Paradisi dopo il caos in Consiglio: ''Così non si può andare avanti''

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Credo che la foga e gli accenti polemici che caratterizzano in questi giorni il dibattito politico tra le forze rappresentate in Consiglio Comunale non debbano portare a un travisamento dei fatti e al sistematico ribaltamento delle posizioni espresse.

da Silvano Paradisi
presidente Consiglio Comunale


Personalmente mai, a differenza di quanto mi si addebita, ho fatto attraverso gli organi di informazione alcuna reprimenda, né mai ho dichiarato “così non si può andare avanti”, con riferimento alla decisione di alcuni consiglieri di dimettersi dalla Commissione Cultura.

In realtà i fatti stanno in maniera diversa. Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale si è vissuto un clima di grande tensione, anche a causa di toni ed espressioni un po’ eccessive utilizzate dalla minoranze nell’esercizio di una loro legittima critica nei confronti dell’assessore Papa. Io stesso sono stato tacciato di superficialità e ignoranza culturale e giuridica per il solo fatto di aver applicato il regolamento, secondo il senso comune e in conformità al parere espresso dal Segretario Generale.

Ebbene, francamente non riesco a scorgere nell’atteggiamento di quei consiglieri che hanno ironicamente battuto le mani di fronte alla mia decisione alcuna traccia di quella dimensione etico-comportamentale invocata da alcuni consiglieri nei loro interventi. Per questo ho dichiarato – e lo ripeto con ancora maggiore convinzione oggi – che “così non si può andare avanti”, nel senso che è assolutamente necessario ricondurre il dibattito nell’alveo di una dialettica politica, per quanto accesa possa essere, mettendo da parte toni concitati e attacchi personali.

Sulle questioni più strettamente politiche non intendo entrare, anche perché questo non rientra nelle competenze del mio ruolo, ma ribadisco con forza che ci sono sempre state – e devono continuare ad essere rispettate – tutte le condizioni per sviluppare un confronto aperto e reciprocamente rispettoso.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 marzo 2007 - 2830 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, silvano paradisi


Anonimo

11 marzo, 17:51
Essere sul filo del rasoio, cioè rischiare di perdere, certamente aiuterebbe. Tutti. Ma il problema non mi sembra essere dei senigalliesi in quanto sarebbero di "coccio" (nelle Marche ci sono anche altri esempi). Il problema stà nella inesistente credibilità ed affidabilità delle minoranze ad offrire una proposta, un progetto, un programma di governo alternativo. Ed un gruppo, una squadra, un team, cioè una classe dirigente all'altezza dei compiti. Nel 1998 ci fù un tentativo mezzo riuscito. Ma proprio le minoranze non furono all'altezza di gestirlo, riproponendosi con le loro divisioni, impreparazioni, demagogie, narcisismi e velleità. Purtroppo le cose sembrano peggiorate.<br />
<br />
--Bucaniere

Anonimo

11 marzo, 12:22
"Sennò andiamo tutti a Cuba. Magari Castro, adesso che sta male, è più aperto e democratico del Comune di Senigallia."<br />
<br />
Ne sono assolutamente convinta!<br />
<br />
--Anna

melgaco

11 marzo, 02:48
L'unico modo che una maggioranza avrebbe per non accontentarsi di vivacchiare è quello di temere di perdere. Essere sul filo del rasoio aiuta.<br />
<br />
Ma nelle Marche....figurati (semo de coccio)!

dragodargento

10 marzo, 21:47
Guarda che hanno votato e l'OdG è stato regolarmente bocciato.<br />
<br />
L'opposizione polemizza sul fatto che aveva richiesto il voto palese e Paradisi ha preferito il voto segreto.

maddeche

10 marzo, 22:08
<br />
per melgaco<br />
<br />
la maggioranza vivacchia sul consenso e sulle clientele, si mantiene lo status quo, l'avanti adagio<br />
<br />
quello che ho suggerito alla minoranza vale anche per la maggioranza, la città non cambia, non vedo perchè dovrebbero cambiare i problemi<br />
<br />
urbanistica, mobilità, porto, attività economiche, i problemi sono gli stessi, con il vantaggio che la maggioranza può farti guardare da un'altra parte<br />
<br />
le fabbriche chiudono (quelle piccole e micro) ma c'è l'iperattività nei lavori pubblici e viene posta avanti a tutto<br />
<br />
un esempio? al Vallone stanno facendo due parcheggi che in realtà sono due aree marginali da sistemare. Leggi il comunicato stampa e sembra che stiano definitivamente risolvendo il problema dei parcheggi in tutta l'area arceviese<br />
<br />
le frazioni si allagano ad ogni pioggerella ma si inaugurano in pompa magna i 50 metri di Largo Puccini, una strada che esiste da 400 anni<br />
<br />
un anno e mezzo per ponte portone, si attende che la ditta realizzi l'80% dell'opera e poi si presenta il licenziamento come una vittoria, come una scelta strategica<br />
<br />
stare nella maggioranza è vantaggioso, non devi dimostrare nulla, nella peggiore delle ipotesi vai con l'abbrivio e quando arrivano gli ordini di scuderia devi votarli. Non c'è niente di male a sbagliare in tanti.<br />
<br />
è per questo che io mi incazzo con la minoranza, quando li vedo portare le loro istanze in ordine sparso, quando si perdono dietro alle cazzate, quando fanno della facile demagogia e non riescono a centrare e a focalizzare i problemi veri<br />
<br />
ma forse è meglio così, come dice Pizzi, se si comportassero diversamente potrebbero anche essere utili alla maggioranza. Figurati se vogliono farlo.<br />

melgaco

10 marzo, 18:30
In effetti mi verrebbe di chiedere a maddechè un attenta analisi di cosa ha fatto la maggioranza.<br />
<br />
Direi che è questa la cosa importante in un sistema democratico. Cosa pretendete dalla minoranza se non azioni di disturbo?<br />
<br />
L'onere della prova, o meglio, del "dover fare" spetta a chi governa.

Mbuto

10 marzo, 18:43
In attesa di maddeche rispondo io, anche se proprio non so fare un'attenta analisi. La maggioranza ha fatto e sta facendo, eccome! Non credo proprio che sia questo il problema. La minoranza, oltre che "disturbare" che è sempre legittimo, ma probabilmente poco utile, sopratutto quando la maggioranza è troppo forte, dovrebbe sforzarsi di dire quali sono le cose che la maggioranza fa male e sopratutto perché, e poi dire quali sono invece le cose che andrebbero fatto e sopratutto perché e come.

melgaco

10 marzo, 19:00
Infatti ognuno sta facendo il suo (anche se sottovaluti quello che stanno facendo gli uni e sopravvaluti quello che stanno facendo gli altri).<br />
<br />
Il sogno di Paradisi (presidente del consiglio) è invece quello che la minoranza non faccia un cazzo.<br />
<br />
Presentare un ordine del giorno che chiede le dimissioni di un assessore denunciandone le mancanze è un atto legittimo.<br />
E sarebbe democratico discuterne e votarlo (nessuno ha chiesto che quell'ordine del giorno passasse per forza. Bastava che si votasse).<br />
<br />
Perchè non si è fatto? <br />
Sono questi gli atti di prepotenza di cui non vi accorgete.<br />
Siete sempre pronti però a definire prepotente chi usa aggettivi esagerati o dice che al ponte non si lavora, che l'assessore è in conflitto d'interessi o che il piano del traffico penalizza i cittadini. <br />
Tutte cose su cui si può non essere d'accordo ma che si possono dire. E se diventano atti istituzionali (ordini del giorno, interrogazioni etc.) devono essere discussi in consiglio.<br />
<br />
Sennò andiamo tutti a Cuba. Magari Castro, adesso che sta male, è più aperto e democratico del Comune di Senigallia.<br />
<br />

melgaco

10 marzo, 14:48
Della situazione di Ponte portone,ad esempio, Floriano Schiavoni di Forza italia aveva previstotutto già da due anni.<br />
Mangialardi gli aveva dato della "Cassandra"<br />
<br />

maddeche

10 marzo, 15:02
<br />
Schiavoni è intervenuto un paio di volte su ponte portone, è riuscito a vedere dove gli altri non vedevano, un'impresa senza macchine operatrici proprie, con tutti i mezzi a noleggio e tre dipendenti<br />
<br />
ma Schiavoni con la sua segnalazione ha dato sempre l'impressione di essere da solo, quasi ignorato dai suoi colleghi dell'opposizione<br />
<br />
da parte di Mangialardi, accusarlo di "gufare" è perfettamente in linea col personaggio<br />

Mbuto

10 marzo, 18:08
In effetti Floriano Schiavoni coi suoi interventi si è quasi sempre distinto dagli altri, mi ricordo che quasi sempre porta dati e cifre e sta molto sul concreto.<br />
Cumunque per essere anche un po' cerchiobottista, come è nella mia natura, dobbiamo riconoscere che fare l'opposizione documentata non è cosa facilissima, in fondo è tutta gente che per campare deve fare un altro mestiere, chi governa invece ha a sua disposizione tutto l'apparato comunale compresi i vari dirigenti che sono come sappiamo ben pagati. Ciò non toglie che se ci riesce maddecche, che lo fa per hobby ed è pure da solo, a documentarsi e a mettere i ditini nelle piaghe vere, a maggior ragione ci dovrebbero riuscire loro che per fare questo hanno chiesto i voti e sono pure in tanti.<br />
<br />
Sulla storia dell'abolizione del passaggio a livello della ex-Sacelit dopo la presa di posizione della CNA che diceva che era una stronzata madornale non mi sembra di aver letto più niente, quindi, in mancanza di smentite e precisazioni, dobbiano dedurne che la CNA aveva ragione?

Anonimo

10 marzo, 14:05
Hai puntato l'indice nella giusta direzione. Vorrei suggerirti anche i vari Cir33, Multiservizi, AATO2, ecc. ecc. Se andiamo a dare un'occhiata ai vari consigli di amministrazione vengono fuori bei nomi di politici, alti, medi e bassi che percepiscono spesso compensi di circa 1.000,00 euro al mese solo per l'appartenenza al partito che li ha nominati, visto quello che combinano, invio dati catastali ad esempio. Quando si parla di costo della politica sarebbe bene che si valutassero anche questi elementi. <br />
<br />
--Cittadino

maddeche

10 marzo, 14:12
<br />
Volevo fare un commento breve, detesto i commenti lunghi e ce ne sarebbero di cose da dire....<br />
<br />
sulla viabilità in questo momento c'è un forum aperto, io ci partecipo per diletto, ma, a parte un buon intervento del solito Belogi, la minoranza non si è mai vista, limitandosi alle solite invettive contro le strisce blu e le infelici uscite di Ceresoni, che spesso si specchia nella sua dialettica e si travolge da solo.<br />
<br />
Il forum ha un grosso vizio di fondo: la raccolta dei dati sul traffico è stata fatta in assenza del nuovo ponte Portone, uno snodo importantissimo per la viabilità, ma Senigallia in questo momento ha la necessità di adottare un qualsiasi PGTU (scommetto che la minoranza neanche sa di cosa parlo) perchè è previsto dal Codice della Strada e perchè moltissime città sono già arrivate alla terza revisione del PGTU.<br />
<br />
Di ponte Portone.... di ponte portone non ne parla mai nessuno, ma qualcuno ci potrebbe costruire una carriera politica sopra, non avete idea di quanto ci abbiano danneggiato questi diciotto mesi senza il ponte<br />
<br />
Sul porto in questo momento c'è nebbia.... ed è difficile prevedere se la SPA sarà utile o meno... da una parte si spendono i soldi per valorizzarlo, dall'altra lo si declassa chiudendolo ai grossi natanti e al traffico pesante, c'è chi lo vuole solo turistico e chi vuole ospitare una flotta di pescherecci giapponesi... io suggerirei solo di non sottovalutare la ricchezza e l'occupazione che può derivare dalla pesca, ad Ancona ci sono 80 barche grandi e 500 occupati....<br />
<br />
l'unica "suocera" che distinguo nella politica cittadina è il Sindaco, ma più che una suocera direi che è una "vergara".<br />
<br />

Mbuto

10 marzo, 10:51
Cavolo maddeche, bravissimo! Hai detto molte cose che pensavo anche io ma non sapevo dire e molte che non pensavo e che ora invece penso.<br />
1) Propongo a Michele di trasformare il prima possibile questo commento in articolo.<br />
2) Propongo alle opposizioni senigalliesi di contattarti immediatamente e di sceglierti come prossimo candidato a Sindaco, nel caso mi trasformerei subito da filo-governativo in oppositore.

Renato_Pizzi

10 marzo, 12:21
L'opposizione di Senigallia è politicamente inesistente, il che non è un bene per la maggioranza. Viceversa, dal centrosinistra ci aspetteremmo un diverso approccio alle esigenze della comunità, anche nel senso che tu indichi all'opposizione, ma si capisce che parli a suocera perchè nuora intenda. Hai tralasciato forse un problema pressante come la viabilità, ma nel merito sono d'accordo. Maddeche for president.

Smile

10 marzo, 12:54
P.S. ...una ulteriore, piccola puntualizzazione: che dire della privatizzazione dei vantaggi e socializzazione dei costi che stanno dietro la SpA che gestirà il porto?<br />
<br />
Maddeche for president...<br />

Smile

10 marzo, 10:23
Grazie Maddeche. Chiaro ed efficace...!

Smile

10 marzo, 09:02
Non sono d'accordo. "Dar fastidio" non significa fare opposizione. Significa solo rompere le palle per il gusto di farlo... Pensi che possa cambiare qualcosa, salvo irritare un po' Paradisi il calmo? Io penso di no. Questa non è politica, è solo gazzarra basata sull'arroganza delle persone che vi siete votate. Una gazzarra che - purtroppo, perché pure l'opposizione dovrebbe servire per progredire - non porta da nessuna parte. Vi siete dimenticati che l'unica che sembra avere le palle, in questo mondo maschile di eunuchi, è la nostra sindachessa? Sai quanto gliene frega a lei dei cicli mestruali dei componenti l'opposizione (alcuni, perché per altri è più opportuno parlare di sindrome da menopausa...)!<br />
<br />

maddeche

10 marzo, 10:10
<br />
A questo punto è utile una breve panoramica delle iniziative dell'opposizione da quando ha iniziato a "dar fastidio", per sgombrare il campo dal dubbio che stiamo parlando di premi Nobel della politica:<br />
<br />
- nelle stesse ore in cui veniva approvato il Bilancio hanno avanzato la proposta di aumentare l'area no tax per l'addizionale IRPEF, la loro proposta è diventata concreta e consistente (hanno mostrato le cifre) quando il bilancio era già stato approvato. Nei due mesi precedenti, in cui era possibile aprire un confronto sull'argomento hanno taciuto, dimostrando di saper fare politica d'opposizione solo sulle iniziative dell'avversario;<br />
<br />
- nel frattempo hanno attaccato continuamente la casta dei dirigenti comunali, senza mai entrare nel merito delle loro attività, hanno contestato solo le cifre degli stipendi senza domandarsi se siano stati soldi ben spesi. Sarebbe bastato indagare sulle attività di ognuno di loro e portare i risultati a conoscenza della cittadinanza;<br />
<br />
- poche settimane fa hanno portato un insensato attacco personale al Sindaco sugli emolumenti che gli spettano per legge. Un attacco che non è stato il frutto di un'analisi sugli scandalosi costi della politica ma che è scaturito dalla lettura di un settimanale. Una cosa che qualsiasi tassista avrebbe potuto fare fra una corsa e l'altra;<br />
<br />
- nel frattempo c'è stata la risibile questione delle minacce "brigatiste". Una cosa che si è sgonfiata da sè nel giro di qualche giorno, ma qui buonsenso e obiettività non servivano: si doveva stare in prima pagina, a far cosa non saprei;<br />
<br />
- ultima iniziativa è la guerra aperta contro Velia Papa, Assessore colpevole di assenteismo e di scarso attaccamento alla bandiera. Anche qui anzichè portare delle motivazioni sull'inefficacia dell'azione politica dell'Assessore (funziona la Fenice? sappiamo usare la Rotonda? spendiamo bene i soldi del bilancio della cultura? riusciamo a promuovere e ad assistere i movimenti culturali cittadini?) si sono appoggiati ad un vittimismo istituzionale e portato il loro attacco sempre e solo a livello personale, costringendo la maggioranza a serrare le fila. Le loro dimissioni in massa hanno liberato delle sedie, ma nessuno è mai riuscito a fare opposizione con la propria assenza;<br />
<br />
- dei parcheggi rosa non parlo: se l'Amministrazione si azzarda a spenderci dei soldi inizio lo sciopero fiscale. L'unica proposta sensata sui parcheggi è stata quella di Paolo Belogi sull'azzeramento dei permessi ai disabili: vi sono privilegi e abusi vergognosi e un azzeramento sarebbe necessario.<br />
<br />
A questo punto voglio rendere costruttivo il mio intervento e offrire all'opposizione qualche spunto di riflessione:<br />
<br />
- la più consistente attività economica della città è diventata l'edilizia. L'opposizione dovrebbe chiedersi se il saccheggio del territorio (che non è un bene riproducibile) possa continuare a questi ritmi o se l'Amministrazione debba cercare degli incentivi per le altre attività economiche che languono. Parlo di manifatturiero, logistica, servizi, turismo specializzato ecc. A tal fine può essere utile una visita a Jesi, dove stanno realizzando la terza ZIPA, dove hanno investitori dall'estero e dove non hanno il mare. Dopo la visita a Jesi si dovrebbe tornare a Senigallia, dove la prima ZIPA non decolla e dove il costo di un modesto capannone è il doppio che a Jesi e dove non c'è nessun incentivo per chi volesse produrre alcunchè;<br />
<br />
Senigallia ha un porto turistico che sta diventando utile solo a sè stesso, non certo all'economia cittadina. La nuova "politica dei sottopassaggi" sta chiudendo le porte alla grande cantieristica, col rischio che si costruisca un nuovo approdo al Cesano direttamente in concorrenza con quello di Senigallia. Esiste un Piano particolareggiato del porto in gestazione da qualche parte, sarebbe utile parlarne;<br />
<br />
sull'urbanistica: prendere la parola sul Piano Cervellati, sulla variante dell'Arceviese, sulla ex Sacelit o sul PEEP di via Cellini e far sapere alla cittadinanza il proprio pensiero è un utile modo di fare opposizione, ma bisognerebbe farlo subito e non aspettare che le varianti vengano approvate e poi mettersi a strillare come aquile.<br />
<br />
Questi spunti potrebbero essere utili per fare un'opposizione che li faccia uscire dall'angolino in cui si sono cacciati: quello del vittimismo e dei complotti di maggioranza.<br />
<br />
<br />

melgaco

09 marzo, 23:13
Quello del presidente del consiglio è il tipico intervento di chi non è abituato all'esistenza dell'opposizione.<br />
<br />
Ora, presidente, l'opposizione c'è.<br />
<br />
Anche in questa città al cloroformio.<br />
<br />
Si abitui.

maddeche

09 marzo, 23:34
dio mio, opposizione.... melgaco non ti sembra di esagerare?<br />
<br />
quelle quattro mammolette sarebbero opposizione?

Anonimo

10 marzo, 01:20
Eggià, te l'appoggio maddeche. Ora dovrebbero decidere di dimettersi da tutto...,vediamo un pò se lo fanno (non credo proprio !). E poi la prossima volta ci richiederanno il voto... Che pacchia per l'Angeloni.<br />
<br />
--Bucaniere

melgaco

10 marzo, 01:37
Come dimostra l'intervento del presidente del consiglio, le mammolette danno fastidio.<br />
Ergo, fanno opposizione.

Daniele_Sole

09 marzo, 19:36
Gli italiani hanno voluto abbandonare la "prima repubblica" perchè accusavano i poilitici di corruzione e di pensare solo ai loro interessi.<br />
Per fare piazza pulita ci si è rivolti perlopiù a persone che di politica sapevano ben poco e che promettevano (parafrasando Zelig) "Fatti, e non p#gnette!", dando l'impressione che infine anche la politica si sarebbe svegliata.<br />
Adesso siamo nella condizione che di politici veri in giro se ne vedono pochi, che quasi tutti i "nuovi politici" tirano avanti i propri interessi e se almeno una volta c'era un minimo di rispetto delle idee dell'altro (pur con tutte le gazzarre del tempo), adesso l'attacco è praticamente frontale, salvo poche eccezioni.<br />
Si lo so, non bisogna mai generalizzare i concetti, ma questo è quello che penso: se la politica era malata, se la cura ha fatto peggio del male, questa è anche colpa nostra che votiamo persone che non sono capaci.<br />
Oppure lo sono. come in questo caso, ma si è persa la minima stima ed il rispetto RECIPROCO