Forza Italia insiste: i parcheggi sui lungomari sono illegittimi

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Non posso che ritenermi assolutamente insoddisfatto della risposta che l’assessore Ceresoni ha rivolto alla mia domanda in sede di commissione consiliare relativa agli effetti che la sentenza della Corte di Cassazione circa l’illegittimità di parcheggi a pagamento possa avere nel territorio senigalliese.

da Alessandro Cicconi Massi
capogruppo Forza Italia


Come recita l’art. 7 comma 8 del codice della strada, nel caso in cui l’amministrazione comunale decida di affidare in concessione spazi di sosta con sistemi di controllo della durata e di pagamento, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio senza custodia e senza dispositivi di controllo orario e pagamento. Tale previsione non troverebbe applicazione nelle aree del centro storico qualificate a livello urbanistico con la lettera “A”, e le aree definite di rilievo urbanistico.

Se può infatti essere considerata corretta la giustificazione che gli spazi di sosta del centro storico siano legittimi in quanto situati in una zona definita a livello urbanistico come “A” dal d.m. 1444/68, non si può invece accettare l’ipotesi che quelli dei due lungomari siano legittimi, pur non essendo ricompresi in tale aree o nelle altre previsioni del codice della strada.

Nella realtà dei fatti non basta, come invece ha affermato Ceresoni, che sulle aree dei due lungomari sia intervenuta qualche anno fa una delibera di natura urbanistica che abbia definito degli interventi di riqualificazione delle zone adiacenti alla spiaggia cittadina. I piani di riqualificazione dei lungomari, che poi in realtà sono di fatto rimasti lettera morta, definiscono esclusivamente interventi per la riqualificazione, di una zona importante della città che si trova troppo spesso in uno stato di degrado urbano, ma non compiono una esplicita qualificazione della stessa come zona di rilevanza o pregio urbanistico.

E’ evidente quindi che assumere come giustificazione che sulla zona sia stata adottata una variante urbanistica, non può minimamente costituire la legittimazione alla base della decisione di istituire la sosta a pagamento durante la stagione estiva sui lungomari senza prevedere degli adeguati spazi di compensazione in prossimità degli stessi parcheggi. In particolare faccio riferimento alla sosta nel lungomare di ponente, che tutto può dirsi, tranne zona urbana di pregio e di rilievo, visto lo stato in cui versa questa strada e le sue diramazioni. Quindi è facile giungere alla conclusione che la sosta a pagamento nei lungomari è illegittima, proprio perché non rientra in nessuno dei casi riportati dalla legge, come eccezione al principio dell’art. 7 C.d.S..

Se poi l’amministrazione comunale, in maniera del tutto scorretta decidesse, per giustificare il proprio intento persecutorio e vessatorio nei confronti della cittadinanza, di adottare una delibera in cui appositamente definisse i lungomari o qualsiasi altra zona cittadina di pregio e rilievo urbanistico, solo per garantire la finalità di rendere non impugnabili le sanzioni derivanti dalla sosta a pagamento, compirebbe un atto ai limiti della legittimità.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 gennaio 2007 - 2663 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, viabilità, lungomare


Smile

19 gennaio, 17:21
Grazie Bubu... all'ora del thé qualche risata rinfranca...

GigettoDelBorg

19 gennaio, 17:30
Alora come se spiega sta facenda? Sa i soldi dei parcheggi ce se tappano i bughi o ce se fanno? Io miga l'ho capita?

GigettoDelBorg

19 gennaio, 17:52
I sposi imprumersi ndo è che c'è zeccagarbugli l'ho letto anca io e quel pezzo malì che renzo ce va a parlà e i porta i caponi m'è piaciuto na mucchia un bel po perchè è vera che sucede davera cuscì e anca ai giorni nostri.

Anonimo

19 gennaio, 12:52
Chi sono gli "azzeccagarbugli"? Ci fai i nomi?<br />
<br />
--RIno

Anonimo

19 gennaio, 16:23
....infatti il Comune ha lamentato un buco di 40.000 Euro poichè i parcheggi non hanno reso quanto preventivato.<br />
Non ricordo il giorno ma era su tutti i quotidiani locali. Questo giusto per confermare quanto detto da Elisa.<br />
Un saluto a tutti<br />
<br />
--Stè

bubu7

19 gennaio, 16:47
Come tutti sanno il personaggio di Azzeccagarbugli lo ha inventato Manzoni nei "Promessi sposi", o meglio gli ha dato un nome proprio e fama letteraria che quanti ne erano esistiti e quanti poi fino ai giorni nostri e fin nelle modeste cittadine di provincia.<br />
Quello di Manzoni era un leguleio, un avvocato, ma a tantissimi questo nome può essere appropriato, ognuno trovi il suo.<br />
<br />
Di seguito qualche battuta divertente sugli avvocati la giustizia ecc. trovate su:<br />
http://www.lazzeccagarbugli.com/htm/index.html<br />
<br />
Una giuria consiste di 12 persone scelte per decidere chi ha l'avvocato migliore.<br />
Robert Frost<br />
Il cuoco copre i propri errori con la maionese, l'avvocato con le parole, il medico con la terra...<br />
Le donne, quando non amano, hanno tutto il sangue freddo di un vecchio avvocato.<br><br />
Honoré de Balzac<br />
L'avvocato è un uomo che salva i vostri beni dai vostri nemici, tenendoseli per sé.<br />
Il bene non ha bisogno di un avvocato.<br />
Focione<br />
Non esiste modo migliore di esercitare l'immaginazione che lo studio della legge.<br />
Nessun poeta mai interpreterà la natura così liberamente come un avvocato la verità.<br />
Jean Giraudoux<br />
Il clichè organizza la vita, espropria l'identità delle persone, diventa governante,<br />
avvocato della difesa, giudice e legge.<br />
Vaclav Havel<br />
Se un dentista o un avvocato vi consegnano una parcella troppo salata, mi raccomando, fatevi lo sconto.<br />
E' tassativo. E' un imperativo categorico, e poi è economico, morale e pure divertente.<br />
Un avvocato che difende un criminale accetta il dovere giuridico e morale di servirlo con lealtà, obbedienza e riservatezza, come prescrive appunto la legge della rappresentanza.<br />
Carl William Brown<br />
Avvocato: specialista nel rasentare il codice.<br />
Ambrose Bierce. Dizionario del Diavolo<br />
Non è vero che tutti gli avvocati sono meschini, per esempio un giorno conobbi un eremita tibetano e mi disse che prima faceva l'avvocato.<br />
Carl William Brown<br />
Più soldi vi ruba un ladro e più è criminale; più soldi vi ruba un medico o un avvocato e più è bravo e stimato.<br />
William Brown<br />
La diversità tra il lavoro di un criminale e quello di un avvocato è che quest'ultimo è istituzionalizzato.<br />
La giustizia o l'ingiustizia della causa che accetta di perorare non riguardano l'avvocato, a meno che il suo cliente non gli chieda la sua opinione al riguardo, nel qual caso egli è obbligato a darla onestamente.<br />
La giustizia o l'ingiustizia della causa devono essere decise dal giudice.<br />
Samuel Johnson<br />
Deontologia professionale (?):<br />
Imputato - "Parlero' solo in presenza del mio avvocato"<br />
Avvocato - "Parlero' solo in presenza del mio onorario"<br />
- Avvocato, e' vero che per tre domande lei chiede 1000 Euro?<br />
- Si, e' vero, mi faccia pure le altre due.<br />
In Italia di legale per tutti c'e' solo l'ora. Ed anche quella, non per tutto l'anno.<br />
S. Panarello<br />
"Dire la verita' e' sempre la politica migliore, a meno che ovviamente tu non sia un ottimo bugiardo".<br />
Jerome K. Jerome<br />
La giustizia militare sta alla giustizia come la musica militare sta alla musica<br />
Groucho Marx<br />
Beati coloro che hanno sete e fame di giustizia perchi saranno giustiziati.<br />
Angelo Cecchelin<br />
L'ingiustizia si può anche sopportare. E' essere colpiti dalla giustizia che brucia.<br />
La legge e' uguale per tutti. Basta essere raccomandati.<br />
Marcello Marchesi<br />
Attaccante colpisce il palo e viene denunciato.<br />
In Italia quando una cosa non è più proibita, diventa obbligatoria.<br />
Legge di Nenni<br />
Meno le persone sanno di come vengono fatte le salsicce e le leggi e meglio dormono la notte.<br />
Otto von Bismarck<br />
Mi sono sposato davanti a un giudice. Avrei dovuto chiedere una giuria.<br />
Groucho Marx<br />
Piove sul giusto e piove anche sull'ingiusto: ma sul giusto piove di piu', perche' l'ingiusto gli ruba l'ombrello.<br />
in questa città sei innocente fino a che non sei indagato.<br />
La verità è sacra; e se dici la verità troppo spesso, nessuno ti crederà.<br />
"Tra il dire e il fare c'è una busta da dare".<br />
Marcello Marchesi

Anonimo

19 gennaio, 10:08
Io credo che la questione sia tutt'altro che di lana caprina!<br />
L'Amministrazione comunale pur di far cassa e risanare un bilancio disastroso viola il codice della strada e quindi una legge dello stato.<br />
Come evidenziato nei giorni scorsi da alcuni cittadini attenti, sembra che relativamente ad alcune zone del centro storico manchi la delibera di giunta che le individui come zone ad elevata importanza urbanistica e che le esoneri pertanto dall'avere parcheggi completamente liberi a fianco di quelli a pagamento.<br />
Di più: il comma 7 dello stesso articolo impone ai Comuni di reinvestire i proventi dei parcheggi a pagamento per realizzarne di nuovi a raso, interrati o in struttura e non di metterli a bilancio........<br />
La questione quindi è se un Comune possa o non possa violare una legge dello stato se ciò gli fa comodo.<br />
Da ultimo un consiglio mio caro scrivente, sovente presente nei forum dei commenti; se vuoi in una qualche maniera che le tue idee vengano prese in considerazione cerca di essere meno assolutista e vagliare di volta in volta se la questione sollevata abbia o non abbia fondamento invece di decidere da che parte sia la ragione solo leggendo il nome di chi ha scritto l'articolo. <br />
<br />
--Elisa

Mbuto

19 gennaio, 11:06
Gentile Elisa<br />
intanto grazie per il tono amichevole e per il consiglio. Ammetto di avere le mie opinioni e di non essere, ma chi lo è, sempre imparziale. Avevo vagliato la questione e l'ho rivalutata ancora alla luce del tuo intervento. Ebbene, rimango esattamente convinto di ciò che ho detto prima. Non sono assolutamente competente in materia, ma se si scoprirà che "violazioni" del codice della strada ci sono, è evidente che possono essere solo formali, in quanto trovo indiscutibile che i posteggi a pagamento della nostra città di quella legge rispettano la sostanza e lo spirito.<br />
In quanto all'assolutismo, mi sento di rimandare al mittente l'accusa, non sono io, ma Cicconi Massi a parlare di "intento persecutorio e vessatorio nei confronti della cittadinanza" da parte dell'amministrazione comunale e sei tu ad accusarla di voler "far cassa e risanare un bilancio disastroso" coi parcheggi. Riguardo ai proventi poi, non certo miliardari, credo che ne siano stati investiti molti di più per sistemare, creare, studiare e programmare nuovi parcheggi.<br />
Infine cosa dovremmo pensare di quei politici locali che dovrebbero pensare al bene comune di tutta la città e che invece calvalcano certe proteste minoritarie e corporative, "istigano" addirittura i cittadini al ricorso legale verso l'amministrazione e quindi "promuovono" un danno per le finanze della comunità?

Mbuto

19 gennaio, 08:45
Aldilà delle questioni di lana caprina e delle interpretazioni esatte delle leggi su cui aspettiamo che si esercitino gli azzeccagarbugli, credo che sia indubitabile che i lungomare senigalliesi in Luglio e Agosto sono zone di grande "rilevanza urbanistica", altrimenti non capisco che cavolo possa significare questa espressione. In ogni caso poi la questione vera è: vanno bene o vanno male i parcheggi a pagamento sui lungomare in estate? A me sembra che ormai siano accettati e apprezzati dalla maggior parte delle persone, operatori turistici compresi, almeno quelli più avveduti e attenti ai tempi che mutano e non abituati a far ricadere sempre su qualcos'altro o qualcun'altro le loro difficoltà. Che poi tutto sia migliorabile, che problemi esistono, che molto ancora c'è da fare, sopratutto per il trasporto pubblico, è un'altro discorso, ma pensare di tornare indietro alla dereguletion e al posteggio selvaggio è, secondo me, sbagliatissimo.<br />
Mi sembra che ancora una volta Forza Italia si distingua nell' abbracciare battaglie di retroguardia e l'impressione è che abbia anche poca cognizione della realtà e del mutare degli orientamenti dei suoi stessi elettori.




logoEV
logoEV