Senigallia ancora sotto la minaccia dell'alluvione

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Un'altra ondata di maltempo torna a colpire il senigalliese, a distanza di dieci giorni dall'alluvione che aveva allagato praticamente tutta la città. Stavolta ad essere colpito più gravemente però è l'entroterra, alle prese con frane e smottamenti che hanno costretto Polizia Municipale e Vigili del Fuoco a disporre la chiusura di molte strade.



La pioggia battete per tutta la notte e fino a ieri mattina è caduta anche su Senigallia ha fatto scattare lo stato di allerta soprattutto nella zona di Casine di Ostra ed Ostra dove vere e proprie frane hanno invaso il manto stradale, ostruendo il passaggio e mettendo a repentaglio l'incolumità degli automiblisti che si sono trovati a transitare in quel momento lungo la provinciale arceviese.

Drammatica la situazione in via Massa, che collega Ostra a Belvedere Ostrense, dove lo straripamento di alcuni fossi ha inondato la strada, non più distinguibile dalla campagna circostante. La strada è stata transennata e chiusa al traffico. A Senigallia, oltre all'allagamento dei principali sottopassi che portano al mare, ieri mattina l'allarme è scattato in via Belardinelli, all'incrocio tra via Mattei e via Cellini. A complicare la situazione ha contriubito la strada dissestata a causa dei lavori in corso ma anche la mancata regimazione delle acque che sarebbe spettata ai proprietari terrieri della zona.

Anche per questo diverse le contravvenzioni che sono state elevate dalla Polizia Municipale ai contravventori. Situazione non certo migliore neanche in direzione di Scapezzano mentre a sud alcune frane e smottamenti si sono verificati lungo la strada delle Saline in direzione del Ciarnin. Allagamenti e smottamenti che hanno ostruito la careggiata anche lungo la statale, in direzione sud, principalmente nel tratto tra Marzocca e Marina di Montemarciano.








Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 settembre 2006 - 1839 letture

In questo articolo si parla di penelope pitti





logoEV