Il GSA chiede più parcheggi

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
L’auto fa parte del nostro quotidiano e non la si usa solo per pigrizia o per cattiva abitudine. Contenerne l’uso per migliorare la circolazione, diminuire l’inquinamento e liberare gli spazi del centro storico è condivisibile e auspicabile.
Ma pensare di conseguire questo scopo eliminando i parcheggi non ci sembra la soluzione migliore, non solo per il disagio che si crea, ma anche perché l’insufficienza di posti di sosta costringe l’automobilista ad inutili giri viziosi, contribuendo all’aumento dell’inquinamento in atto.

dal Gruppo Società e Ambiente
www.gsa-senigallia.it


Inoltre i provvedimenti repressivi creano disagi e da soli non danno mai grandi risultati. Esistono altre strategie, sicuramente più complesse, ma anche più efficaci nel lungo periodo.

Innanzitutto sarebbe necessario pianificare la dislocazione degli uffici pubblici e dotarli di propri parcheggi, poi sperimentare forme diverse e più adeguate di trasporto pubblico (es. minibus con percorsi circolari), infine dotare la città di un duplice sistema di parcheggi: più ampi e periferici quelli per la sosta lunga (come nell’area del campo sportivo), più modesti per estensione, ma più numerosi e distribuiti all’interno o a ridosso del centro storico quelli per le soste brevi.

Inoltre il traffico va reso più scorrevole e meno inquinante attraverso opportuni provvedimenti, quale ad esempio l’installazione di rotatorie.
Invece nel giro di pochi anni sono stati eliminati centinaia di posti di sosta a servizio del centro storico, senza trovare sufficienti alternative.

Nessuno discute sull’opportunità di liberare dal traffico aree come piazza del Duca o il Foro annonario, ma è lecito nutrire qualche dubbio sull’urgenza e sulle modalità con cui si è operato in via Matteotti, largo Puccini, piazza Saffi, via Carducci e in prospettiva in piazza Manni: con soluzioni più flessibili e graduali si potevano creare minori disagi ai cittadini in attesa di un piano più generale del traffico e dei parcheggi, tanto più che i risultati non ci sembrano ovunque entusiasmanti.

Intanto si avanzano da tempo progetti di parcheggi sotterranei, senza però molta convinzione, perché c’è la consapevolezza che strutture di grosse dimensioni sarebbero di difficile gestione e remunerabilità in una città come Senigallia; dell’idea poi di ubicarne una in piazza Garibaldi non vorremmo proprio sentire parlare.
La proposta più ragionevole (anche l’ultima possibile) ci sembra quella di acquisire tutta l’area compresa fra la curva della Penna e villa Baviera, posta all’incrocio di tre strade di grande viabilità, dove potrebbe trovar subito posto un ampio parcheggio di superficie e da cui si potrebbe ricavare anche lo spazio per l’installazione di una grande rotatoria all’incrocio della strada statale.

Successivamente, una volta verificata la funzionalità della soluzione e le effettive necessità del centro storico, si potrebbe pensare anche di realizzarvi una struttura sotterranea.
Solo a questo punto sarebbe sostenibile una riduzione di altre aree di sosta.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 febbraio 2007 - 2108 letture

In questo articolo si parla di gsa, parcheggi


ARTORIUS

06 febbraio, 03:33
E quando la gente imparerà a parcheggiare all'antistadio, andranno tutti lì e succederà la stessa cosa, ma da un altra parte.Infatti non ho mica detto di fare sei piani di parcheggi sotto piazza Simoncelli, ma credo invece che di certo servano più parcheggi,dovunque.

Anonimo

05 febbraio, 20:19
E io non sono d'accordo nè con il GSA nè con Mbuto. Faccio un esempio. Si sta pensando da parte del Sindaco e di alcuni amministratori di creare un appendice della biblioteca, sala lettura quotidiani e riviste, nei locali oggi chiusi di proprietà comunale in piazza Manni. Credo che l'idea sia straordinaria: ripristino dei locali a scopo lettura e vetrate da creare un unicum con la piazza restaurata. E il GSA vuol matterci nella piazzetta le macchine? Macchine per confermare di essere moderni ambientalisti? Lasciamo stare va .<br />
<br />
--il malamente

dragodargento

05 febbraio, 17:56
Credo che il tuo ragionamento non tenga conto di una cosa: l'automobilista che è costretto a trascorrere mezzora in auto in piazza Simoncelli prima o poi imparerà che se parcheggia nell'antistadio, in 5 minuti arriverà comodamente in piazza Simoncelli inquinando molto meno e rendendo più vivibile la città.<br />
<br />
In centro, a meno di realizzare costosi parcheggi sotterranei, non ci sarà mai il posto per tutte le auto che desideriamo. Meglio organizzarsi diversamente.

ARTORIUS

05 febbraio, 16:34
Mi chiedo se per alcuni il problema sia la mera presenza fisica delle auto per la strada o l'inquinamento che ne deriva?Ciò mi porta poi ad una osservazione: la riduzione o la scarsità dei parcheggi a disposizione, oltre a non essere evidentemente un deterrente all' uso dell'auto, sembra anzi aggravare il problema.Ne è dimostrazione proprio la nostra città.Basta osservare ad esempio la zona di piazza Simoncelli, dove le stesse auto girano mezz'ora per trovare un parcheggio, se vi riescono. Queste auto inquinerebbero certamente meno se, avendo più parcheggi a disposizione, potessero trovare subito un luogo di sosta. L' automobilista risparmierebbe mezz'ora del suo tempo e soprattutto a noi tutti verrebbero risparmiate parecchie "mezz'ore" di emissioni inquinanti.

Anonimo

04 febbraio, 22:55
Già è un passo avanti, Gruppo Società Ambiente viene ora definita da Bucaniere<br />
"Gruppo Società Autonoma".<br />
Io propongo ulteriore aggiunta: GSASSA.<br />
Il GSASSA sta per Gruppo Società Autonoma Sosta Selvaggia Automobili. <br />
Il vecchio Gruppo Società Ambiente ne ha fatta di strada.... complimenti.<br />
<br />
<br />
--il malamente

Mbuto

04 febbraio, 23:55
Contaraiamente a "malamente" a me questo intervento del GSA piace proprio. Mi piace moltissimo l'idea dei posteggi e rotatoria alla curva della penna. Personalmente non trovo le critiche che vengono mosse a questa amministrazione in questo articolo completamente condivisibili. Quello che dice il GSA:" ...dotare la città di un duplice sistema di parcheggi: più ampi e periferici quelli per la sosta lunga (come nell’area del campo sportivo), più modesti per estensione, ma più numerosi e distribuiti all’interno o a ridosso del centro storico quelli per le soste brevi." mi sembra tutto sommato la direzione verso cui si è mossa l'amministrazione negli ultimi anni, allargando progressivamente l'area cittadina interdetta alle auto questo è vero. Ma ritengo che se si riuscissero a trovare aree per i parcheggi più periferici per la sosta lunga, se uno tipo quello che si è fatto allo stadio si potesse realizzare nella zona del piano regolatore, per esempio, o nelle aree ex arena Italia-Marchetti, i posteggi per la sosta breve, necessariamente a pagamento, a ridosso o dentro il centro storico sarebbero sufficienti.<br />
<br />
Comunque, a parte le questioni poste che meritano sicuramente di essere approfondite, mi piace moltissimo che un'associazione ambientalista faccia un'intervento per chiedere parcheggi nel centro città. Forse si spiazza un attimo qualche vecchio sostenitore, ma si spiazzano così anche i tanti denigratori dell'ambientalismo. Si dimostra che essere ambientalisti non significa essere contro tutto e tutti per principio o per la salvaguardia di ogni singolo cespuglio o filo d'erba come dipingono gli ambientalisti coloro che invece vorrebbero fare sempre tutto fregandosene delle conseguenze. <br />
Quindi ben vengano questi interventi che rivelano quanto la visione ambientalista possa essere tutt'altro che miope.

Anonimo

04 febbraio, 18:09
Ma GSA sta per "Gruppo Sviluppo Automobili"?<br />
oppure "Gruppo Sosta Automobili Ovunque"?<br />
Leggendo mi pare che vada meglio la seconda e allora si cambi GSA in GSAO. <br />
<br />
--il malamente

Anonimo

04 febbraio, 19:02
Condivido l'analisi e le richieste. Le proposte sensate aiutano a risolvere i problemi, quelle ideologiche solo a farsi propaganda. W il Gruppo Società Autonomo.<br />
<br />
--Bucaniere




logoEV
logoEV