Piero Pelù dà un buongiorno speciale a Senigallia

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
05.45. è l’alba. I pescherecci al largo stanno tirando su le loro reti, mentre un popolo di assonnati sta sciamando pian piano nella spiaggia davanti alla Colonia dell’Enel.
Qui si è infatti tenuto questa mattina il concerto dell’attesissimo Piero Pelù, che rientra nel calendario del CaterRaduno.

di Giulia Angeletti
foto e video di Michele Pinto
redazione@viveresenigallia.it


Con le cispe agli occhi, una colazione ancora da fare, una marea di gente ha deciso di farsi una levataccia per venire a sentire il mitico Piero Pelù.
Prima del concerto c’è stata una breve introduzione di Cirri & Solibello: “Stiamo per mettere insieme due concetti che prima d’ora non si sono mai incontrati: L’alba e Piero Pelù”.
Accogliamo quindi Piero prima con un grande sbadiglio e poi con un boato”.

Dopo vari sbadigliamenti, Piero Pelù è finalmente salito sul palco passando per la spiaggia. Si è presentato con un completino da impiegato dicendo: “ Questo vestito era di mio nonno, che lo metteva ogni mattina quando andava a lavorare a quest’ora. L’ho messo io questa mattina per fare un omaggio a tutti quelli che si svegliano alle 5 ogni giorno per andare a lavorare”.

È poi iniziato il concerto, prima tra le esitazioni del sonno, ma poi ha macinato a pieno ritmo.
Bella quest’ora della mattina, che tra lo sveglio e l’assonnato ti vengono certe idee che ti sembra di aver capito tutto dalla vita. Per fortuna questo momento dura poco”.
Due ore di musica e balli per una spiaggia veramente piena.

Applausi finali, ed la spiaggia comincia a svuotarsi: i più fortunati se ne torneranno a dormire, ci sono poi quelli che andranno direttamente a lavorare, e qualcuno tenta addirittura un bagno purificatore, sotto consiglio dello stesso Piero Pelù.



I video









Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 giugno 2007 - 12032 letture

In questo articolo si parla di musica, michele pinto, caterraduno, giulia angeletti