Rebecchini: per Senigallia serve un nuovo governo

luigi rebecchini 1' di lettura Senigallia 05/09/2008 - Apprendiamo dai locali Pd e Verdi tutta una serie di atti che sarebbero anti-democratici....

E\' antidemocratico presentare in consiglio comunale mozioni bene articolate e non fumose (fanno perdere tempo).
E\' antidemocratico non avere accettato nell’ultimo consiglio la loro discussione postecipata e, di fatto, non più efficace.
E\' antidemocratico esprimersi, adesso e in modo chiaro, su palazzo Gherardi.
E\' antidemocratico non accettare le \"belle parole\" di Ceresoni anche video-audio registrate.
E\' stato antidemocratico non avere accettato in passato i nove secondi per discutere gli emendamenti sulla variante al prg area Arceviese.
E’ stato antidemocratico avere votato contro la suddetta variante.
Siamo stati antidemocratici a chiedere, pazientemente per oltre un anno, una verifica sui programmi attuati e da attuare.
E\' antidemocratico essere forza politica autonoma che crede nel valore dialogico delle idee.
E’ antidemocratico affermare che questa maggioranza non è più quella voluta dagli elettori.

Democratico è invece il pensiero unico.
Democratico è adeguarsi a quello che il sindaco impone.
Non ci stiamo.


Per Senigallia, profondamente democratica, è necessario un nuovo governo cittadino. E’ necessario uno stile profondamente diverso di governare, l’arroganza e la forza muscolare, vanto di questa amministrazione, vanno messe da parte, è ora di governare con la forza delle idee e del confronto.


da Luigi Rebecchini
segretatio Rifondazione Comunista




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 05 settembre 2008 - 3702 letture

In questo articolo si parla di rifondazione comunista, luigi rebecchini, politica, senigallia


Rebechini sempre più un idolo ... quasi quasi mi convince a diventare comunista.

Tarcisio Torreggiani

Credo che Rebecchini abbia messo il dito nella piaga: E\' a mio avviso una piaga da estirpare il sistema di potere istaurato dall\'Angeloni e la sua Giunta e il suo PD a Senigallia.<br />
<br />
Se Rebecchini sarà conseguente rispetto a quanto denuncia credo che otterrà molte attenzioni.<br />

Luisa

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Non ho mai amato la polemica, in quanto è divertente sì ma non serve a nulla se non a rinforzare gli animi nelle proprie convinzioni e dare la carica al proprio elettorato e qualche volta \"acchiappa\" di più dei discorsi propositivi e legati alla realtà. D\'altronde parlar male del \"governo\" (qualsiasi governo) è lo sport più praticato in tutti bar: è facile, semplice e lo possono fare tutti, non occorrono particolari doti.<br />
La cosa che però mi preoccupa è quando la stessa cosa la fanno persone che secondo me dovrebbero essere un pò più responsabili e che dovrebbero avere una prospettiva, un progetto ed invece non si esimono dal solito chiacchiericcio. <br />
Stendiamo un velo pietoso sulla seduta del consiglio in quanto cercare scusanti o ragioni a comportamenti indecorosi aumenta solo il basso livello della discussione, volevate un clima da stadio e un clima da stadio c\'è stato ( allo stadio si usa anche un linguaggio poco elegante, non faccia la verginella) la diatriba su chi ha cominciato prima e su chi ha ragione o torto è sterile quanto i bisticci dei bambini.<br />
La cosa invece che dovrebbe preoccupare è che se mettete la firma dell\'Avv Paradisi sull\'articolo di oggi e quella di Rebecchini sull\'articolo dell\'altro ieri dell\'Avvocato , e così per tanti altri nessuno se ne accorgerebbe (provate per credere). Capisco che siamo in campagna elettorale ma la prospettiva qual\'è RC al 51% o una coalizione RC destra? (nota polemica: per ora vi fate prestare il megafono, poi...)<br />
Quali proposte per via Bari, Quali proposte, realistiche, per la complanare, nessuna. <br />
Poi si critica il decisionismo del sindaco.(Anche i miei figli criticano il mio decisionismo quando mi rompo delle loro continue schermaglie e impongo una soluzione)Ma l\'alternativa è il continuo discutere, il continuo obiettare per non decidere nulla.<br />
I Verdi hanno già pagato caro questo tipo di impostazione politica spero che ne traggano insegnamento. La gente che pensate di rappresentare vuole proposte, serie e realizzabili e non demagogia. <br />
E proprio per questo, parafrasando la fatidica frase, alle ultime elezioni sono gli elettori che \"....... \" almeno ai verdi, per ciò che vi riguarda fate un pò voi.<br />
<br />

Sig. Mauri, la invito a rileggere questo passo del suo commento \"...D\'altronde parlar male del \"governo\" (qualsiasi governo) è lo sport più praticato in tutti bar: è facile, semplice e lo possono fare tutti, non occorrono particolari doti.<br />
La cosa che però mi preoccupa è quando la stessa cosa la fanno persone che secondo me dovrebbero essere un pò più responsabili e che dovrebbero avere una prospettiva, un progetto ed invece non si esimono dal solito chiacchiericcio....\" <br />
, che a me risulta se non proprio offensivo, quantomeno poco elegante nei confronti di quei \"clienti\" di quei bar a cui lei fa accenno ed ai quali poi tutti i politicanti vanno a scappellarsi nel periodo di propaganda elettorale alla caccia di voti. Denota come un suo senso di riconoscimento, nei confronti dei nostri amministratori, di superiorità intellettuale che, creda pure, io non vedo e non riconosco, almeno per un buon numero di loro. Arroganza forse si, e che questo modo di scrivere forse ne sia una dimostrazione ? Sul resto del contenuto dell\' articolo e del suo commento non entro in merito, si può condividere o meno secondo le proprie idee, ma vorrei pregarla, non sputi sul quel piato in cui, anche il suo partito (verdi ? se non ho letto male giorni or sono)dovrà prima o poi andarsi a genuflettere.<br />
Franco Giannini

Se le sembra che abbia offeso qualcuno, mi creda non era nelle mie intenzione. Ciò che mi premeva sottolineare era appunto il cercare consenso elettorale, senza entrare nel vivo dei problemi, con proposte alternative ( sempre realizzabili), ma mantenendo il dibattito a basso livello, quale solitamente è la polemica.<br />
Non metto in dubbio che il potere e l\'arroganza possono spesso andare a braccetto, forse è fisiologico ( metti addosso una divisa a qualcuno e si sente onnipotente)ma non è sempre così come non si può sempre definire una decisione una prevaricazione. E per quel che so ci sono ancora persone che si dedicano alla amministrazione con spirito di sacrificio e convinte di operare per il bene della città.<br />
Per quel che mi riguarda credo che un gravissimo errore di tutta la sinistra italiana ,ed i verdi si sono appiattiti su questa linea ( lasciamo perdere poi tutta una serie di altri problemi di politica interna al partito), sia stato quello di essere rimasta autoreferenziale, di non essersi accorta che la genete non la capiva più, pensavamo di essere noi a fare politica ed invece la politica la faceva la televisione, con le Veline, i quiz ecc.E noi abbiamo continuato con la nostra supponenza, da detentori della verità. <br />
Con la politca dei no,dello sfasciare tutto senza poi preoccuparsi di chi e con chi ricostruire, forse qualche responsabilità per chi c\'è al governo oggi ce l\'abbiamo.<br />
Non mi interessa qui se i voti dei verdi di Senigallia andranno a rifondazione il problema è che se non cambiamo sarà inutile anche andare a \"scappellarsi\" nei bar, che ci mandano via.

Bravo Rebecchini... :-)




logoEV