Dio, Patria e Famiglia... di fatto

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Non credo che né Senigallia né il nostro Paese abbiano bisogno di persone come Veneziani, che predicano bene e razzolano male. Non si può inneggiare a Dio patria e famiglia quando non si agisce di conseguenza.
Delle vicende matrimoniali disastrose di Veneziani ce ne ha fatti partecipi lui stesso, con dubbio gusto, dalle pagine del già discutibile quotidiano di Feltri "Libero". Per la patria più volte, negli anni passati, lo scrittore ha dichiarato di non votare e riguardo la religione non mi risulta che frequenti la Chiesa e che rispetti i suoi comandamenti.

da Laura B. Graziani


Ma la coerenza poche volte è nella politica, (soprattutto di destra) forse perché gli appartenenti non essendo degli adoni finché non hanno avuto un minimo di notorietà non erano appetibili per un certo tipo di “donne”, ma si sa un po' di potere fa brutti scherzi.

Ricordiamoci che Veneziani, durante la sua permanenza nel Cda della Rai, (di cui noi paghiamo il canone) è stato accusato dall’Espresso di aver mandato “molti, molti fiori”.
Inoltre, sbaglio o per un po’ una sua amica ha condotto (malissimo) uno spazio dedicato al cinema su Uno Mattina... e se continuo a non sbagliare era la stessa che in un altro giornale era stata beccata urlante fuori della camera d’albergo del suddetto “intellettuale” quando questi ancora era ancora sposato...

Allora donne di destra, di sinistra, di centro non è ora di ribellarci, non ne abbiamo abbastanza di “Peter Pan”, se non riusciamo a toglierceli dalle case almeno non votiamoli, non compriamo i loro libri, non ascoltiamoli.

Altro che quote rosa, abbiamo in mano armi potenti come il voto, il potere d'acquisto, l'audience... basta esercitarli.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 marzo 2007 - 4074 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

22 marzo, 21:01
forse non hai capito, leggi meglio... <br />
<br />
--betty

melania

22 marzo, 21:49
Che cosa intendi per scheletri nell'armadio? Più che qualche avventuretta extra-coniugale o qualche furtarello al supermercato da ragazzini, noi comuni mortali cosa abbiano da nascondere, e sempre noi comuni mortali ce la vediamo con la nostra coscienza e con i sentimenti di chi ci sta accanto. Povero Veneziani anche a me fa tanta tristezza, con quella fisico da medio-orientale bruttino, non ce lo vedo proprio come sciupafemmine, chissà se si è inventato utto lui ed è stata la moglie a piantarlo per un altro..

zorro

23 marzo, 08:59
Non credo che chi siano molti modi intendere gli scheletri nell'armadio..per me significa aver fatto nell'arco della propria vita qualcosa per cui ne provi vergogna e non vorresti mai che si venisse a sapere...Ma se tu sei quella che può scagliare la prima pietra, accomodati pure..<br />
E poi scusa, non voglio fare la parte del perbenista, ma io non sono molto d'accordo sul minimizzare "qualche avventuretta extra-coniugale o qualche furtarello al supermarket (il qualche mi lascia molto perplesso)..<br />
Perchè non è il "cosa" ma è il "come" che fa la differenza. Se uno mette le corna alla moglie perchè si sente trascurato (in tutti i sensi) è un conto, se lo fa per il puro gusto della trasgressione è un altro, se il ragazzino ruba al supermarket del cibo perchè ha fame è un conto, se ruba della cancelleria per il puro gusto della sfida è un altro e vuol dire che i suoi genitori hanno lavorato male di sicuro...<br />
Ma lasciando gli scheletri e tornando a Veneziani, non ne sapevo nulla della sua vita privata e l'ho visto e sentito occasionalmente alla Tv e alla radio.<br />
L'impressione ripeto per me è stata buona, mi sembra una persona equilibrata. Porbabilmente perchè porta avanti delle idee che a me piacciono. Ad ogni modo stai tranquilla che, pur non avendo il dovere morale del politico (e mi pare che in questi giorni ci sia qualche politico della maggioranza in difficoltà, e sai a chi mi riferisco), i personaggi in vista rappresentano sempre un modello per molti; quindi se Veneziani predica bene e razzola male, perderà comunque di credibilità agli occhi di chi lo osserva......così come è successo a colei che ha scritto l'articolo...<br />
<br />
Hasta la vista !

Anonimo

22 marzo, 19:58
Caro Renato,<br />
Gli attacchi personali e gratuiti sono tutta un'altra cosa. Quelli non li tollero e noln ho intenzione di modificare questo aspetto.<br />
<br />
--Antonella

Anonimo

22 marzo, 20:16
allora è vero che ce l'avete con quelli di destra, non divorziano mica solo a destra <br />
<br />
--selene

Anonimo

22 marzo, 20:46
Veneziani 'inneggia' a "Dio, Patria e Famiglia" spesso, dai suoi articoli e nei suoi libri, in senso letterale e metaforico. peraltro, non capisco cosa c'entrino il duce Palazzo Venezia e i fascisti, con un motto mazziniano. io non ho dato a Veneziani del fascista, non ho mai parlato dei fascisti dunque mi pare che sia lei ad essere vittima di uno 'schema fondamentale' che dei fascisti si nutre.<br />
veniamo invece a Veneziani, e a cos'ha detto: nulla di censurabile ma, semplicemente, belle parole contraddette nei fatti e si ricordi che a tirar fuori i c... suoi con la moglie non sono stata io ma lui stesso, con un editoriale su libero avvilente soprattutto per lui stesso, per la sua dignità, per la sua famiglia.<br />
pensi e parli quanto c... le pare, perché, scusi, chi glielo impedisce? <br />
<br />
cmq devo ringraziare tutti perchè,ero a letto bloccata per uno stiramento e mi sono divertita moltissimo a rispondervi. con affetto<br />
<br />
<br />
<br />
--laura b. graziani

Anonimo

22 marzo, 19:09
attenzione: non credo che la coerenza sia una condizione per poter predicare bene, ad es casini sostiene la famiglia tradizionale da divorziato ma ammette con pena la propria colpa e infatti accetta la condanna ecclesiale non accostandosi ai sacramenti. in questo caso, parlare è lecito perché si sopportano le conseguenze dei propri comportamenti 'errati'. diverso è chi come veneziani adotta proprio dei principi opposti a quelli che sostiene<br />
<br />
--ferma

Anonimo

22 marzo, 19:12
dalla vivacità dei commenti, comunque, mi pare che sia stato toccato un tasto dolente, merito anche dell'articolo che è davvero brillante e scritto bene, indipendentemente dalle tesi che sostiene<br />
<br />
--marco

Anonimo

22 marzo, 19:15
grazie, io non volevo "buttarmi" su veneziani in questo modo, era solo un pretesto per discutere delle false moralità, del falso perbenismo, della mancanza di rispetto verso il prossimo, e di come ormai siamo abituati a qualsiasi cosa senza fare mai un po' di critica <br />
<br />
--laura graziani

Anonimo

22 marzo, 18:21
leggo tutti i giorni vivere senigallia e a lei non l'ho mai notata (peccato!!!!, stavolta i punti sono esclamativi, vanno meglio?) non è poi così famosa come crede... è meglio che se non vuole essere accusata di trincerarsi dietro l'anonimato si firmi per intero<br />
<br />
--laura graziani

Mbuto

22 marzo, 18:47
In ogni caso pur avendola criticata mi sento di fare i complimenti a Laura Graziani. Vista la quantità di commenti e la passione messa in campo ha evidentemente toccato un argomento importante e sentito. Forse lo abbiamo affrontato, in molti, un po' troppo polemicamente, tagliando gli argomenti con lo "scorcello", non so, credo che bisognerebbe discurtene più profondamente e pacatamente.<br />
Intato noto che sulla questione i soliti schieramenti destra-sinistra sono stati sconvolti mentre casomai emerge una divaricazione di genere, grosso modo la sensibilità femminile tende a schierarsi per una coerenza a tutto tondo mentre quella maschile tende ad essere più riduzionistica. Boh. Forse sto dicendo stupidaggini. Comunque questa cosa mi ricorda un po' il dibattito sulla prostituzione di alcuni giorni fa.<br />

Renato_Pizzi

22 marzo, 17:04
"La prego di non azzardarsi più a commentare un mio intervento con quel tono: non si permetta soprattutto... " <br />
<br />
"Attenta: l'intolleranza è una gran brutta bestia!"<br />
<br />
Cara Antonella Diamantini: "non si azzardi", "non si permetta"...cosa stava dicendo a proposito dell'intolleranza? Come diceva il buon vecchio Totò: ma mi faccia il piacere....<br />
<br />
<br />
<br />

tuttofare

22 marzo, 17:29
ops, fregata sul tempo! era quello che stavo per scrivere io. Questo è un esempio quotidiano di quello a cui accennavo sopra.....riascoltiamo " con le orecchie "..... ciò che stiamo per dire o ciò che diciamo, altrimenti invece di interagire con l'altro gli confezioniamo una reazione di reale intolleranza.Perchè siamo noi che in quel momento non tolleriamo le sue osservazioni. A volte io mi fermo se mi viene contestato qualcosa, e cerco di rivedere i miei atteggiamenti, ed a volte noto che l'errore è il mio. La volta successiva non lo ripeto. <br />
Valutando sempre il contesto in cui nasce la situazione. Questo ci fà crescere, evolvere, ci fà essere tolleranti, comprensivi, conpassionevoli, umili ( non schiavi ), aperti al mondo.......ed a noi stessi<br />
<br />
Patrizia Tardelli

Mbuto

22 marzo, 17:41
Perché se per caso fosse parente avrebbe torto?<br />
Qui andrà a finire che oltre dovrer girare col certificato di buona condotta rilasciato dal maresciallo e controfirmato dal curato confessore dovremo pure essere sempre pronti a dimostrare che non abbiamo persone "indegne" tra i nostri avi e tra i nostri parenti.

Anonimo

22 marzo, 13:56
Non tutti gli uomini di destra sono fascisti e non tutti i fascisti sono di destra.<br />
<br />
--Prezzemolina

Anonimo

22 marzo, 14:02
che pensiero profondo... ti consiglio di cambiare soprannome... il prezzemolo dà sapore ai piatti... tu no<br />
<br />
<br />
--massimo

tuttofare

22 marzo, 14:21
Il pubblico va dalla loro parte perchè lo vuole. Si lascia trascinare da falsi problemi, false ideologie.<br />
Si presenta un prodotto ( un’idea, un modo di vivere, un pensiero, un’azione) come la soluzione ai nostri problemi......Ma questi problemi che noi dicono che abbiamo, lo determinano loro......i media, l’informazione......e noi ci crediamo e li vogliamo. Diciamo e ci convinciamo che quella è la nostra realtà. Sono d’accordo sul fatto che la nostra società, che l’individuo sta perdendo ogni identità, ogni valore. Ma non si accorge che siamo buoi. Che ad ogni colpo di frusta noi tiriamo il carro con piu’ lena; e ci sentiamo anche felici per questo e lo vogliamo anche. Sempre meno si ascoltano tra le persone che incontriamo quotidianamente coloro che esprimono un loro personale parere. Una loro idea, legata ad un’etica della Vita, ad una morale ad un credo individuale. Sempre piu’ si ascoltano conversazioni che riportano pensieri di altri. L’individuo con la sua peculiarità sta scomparendo. Non siamo piu’ capaci di guardare ciò che siamo e forse non lo vogliamo .<br />
Come quei figli che abituati ad essere sorretti dalla loro famiglia, non imparano e non gli viene imparata l’autonomia. Non escono fuori di casa perchè così è piu’ comodo, meno faticoso. Non pensano con la loro testa...tanto c’è qualcuno che lo fà per loro....Ed i genitori non creano le condizioni perchè questo accada. Li vogliono lì, perchè anche così è comodo.....io ti aiuto, gestisco la tua vita perchè avrò qualcosa in cambio.....<br />
Siamo prigionieri, ostaggi. Prigionieri di falsi problemi ed ostaggi di nostri simili., che rappresentano però ciò che noi in realtà siamo diventati.<br />
<br />
<br />
Patrizia Tardelli

zorro

22 marzo, 14:28
Vada per il lei...e vada per la buona fede sul non aver voluto attaccare una certa parte politica.<br />
Devo constatare comunque una discreta ingenuità se è rimasta così delusa da un uomo che tanto l'aveva affascinata. Non è che, idealizzandolo, l'aveva messo su un piedistallo un po' troppo alto ?<br />
Tutti noi abbiamo pregi e difetti, punti di forza e di debolezza..non per questo dobbiamo rinunciare a portare avanti le nostre idee..<br />
Per quanto riguarda gli scheletri nell'armadio ho la convinzione che ognuno di noi ne ha qualcuno..<br />
<br />
Alla prossima...con firma..

Anonimo

22 marzo, 13:37
Gentilissima signora o signorina, non tutti i lettori di Vivere Senigallia sono poco inclini al dibattito costruttivo e sereno. Non sono completamente d'accordo su quello che ha scritto ma mi riconosco nella fatica di essere coerente e di pagare con la mia faccia gli errori che faccio, non così per i nostri personaggi politici e no, non si chiede perchè il pubblico è sempre e comunque dalla loro parte? Veda il ritorno di politici della prima repubblica riconosciuti colpevoli di vari reati, vallettine senza talento che hanno successo solo perchè si è saputo che per diventare famose sono andate a letto con chi le poteva aiutare... Il nostro Paese sta andando a rotoli, non si tratta di essere bacchettoni, ma un minimo di etica morale in noi tutti è INDISPENSABILE. <br />
<br />
<br />
--Massimo Del Bue

Anonimo

22 marzo, 13:49
A costo di dire una banalità vorrei far presente alla signora autrice dell'articolo che Veneziani non è uomo politico, ma giornalista e scrittore. Che poi abbia avuto incarichi politici (come la nomina del CdA Rai) è un accadimento che lo accomuna a tanti suoi colleghi, in quota sia al centro destra che al centro sinistra. Non capisco poi il merito della questione: se andiamo a scavare le vite private di molti personaggi pubblici possiamo trovare molto su cui discutere; indubbio è stato poi il cattivo gusto del Veneziani a esporre in pubblico le sue faccende private. Però credo che tutto sommato questo poco abbia a che vedere con quello che Veneziano dice alle conferenze o presentazioni di libri (non ero comunque presente venerdì). Visto che le sue parole, ma anche le sue incoerenze, sono alla portata di tutti credo che si possano giudicare separatamente (o anche no, ma allora bisogna adottare lo stesso criterio con tutti). Quello che senz'altro trovo poco elegante è contestare le teorie di un qualsiasi personaggio usando solo le sue vicende private. Con un pò più di sforzo si può scendere sul terreno del ragionamento e contestare le idee con altre idee, invece che con panni sporchi.<br />
<br />
--Prezzemolina

Anonimo

22 marzo, 10:16
Come hanno già scritto questi sono i nostri piccoli uomini, è difficile per voi parlare di qualcosa senza cretinate sportive? Ciò dovuto pensare un po', pensavo vi riferiste al maresciallo Rodolfo Graziani, ce l'avete presente quello responsabile di stragi inenarrabili in Libia ed Etiopia, ma non mi tornava Tardelli... per me Laura ha ragione (spero non sia una parente del fascistissimo maresciallo). <br />
<br />
--maria antonietta

Anonimo

22 marzo, 11:08
provo a dire....<br />
la mia anima a Dio <br />
la mia vita al Re <br />
il cuore alla Dama<br />
e l'onore per Me...............lampo giallo bianco.<br />
<br />
--dignani enrico

betty

22 marzo, 12:23
possibile che una donna non ha la sensibilità per capire la differenza, che centra destra e sinistra? ognuno può fare quel che vuole ma deve presentarsi per quello cheè, deve rispettare se stesso e le sue idee se vuole essere rispettato. non sono d'accordo con chi ha mandato luxuria in parlamento ma almeno sai cosa aspettarti da lui/lei. e dagli altri sepolcri imbiancati del mondo politico, intellettuale italiano cosa dobbiamo credere???

betty

22 marzo, 12:29
se laura è d'accordo potremmo creare un blog e discutere di questo argomento con persone di più ampie vedute. laura se sei d'accordo rispondi e fammi avere una mail per provare a fare qualcosa. l'idea mi piace molto

tuttofare

22 marzo, 12:31
Ho letto questo articolo ed ho potuto notare che sono stata chiamata in causa in un commento. Anche se il riferimento era solo per il nome che porto e non per la mia persona. Comunque Tardelli esiste, a parte il calciatore, sono io, che sto scrivendo e non mi sembra a guardarmi allo specchio di essere il Marco che tutti conoscono. Ringrazio Melgaco che ha citato il mio cognome e che mi ha forse sollecitato ad una risposta. Ma che razza di articolo è questo?<br />
Cosa ha detto Veneziani?<br />
Che tipo di filosofia ha? <br />
Il suo pensiero quanto incide o quanto ha inciso sul tessuto culturale italiano?<br />
Indipendentemente dalla sua appartenenza politica.<br />
Quante o quali riflessioni o meditazioni riesce a scatenare dentro di noi, con i suoi argomenti, il nostro essere individui, persona o cittadini modificandole o sostenendole perchè noi si possa interagire meglio con la società e con gli altri?<br />
Io di Veneziani non conosco niente, ma se anche lo avessi conosciuto non mi sarei mai permessa di scrivere un articolo di questa tenore.<br />
Perchè avrei fatto la figura della moglie che quando esce il marito di casa si lamenta che il colore dei calzini non è in abbinamento con le mutande.<br />
Tutto questo parlare, senza che l’argomento porti da qualche parte, faccia crescere, faccia ragionare non fà altro che ridicolizzare la nostra posizione di donna.<br />
Nel momento stesso che parliamo o scriviamo dobbiamo “ ascoltare “ con le nostre orecchie ciò che diciamo. <br />
Cos’è che ha dato piu’ fastidio alla scrivente dell’articolo il fatto che abbia mandato fiori con galanteria a qualche suo amante e per questo lei sognerebbe che qualcuno lo facesse con lei? A meno che non li abbia mandati con i soldi della Rai, in questo caso darebbe fastidio. <br />
Secondo me la verità è che queste osservazioni non sono altro che il frutto dei nostri desideri. Ci fà solo scoprire all’altro quello che noi siamo in realtà. La nostra parte piu’ nascosta.<br />
Noi vediamo negli altri i nostri sogni, i nostri difetti, le nostre aspettative. <br />
Se vogliamo cambiare qualcosa dovremmo saper realizzare i nostri sogni, le nostre aspettative e conoscere, convertire e convivere con i nostri difetti. <br />
Sono una donna. Sono una madre.Ogni volta che si presentava un problema cercavo di capirne i motivi, le mie implicazioni e cercavo di risolverlo. Perchè per ogni cosa che avviene c’è una ragione e per ogni problema che si presenta , il piu’ delle volte c’è una soluzione. Mediata o meno, ma c’è. Ho fatto una scelta drastica nella mia vita. Ma l’ho fatta. Sapendo a cosa andavo incontro.<br />
Ma la scelta che ho fatto non aveva come presupposto il poco sale nella pasta, o i calzini non lavati che un uomo si dice voglia dalla moglie. No. La mia dignità era stata calpestata ed avrebbe continuato ad esserlo se non avessi preso una decisione. Era una questione di Vita o di Morte.<br />
Tutto questo per dire che quando si parla di un argomento, cerchiamo di stare dentro l’argomento, cerchiamo di capire i pro e i contro. Analizziamolo. Valutiamolo e semmai troviamo una soluzione con cui possiamo confrontarci, che possiamo attuare.<br />
Nel notare l’incapacità di gestire la vita privata che un altro individuo ha, non dimostriamo altro che anche noi lo stiamo facendo. E nessuno mai mi convincerà del contrario. Le dinamiche di rapporto sociale ed interpersonale sono lì a dimostrarcelo quotidianamente. <br />
<br />
Patrizia Tardelli<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />

Mbuto

22 marzo, 09:52
Caro Melgaco<br />
ci siamo accorti che non c'eri purtroppo, noi commentatori "comunisti" avevamo preparato un agguato contro di te, ma evidentemente nella nostra cellula deve esserci una "sporca spia" serva dei padroni che ti ha avvertito.<br />
Oppure eri andato a fare gli occhi dolci a quella gran gnocca della Brambilla?<br />
<br />
Per sapere come è andata la serata puoi vederla tutta registrata sul sito di Cabajo. Per averne un'interpretazione illuminante puoi leggerti la Piaga di velluto:<br />
http://lapiagadivelluto.splinder.com/<br />
personalmente non saprei cosa aggiungere a quello che ha detto benissimo maddeche.<br />
<br />
Su tutto il resto sono completamente d'accordo con te, compresa la preferenza per Tardelli rispetto a Graziani, anche se sono milanista.<br />
<br />
<br />

Anonimo

22 marzo, 09:57
capisco che non era un articolo comprensibile ai più. non era un attacco a nessuna parte politica, so di veneziani perchè, ripeto per l'ennessima volta, è lui che parla e scrive dei suoi fatti privati. so di cosa parlo perchè l'ho seguito per un po' di tempo, come filosofo mi ha sempre affascinata, poi cosa scopro? queste pochezze da piccolo uomo, forse l'acidità viene da questo, dalla delusione di aver creduto che fosse un grande uomo e invece... <br />
no, non è un uomo politico ma scrive, a destra e manca, editoriali che le persone leggono e ci credono. se verrò a conoscenza di sporchi fattacci di altri personaggi politici (e ne sarò sicura) la informerò qualsiasi sia la loro appartenenza politica<br />
noto che anche lei non si firma... forse siete voi ad avere scheletri nell'armadio????????<br />
<br />
--laura b. graziani

Anonimo

22 marzo, 10:00
Ottima Laura!! <br />
<br />
<br />
--Sara

Mbuto

22 marzo, 10:09
Si lo trovo giusto, sempre ammesso che drogati alcolisti e viziosi governino bene, il resto non mi interessa.<br />
Ti dirò anche di più, trovo che criticare coloro che politicamente difendono la famiglia tradizionale col fatto che poi in privato hanno fatto scelte diverse sia stupido e scorretto. Per capirci, per esempio a me le posizioni di Casini sulla famiglia ecc. non piacciono per niente, io la penso in maniera opposta, ma il fatto che lui sia un divorziato concubino credo che riguardi esclusivamente lui e i suoi rapporti con la sua fede e la sua coscienza. Questo moralismo bigotto e voyeristico che colpisce destra e sinistra credo che sia il vero imbarbarimento dei nostri tempi.<br />
<br />
Riguardo ai dipendenti, non dico certo di essere scevro da pregiudizi, ma, almeno in linea di principio, di un dipendente dovrebbe interessarmi soltanto se fa bene il suo lavoro.<br />
<br />

Anonimo

22 marzo, 09:30
mamma mia, Melgaco, quanto mi sei piaciuto!!!<br />
Ma con che faccia questa signora sputa sentenze e condanna un uomo bollandolo come immorale quando dalla sua parte politica (che ha candidamente dichiarato) hanno un parlamentare che si chiama Vladimir Luxuria?<br />
A me di quello che fanno nei loro rispettivi letti, non me ne può fregare di meno... (brutta espressione ma rende...) ma non mi faccia ridere signora, e soprattutto non dica a me - donna - che devo pensarla come lei: a me, donna libera, quello che devo pensare non me lo dice nessuno...<br />
<br />
--A.D.

melania

22 marzo, 09:39
Donna libera, si definisce???? come fa a essere libera se non si firma e se tra i suoi valori fondamentali non ci sono rigore e onestà intellettuali e morali (nel senso che ognuno fa quel che vuole, ma si mostra per quello che è). E' stato lo stesso Veneziani a lavare i suoi panni sporchi in pubblico, ne ha tratto persino un libro, che lei immagino abbia letto vero? Io mi chiamo Melania Sinibaldi...

zorro

22 marzo, 09:42
Non ero presente e quindi non posso entrare nel merito su quanto è stato detto nell'incontro tenutosi venerdì scorso; e non posso nemmeno entrare nel merito della vita privata di Veneziani perchè, come per altri, la cosa non mi ha mai interessato. <br />
La vita privata è per l'appunto un fatto privato, tranne che per i politici che dovrebbero dare il buon esempio; e non mi risulta che Veneziani sia un politico.<br />
Penso solo che il tuo (mi permetto di darti del tu) articolo sia un bel minestrone dove ci hai buttato e mescolato dentro tanti ingredienti, e forse nemmeno quelli giusti, perchè alla fine risulta un sapore acido.<br />
La pagliuzza e la trave già citati in altri commenti credo calzino bene, così come gli scheletri nell'armadio che ognuno di noi ha ...<br />
Alcune frasi come "già discutibile quotidiano di Feltri" e "la coerenza è poche volte nella politica (soprattutto di destra)" mostrano chiaramente la tua appartenenza politica; io invece sto dall'altra parte..<br />
Ma al di là delle appartenenze politiche Veneziani mi risulta simpatico; l'ho ascolato qualche volta alla radio e alla TV e devo dire, per quel poco che ne conosco, a me piace. Certo riconosco che non mi sono precipitato a comprare suoi libri come hai fatto tu e non sono andato ad informarmi sulla sua vita privata; ma ognuno nella vita si diverte come può.<br />
Una cosa condivido. Le quote rosa sono un'assurdità. Le donne capaci, quelle che hanno gli attributi (maschili ?), lo spazio se lo sono sempre conquistato, senza l'aiuto miserando degli uomini...<br />
<br />
P.S.<br />
Poi un'altra volta parliamo della coerenza politica della attuale maggioranza spero...

Anonimo

22 marzo, 01:28
E' meglio andare a travestiti o avere problemi con la moglie?<br />
E' meglio dirlo pubblicamente e spontaneamente dalle colonne di un discutibile giornale (perchè solo quelli di sinistra sono indiscussi e indiscutibili) o è meglio farsi beccare dagli scagnozzi di Corona?<br />
<br />
Con questo non voglio prendermela col povero Sircana col quale, anzi, sono solidale al massimo.<br />
<br />
Voglio solo sottolineare l'odiosità di chi guarda la pagliuzza nell'occhio dell'altro e non s'accorge della trave nel proprio.<br />
<br />
Della signora Graziani e dei suoi commenti qualcuno sente il bisogno. me compreso.<br />
<br />
Ma sento anche il bisogno di Veneziani e di Libero.<br />
<br />
Illiberali!<br />
<br />
--melgaco

Anonimo

22 marzo, 01:43
E poi, adesso che rileggo meglio il grettissimo (ma ne sento il bisogno) intervento della signora Graziani le chiedo: cosa c'entre il fatto di non andare a votare con l'essere patrioti?<br />
Ma lo sa signora Graziani che lei è è proprio una fascistoide illiberale? Vorrebbe forse togliere lo status di cittadino a chi non va a votare?<br />
<br />
E poi non mi risulta che Veneziani si sia mai professato un cattolico osservante. <br />
<br />
Il suo problema, signora, e quello di tutte quelle cornacchie che la hanno applaudita è che avete preso Veneziani per un fascista.<br />
Mi dispiace dirvelo, ma la fascista è lei, che vuole tappare bocche e chiudere giornali.<br />
Avete troppi schemi in testa. Liberatevene. <br />
Siate liberi!<br />
<br />
Ps....non c'eravate abituati a Senigallia a qualche ideuzza diversa eh....<br />
<br />
--melgaco

Anonimo

22 marzo, 01:45
forse non ha letto la mia risposta alla signora anna bernardini in cui do' ragione a belpietro che è stato il primo a fare il nome di sircana perchè è giusto che, se è vero, si sappia ma anch'io parcheggio la macchina vicino a dei trans quando vado a giocare in un famoso bowling... e per questo viva la faccia di luxuria<br />
<br />
--laura b. graziani

Anonimo

22 marzo, 02:09
io non demonizzo nessuno, voglio solo sapere con chi ho a che fare, di belle parole siamo stufe noi cornacchie (mi può dare del tu, sono molto più giovane di lei..), non sono certo fascista mentre lo è di certo veneziani, li ha letti i suoi libri?? e i suoi articoli quando era direttore dell'italia settimanale e dello stato e del borghese?? si informi un po' meglio e non chiami illiberale me, non attacco veneziani in quanto fascista o cmq uomo di destra ma in quanto non coerente con le sue idee. <br />
<br />
--graziani la cornacchia

Anonimo

22 marzo, 02:40
Il problema, signora, è che lei parte da una premessa sbagliata.<br />
O meglio da una premessa falsa (temo che sia anche volutamente falsa).<br />
Quella, cioè, che Veneziani inneggi a "Dio, Patria e Famiglia" manco fosse il duce dal balcone di Palazzo Venezia.<br />
Non è così.<br />
Tutto qua.<br />
<br />
I fascisti, cara signora, non esistono quasi più.<br />
Arrivano a malapena all' 1%. E se ancora esistono, Veneziani non è certamente uno di loro.<br />
<br />
Sono quelli come lei che dei fascisti hanno bisogno perchè sennò non sanno con chi prendersela (vi mancherebbe lo schema fondamentale del vostro modo di pensare che proprio di schemi si nutre).<br />
E con questo atteggiamento, alla fine, diventate più fascisti dei fascisti. "Non sentiamo il bisogno..." - dite - di certi intellettuali e di certi giornali"...questa sì che è una frase che avrebbe potuto dire Benito da quel balcone.<br />
Ho letto tanti aggettivi qualificativi, o meglio, squalificativi su Veneziani, ma nessuno mi ha spiegato cos'ha detto di tanto censurabile.<br />
Io manco c'ero e nessuno mi ha fatto un resoconto.<br />
Nessuno me l'ha smontato se non tirando fuori i cazzi suoi con la moglie o il pregiudizio strumentale (e falso) nei suoi confronti.<br />
Qualcuno ha detto pure che ha fatto una brutta trasmissione tv. Questa sì che è una colpa. Vorrà dire che da Santoro alla De Filippi, anche il buon Veneziani s'è aggiunto alla lista...<br />
Raccontatemi cosa ha detto e smontatelo. Ve lo chiedo per favore!<br />
<br />
Le auguro, signora Graziani (preferisco la Tardelli), di condurre una vita sempre irreprensibile, di non avere scheletri nell'armadio, di non avere contrasti in famiglia o vizietti pericolosi.<br />
<br />
Io tutte queste brutte cose ce l'ho: scheletri, vizietti, piccole faide e robaccia varia.<br />
<br />
Ma penso e parlo quanto cazzo mi pare!<br />
<br />
--melgaco

Anonimo

21 marzo, 23:13
Non so se si riferisce al mio commento su Veneziani, tra l'altro non ce l'ho con lui, umanamente mi fa anche tanta pena, ma se una persona non sa gestire il suo privato come può permettersi di proporre idee, stili di vita. Quello che ho scritto è tutto documentato e ce ne sarebbero altre da raccontare.... Sono d'accordo con il direttore de Il Giornale, Belpietro, perchè dei personaggi di spettacolo dobbiamo sapere tutto (a noi cosa importa delle loro miserie, non devono mica governarci, decidere le sorti del Paese, ecc.) ma di chi si erge a intellettuale o paladino delle famiglie e della patria, di chi decide per noi, sì, io voglio sapere che persona è, se è fedele agli impegni presi, se sa rispettare le regole, se non sperpera i miei soldi, ecc.<br />
<br />
--Laura B. Graziani

Mbuto

22 marzo, 00:16
A me le idee di Veneziani non piacciono per niente, sono stato alla sua conferenza e le cose che ha detto le ho trovate alquanto insulse tuttosommato. <br />
Basta leggere il resoconto che ne fa la Piaga per farsene un'idea. <br />
Però sinceramente della vita privata di Veneziani non me ne potrebbe fregare di meno, sono cavoli suoi e di sua moglie casomai. Lui espone delle idee e delle teorie politiche, vanno valutate le idee e le teorie politiche e basta, non è un prete e quindi non è tenuto ad essere coerente o a dare il buon esempio.<br />
<br />
Altra cosa è quando ha ricoperto un incarico politico al cda della rai, se ha fatto delle porcate coi nostri soldi è giusto che sia "denunciato". Per i politici il discorso infatti è un po' diverso, il buon esempio dovrebbero darlo, ma non per ciò che concerne la vita privata, amori, abitudini sessuali, stili di vita alcool droga ecc dovrebbero essere comunque affari loro e basta, casomai sarebbe giusto che fosse così anche per le attrici calciatori vallette ecc.

maddeche

22 marzo, 00:26
<br />
personalmente ho trovato risibile l'intervento di Veneziani a Palazzo del Duca per un sacco di motivi, nessuno dei quali ha riferimento con la sua vita privata<br />
<br />
fra l'altro lui e Filippo Facci, top star del giornalismo di destra, fanno del politicamente scorretto e della provocazione una bandiera e un punto d'onore<br />
<br />
la severa lavata di testa della scandalizzata Laura ha un effetto tonificante per chi apprezza questo tipo di giornalismo<br />
<br />
molto meglio tenere un imbarazzato silenzio<br />
<br />

Anonimo

22 marzo, 00:38
trovi giusto farci governare da drogati, alcolisti, viziosi ecc... se avessimo una impresa e un dipendente avesse uno di questi problemi, in coscienza, nessuno sarebbe contento e si fiderebbe di lui!!! e allora? a parte veneziani che di male ne fa poco per quello che conta ma pensiamo a quelli seduti sui nobili scranni romani...<br />
<br />
--lamberto

Smile

21 marzo, 18:13
Brava Laura!!! Bravissima...

anna

21 marzo, 19:27
concordo su tutto! brava Laura!

romano

21 marzo, 19:56
abbasso veneziani!!!!

Anonimo

21 marzo, 20:24
esatto! bella riflessione<br />
<br />
--viky

Anonimo

21 marzo, 20:36
I toni di questo articolo mi sembrano davvero eccessivi!<br />
<br />
--Anna Bernardini

Anonimo

21 marzo, 22:18
brava! tutte le donne dovrebbero pensarla così!!<br />
<br />
--cinzia

Anonimo

21 marzo, 22:25
Commento sconsigliato, leggilo comunque

betty

21 marzo, 22:45
sono d'accordo, anche se trovo sacrosante le "quote rosa" altrimenti non potremmo mai essere ben rappresentate in Parlamento ma è anche ora che i picccoli meschini uomini che ora ci danno da bere tanti bei modelli (leggi Casini e compagnia bella) cambino aria. Non sapevo nulla di questo Veneziani, sono andata alla conferenza e non mi era neance dispiaciuto,ma se è vero quello che hai scritto ti ringrazio, d'ora in poi mi informerò meglio. Spero che altre donne facciano lo stesso

tuttofare

22 marzo, 15:59
chiedo scusa. Il commento che ho postato a parte alle ore 14,21-29 firmato, era in realtà la risposta alla sua osservazione.<br />

Anonimo

22 marzo, 16:37
...e io mi chiamo Antonella Diamantini e solitamente firmo i miei interventi o con le iniziali o con nome e cognome perché ho il coraggio delle mie opinioni. Il coraggio di dire quel che penso e di votare chi ritengo giusto anche se vado contro corrente.<br />
Lei Signora come fa, non conoscendomi affatto, a dire quali sono e non sono i miei valori fondamentali? Se Veneziani ha messo in piazza i suoi casi personali, io comunque non li uso per giudicarlo perché io non mi ergo MAI a giudice degli altri. Lei si è scagliata contro di me con un livore ingiustificato, che probabilmente è rimbalzato di riflesso da Veneziani a me... ma che non merito!<br />
I lettori di VS sanno chi sono e quello che penso perché ho la buona abitudine di non trincerarmi dietro l'anonimato: la vigliaccheria non mi appatrtiene, ne' la sua spocchia presuntuosa. Tutte le mie battaglie le ho fatte e continuo a farle con coerenza a viso aperto pagandone di persona le conseguenze e ne vado orgogliosa.<br />
La prego di non azzardarsi più a commentare un mio intervento con quel tono: non si permetta soprattutto di mettere in dubbio con quattro punti interrogativi il fatto che io mi senta libera e orgogliosa di non doverla pensare come gli altri per forza ne' per convenienza, come tanti purtroppo fanno. <br />
Attenta: l'intolleranza è una gran brutta bestia!<br />
<br />
<br />
--A.D.




logoEV