare i nostri amministratori. Altro che tarallucci e vino alla Rotonda...! Una informazione completa e la spiegazione delle loro azioni è un loro obbligo, non una facoltà. Hanno voluto la bicicletta? E allora, perché non pedalano?


mah, così, a occhio (e in mancanza di notizie certe) a me quella dei bagnini sembra un po\' la questione delle quote latte<br />
<br />
accettabili inasprimenti fiscali (per le quote latte erano tetti di produzione) sono stati progressivamente derogati per accontentare le clientele delle associazioni<br />
<br />
quando è arrivata la scure fiscale nessuno si fa trovare pronto a pagare gli arretrati<br />
<br />
come la mucca Ercolina porteranno un pedalò a Roma?

In Piazza Duomo si pagano circa 250 euro all\'anno per un occupazione suolo pubblico di 40 metri quadri un giorno a settimana dalle 6 del mattino alle 14.<br />
Praticamente se i bagnini dovessero pagare la stessa cifra, considerando che occupano il suolo pubblico per almeno quattro mesi equivalenti a 120 giorni dalla mattina alla sera, per una superficie non di 40 metri quadri ma di almeno 5000 mq (mi sono tenuto stretto) dovrebbero pagare una cifra enorme.<br />
Ora nessuno vuole strozzare i bagnini, ma pagare 900 euro all\'anno mi sembra abbastanza pochino....

A parte , ormai, il solito disco sui demeriti della sindaca e degli assessori ( permettetemi: armai venuto a noia).<br />
In merito faccio notare che Senigallia è stata l\'unica città delle Marche che l\'anno scorso ha avuto un incremento turistico, per essere una città in cui gli amministratori non capiscono niente di flussi turistici, non c\'è male, e visto che gli amministratori non capiscono nulla ò è stata fortuna o non hanno capito nulla neppure i turisti , magari erano convinti di essere a Viareggio.<br />
Invece grazie a Quilly che con la sua informazione ci fornisce un primo squarcio.<br />
Infatti se non sappiamo di che cifre parliamo la discussione è solo accademica.<br />
Ogni categoria ha i suoi problemi, oggi poi, la clientela spende sempre meno ed i costi aumentano sempre più.<br />
Ma se si verificasse il caso, come ipotizza Quilly, che l\'aumento è solo un adeguamento di una situazione di favore goduta sino ad ora, ebbene la situazione è ben diversa.<br />
Insomma: quanto costano queste concessioni?

Sentivo che la peggior critica all\'Italia, intesa come meta turistica, erano gli alti prezzi: specie confrontati con i servizi.<br />
Personalmente quando mi è capitato di essere ospite non mi sono mai potuto lamentare (ma ho una pazienza infinita, in quel caso), ma visto che il nostro paese ha perso quote turistiche a vantaggio di altri, non ultimo proprio gli \"States\" americani, e con in più la congiuntura economica attuale, mi chiedo quanto interesse ci sia per un americano di venire in vacanza da noi.<br />
In ogni caso ben venga il messaggio pubblicitario e di ospitalità, se c\'è un interesse è sempre meglio ampliarlo piuttosto che spegnerlo brutalmente, e molto fa il Summer: proporrei un premio agli organizzatori, anzichè continui bastoni alle ruote...

Secondo me l\'amministrazione sta sbagliando tutto sul turismo; dall\'immobilismo più totale si passa a queste pseudo iniziative di promozione tra l\'altro palesemente sbagliate; non capisco perchè un americano dovrebbe, tra tutti i posti del mondo e tra tutti i posti in Italia venire a Senigallia: l\'offerta turistica è assolutamente scadente, il mare non è un granchè (non siamo in costa smeralda) e a livello artistico c\'è molto da visitare in Italia prima di vedere la regione Marche.<br />
Non è che si sta sbagliando target?<br />
E poi si fa promozione su qualcosa, non sul nulla.<br />
Continuare a puntare sul slo summer jamboree è inutile.<br />
C\'è poi chi parla di flussi turistici aumentati lo scorso anno; per quanto ho sentito dire, ci sono stati conteggiati i muratori che a fine estate dimoravano negli alberghi perchè le loro imprese avevano qualche commessa in città.<br />
Se questa è l\'idea per incentivare il turismo, si spiegherebbe anche la miriade di mini appartamenti che si continua a costruire!

I bagnini si guardano bene dal comunicare quanto costano le loro concessioni.<br />
<br />
Ma l\'assessore, che esprime solidarietà elettorale, lo sa?<br />
E se lo sa perché non lo dice?<br />
<br />
.

Senigallia in realtà ha da offrire moltissime cose, forse più della riviera romagnola: ha un entroterra integro, con piccoli borghi e città fortificate a pochi passi, e poche altre realtà possono vantare la possibilità di un attrattiva multipla mare+entroterra storico tutti assieme.<br />
In questo è alla pari, o forse poco più sotto, di Rimini, che però ha dalla sua San Marino...<br />
Di sicuro gli Stati Uniti non possono vantare un panorama \"storico\" come il nostro in Italia, nelle Marche in particolare: e poi pure gli inglesi erano rimasti affascinati dalla nostra regione, dopo la Toscana.<br />
Basterebbe farle conoscere queste cose, e renderle \"accessibili\" con dei servizi collegati agli alberghi (magari già ci sono, ma non li conosco...non frequento gli alberghi di Senigallia).<br />
Magari non è proprio il periodo migliore, ma perchè mai scartare la possibilità? L\'importante è che \"se ne parli\".

Le cose sono un po\' più complicate. I bagnini hanno ragione ma solo per alcune assurde incoerenze della nuova normativa (un po\' come succede per gli studi di settore), come un giovane bagnino mi ha spiegato. Tra l\'altro, anche in queste vicende c\'è di mezzo la speculazione edilizia... (Ma va?)

Si che la nostra regione sia bella lo so bene, che l\'entroterra sia affascinante lo so; ma il problema è che a parità di prezzi (spesso a meno) trovi altri posti del mondo (e d\'Italia) almeno altrettanto affascinanti.

morganti valter

Il suo folcoloristico mini articolo farebbe vendere un sacco di giornali ma purtroppo oltre che demenziale e anche improbabile. Intanto la media degli stabilimenti balneari a Senigallia è di circa 2000 mq e già questi superano di circa 2,5 volte il canone dei 900 euro che lei ha menzionato. Ma a parte le stupidaggini che sono state scritte nel suo articolo, io mi chiedo perche tante polemiche contro questa categoria e non ad esempio contro quella dei notai che per 15 minuti di lavoro ti chiedono 1800 euro, o dei farmacisti, o dei dentisti, o dei medici che trovano anche il tempo di fare politica e potrei continuare....di sicuro Lei non diventera una Ilaria Alpi del giornalismo...<br />
Alla fine penso su tutti quelli come lei che sicuramente è stato ripreso o \"sgridato\" da piccolo o peggio da grande da qualche bagnino che le ha impedito di fare quello che le pareva in spiaggia con i suoi amici. Non può essere altrimenti... NB. io mi firmo faccia altrettanto

morganti valter

Quanto costa una concessione lo dice il mercato e non i bagnini, sarebbe stupido svendere o vendere sottocosto. Se la sua casa per un insieme di fattori positivi aumentasse di valore lei cosa farebbe la venderebbe al vecchio valore.(ma per favore) Le posso comunque dire che a Senigallia secondo me per un insieme di fattori che gli amministratori conoscono bene non valgono quello che costato per il semplice fatto che non rendono quello che rendono a Fano o impossibile ma vero a Falconara per non parlare degli stabilimenti Toscani, Laziali, Liguri, che offrono di meno ma rendono di più...fatemi un favore parlate solo di questioni che conoscete bene e non parlate a vanvera se no capita quello che sta capitando, e cioè che anche l\'ufficio dell\'entrate si mette in testa tutte le caz... di cui Lei e i suoi compagni siete convinti.-. e pregato di firmarsi grazie