Arcevia: innovare e rinnovare, linee guida del PD

pd 1' di lettura 13/02/2009 - Si è svolta nei giorni scorsi l’ Assemblea degli iscritti del PD di Arcevia. I lavori sono stati introdotti dal Coordinatore del Circolo Fiorenzo Quajani e dal Sindaco Silvio Purgatori e conclusi dal Segretario provinciale Emanuele Lodolini.

Espresso unanime apprezzamento per il lavoro svolto dal Sindaco e dalla sua maggioranza in questi 10 anni. Ora anche ad Arcevia, come in altre realtà della provincia, il PD è chiamato ad “innovare” e a “rinnovarsi” per far fronte alle nuove problematiche che emergono tra la popolazione, legate ad un contesto critico dal punto di vista economico e sociale.


In una fase di profonda crisi da parte del Governo continuano a mancare interventi per contrastare gli effetti della recessione, un piano organico di sostegno all’economia e alle imprese, alle migliaia di persone che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro, a partire dai precari, alle famiglie che fanno sacrifici per necessità o per prudenza. Sono davvero non più rimandabili le misure per estendere gli ammortizzatori sociali a chiunque perde il proprio posto di lavoro, per sostenere il potere d’acquisto delle famiglie.


Al Coordinatore Quajani è stato dato mandato di verificare con gli esponenti locali dei partiti di centrosinistra la disponibilità a dar vita ad un’alleanza politica, sulla base di un confronto programmatico, finalizzata alla costruzione di una lista di centrosinistra da presentare alle prossime amministrative. Il PD, consapevole del forte consenso elettorale di cui gode tra gli elettori di Arcevia, pur non percependo il proprio ruolo con spirito di autosufficienza, avverte la responsabilità nei confronti dei cittadini di dover esprimere il prossimo candidato a Sindaco del Comune di Arcevia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-02-2009 alle 17:31 sul giornale del 13 febbraio 2009 - 1904 letture

In questo articolo si parla di arcevia, politica, partito democratico, ancona, pd, pd provinciale


In questo momento di crisi acuta il Pd dovrebbe, a livello nazione, essere meno critico e più propositivo evitando inutili polemiche su tante vicende di cui ormai agli italiani nn interessa NULLA (vedi costituzione ecc ecc) visto che molti si trovano senza lavoro.<br />
<br />
A livello locale il pd NON ha un forte consenso dovuto al suo operato!<br />
Nessuno dei suoi elettori è soddisfatto del suo operato ma purtroppo nessuno dei suoi stessi elettori ha il coraggio di dirlo o di fare qualcosa (nel migliore delle ipotesi votano scheda bianca!) quindi per le prossime elezioni avremo il solito inciucio fra le varie \"sinistre\" (di cui già in ogni caso si conosce il candidato...) che porterà ulteriori danni alla comunità arceviese.<br />