Al Gratis, i \'Lex 180\' con \'Mano nella mano con lui\'

2' di lettura Senigallia 23/01/2009 - Correva l\'anno 2004 quando a Filippo Di Capua e a Carlo Marcosignori venne in mente di formare un gruppo musicale.

Ma una rock band non è niente senza un bassista e fu così che chiesero a Peppe Palumbo di suonare con loro. Ultimo ma non meno importante è stato Nicola Bavosi che fece il suo trionfale ingresso con la chitarra. In breve tempo si avviarono alla \"carriera\": come tutte le nuove rock band hanno iniziato a suonare pezzi di alcuni gruppi presi come modelli (Ramones, Deep Purple, Blink182, Green Day...).


Primo debutto fu a Marina di Montemarciano durante la sagra del pesce...che dire? Un successo!! No a parte tutto il concerto è andato alla grande...tra l\'altro il nome della band fu deciso proprio in questa occasione a pochi secondi dall\'ingresso sul palco..la presentatrice domandò sussurrando: \"come vi chiamate?\" e qualcuno del gruppo..\"Lex 180!\" (legge Basaglia che ha sancito la chiusura dei manicomi in Italia) Vi chiederete perché. Si sentivano un gruppo di pazzoidi e non potendo più disporre di una struttura adeguata a contenerli gli parse che quel nome fosse decisamente adeguato. Successivamente hanno partecipato a numerose assemblee d\'istituto e a concerti live al palazzetto dello sport di Senigallia.


Da quel giorno hanno iniziato ad avere numerosi fans e proprio grazie a questo sostegno e anche con il desiderio di raggiungere alte prospettive che tuttora continuano a suonare. I Lex 180 non hanno grandi pretese perché il loro unico obiettivo è divertirsi e far divertire chi li ascolta...e in occasione di Scorribande presenteranno finalmente il loro primo CD (“Mano nella mano con lui”) interamente prodotto con mezzi propri.


I Lex 180 vi aspettano numerosi al Gratis sabato, 24 gennaio ore 21,00 per farvelo ascoltare.


Per ulteriori informazioni: http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewProfile&friendID=256888636








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 23 gennaio 2009 - 3178 letture

In questo articolo si parla di age, alberto di capua, genitori, spettacoli


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV