Divieto di pesca al Ciarnin

1' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
A seguito di alcuni controlli sono stati trovati batteri di salmonella in alcune vongole.
Di conseguenza il divieto di pesca in una vasta parte del lungomare senigalliese.

di Penelope Pitti
penelope@viveresenigallia.it


Divieto di pesca delle vongole nel tratto di mare antistante la zona tra l'Hotel Excelsior e il sottopasso del Ciarnin con l'aggiunta dell'obbligo di sottoporre a processo depurativo le vongole pescate nel tratto di mare compreso tra il porto canale e lo stesso hotel.

Gli obblighi sono stati imposti da una precisa ordinanza comunale emessa a seguito dei controlli effettuati il 18 dicembre scorso dalla Asur di Senigallia e resi noti il 28 dicembre.

Le analisi sui molluschi bivalvi prelevati hanno infatti riscontrato la presenza di batteri salmonella e di E.coli, di qui il divieto assoluto di pesca nel tratto tra l'Hotel Excelsior e il sottopasso del Ciarnin e il divieto di pesca per l'immissione diretta al consumo umano delle vongole nel tratto tra il porto e l'hotel.

L'ordinanza resterà in vigore fino a quando, dalle analisi su nuovi campioni, non risultino ripristinati i requisiti di idoneità igienico-sanitaria di legge.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 gennaio 2007 - 6212 letture

In questo articolo si parla di penelope pitti, pesca


Brontolone42

06 gennaio, 18:05
Spero solo di non comprendere come funzionano queste ordinanze....<br />
10 gg. tra controllo, analisi e notifica,... vabbè....le Feste...ma vietare la pesca dopo tutto questo tempo sa tanto di chiusura di stalla dopo la fuga dei buoi.<br />
Un pò come fa ora la Turco, che dopo il casino dell'Ospedale romano ora manda i controlli su tutti gli altri nosocomi italiani.<br />
A voglia a cambiare le sigle quando le teste che le dirigono rimangono quelle.<br />
<br />
Franco Giannini




logoEV
logoEV