Dio, Patria e Famiglia... di fatto

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Non credo che né Senigallia né il nostro Paese abbiano bisogno di persone come Veneziani, che predicano bene e razzolano male. Non si può inneggiare a Dio patria e famiglia quando non si agisce di conseguenza.
Delle vicende matrimoniali disastrose di Veneziani ce ne ha fatti partecipi lui stesso, con dubbio gusto, dalle pagine del già discutibile quotidiano di Feltri "Libero". Per la patria più volte, negli anni passati, lo scrittore ha dichiarato di non votare e riguardo la religione non mi risulta che frequenti la Chiesa e che rispetti i suoi comandamenti.

da Laura B. Graziani


Ma la coerenza poche volte è nella politica, (soprattutto di destra) forse perché gli appartenenti non essendo degli adoni finché non hanno avuto un minimo di notorietà non erano appetibili per un certo tipo di “donne”, ma si sa un po' di potere fa brutti scherzi.

Ricordiamoci che Veneziani, durante la sua permanenza nel Cda della Rai, (di cui noi paghiamo il canone) è stato accusato dall’Espresso di aver mandato “molti, molti fiori”.
Inoltre, sbaglio o per un po’ una sua amica ha condotto (malissimo) uno spazio dedicato al cinema su Uno Mattina... e se continuo a non sbagliare era la stessa che in un altro giornale era stata beccata urlante fuori della camera d’albergo del suddetto “intellettuale” quando questi ancora era ancora sposato...

Allora donne di destra, di sinistra, di centro non è ora di ribellarci, non ne abbiamo abbastanza di “Peter Pan”, se non riusciamo a toglierceli dalle case almeno non votiamoli, non compriamo i loro libri, non ascoltiamoli.

Altro che quote rosa, abbiamo in mano armi potenti come il voto, il potere d'acquisto, l'audience... basta esercitarli.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 marzo 2007 - 4077 letture

In questo articolo si parla di





logoEV