Al Palapanzini \'Il cuore nel canestro\'

il cuore nel canestro 1' di lettura Senigallia 02/02/2009 - La pallacanestro Senigallia insieme alla S. Stefano basket di Porto Potenza Picena, con il patrocinio del Comune di Senigallia, la Consulta del Volontariato e la partecipazione di diverse società di basket giovanile riunite dal marchio “Maior”, organizza un incontro fra le due squadre, che militano in B2 e A1, per sensibilizzare alla pratica del “porsi dall’altra parte”, del vivere lo sport come percorso di formazione della persona. Per questo i giocatori di Senigallia si confronteranno amichevolmente con quelli del S. Stefano sedendosi anche loro su carrozzina. (Mercoledì 4 febbraio, ore 21, PalaPanzini di Senigallia).


Un incontro unico e “ripetibile”, fra cosiddetti normodotati e portatori d’handicap, che invertirà per tutti il significato di “disabilità” e “abilità”, portando semplicemente i primi a sedersi su carrozzina e giocare contro chi in carrozzina fa sport agonistico ad alto livello. La percezione delle capacità degli uni verrà così a confrontarsi con la diversa abilità, tanto che è facile prevedere in campo un inversione di abilità. Sarà una serata di sensibilizzazione e di divertimento, di competizione e di prove anche per il pubblico chiamato a provare il tiro a canestro da una carrozzina. La conduzione è affidata a Fabio Girolimetti, giornalista di NerosuBianco e Giorgio Ponzio, giovane appassionato di basket, in carrozzina dalla nascita, insieme alla simpatia e alle notazioni musicali di Pierma che \"mischia i dischi\".



L’iniziativa prosegue l’attività di partecipazione permanente della Pallacanestro Senigallia, prima nello sport senigalliese ad offrire sostegno con convinzione e concretezza al mondo del volontariato e dell’assistenza alla persona. Il ricavato della serata ad ingresso è infatti devoluto ad un’Associazione cittadina.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 02 febbraio 2009 - 1120 letture

In questo articolo si parla di attualità, dmp