Ostra Vetere: continua l'indifferenza per la differenziata

2' di lettura 30/11/-0001 -
In attesa della piccola-grande “rivoluzione” nel settore dei rifiuti che riguarderà anche i cittadini ostraveterani a partire dal 1° gennaio 2007 grazie all’impegno dei CIR 33, la raccolta differenziata stenta a decollare. Serve un esempio banale, ma emblematico?

da David Fiacchini


Da quando è stata realizzata la fontanella pubblica (prima servita dall’acquedotto consorziale di S. Donnino e poi da Gorgovivo) nel piazzale della Scuola Materna “Luca Lombardi”, il cestino per i rifiuti indifferenziati collocato a fianco del punto d’acqua è sempre – e sottolineo sempre – pieno di bottiglie di plastica (vuote e semivuote).

Si può far osservare lo stesso comportamento nei pressi dei bar e degli altri esercizi commerciali, dove vetro, plastica e cartone finiscono quasi sempre nei vicini cestini e non negli specifici contenitori per la raccolta separata. E’ stato chiesto per iscritto, sia alla precedente Amministrazione che all’attuale giunta guidata dal Sindaco Bello, di “adornare” i cestini paesani con un apposito cartellino divulgativo in cui evidenziare come alcune tipologie di rifiuti devono essere raccolti, per legge, in modo separato, con l’indicazione aggiuntiva dell’isola ecologica più vicina. Sia per far risparmiare il Comune (… e noi cittadini) nel conferimento in discarica, sia per recuperare materiali che sono riutilizzabili attraverso la filiera del riciclaggio.

Ovviamente non può assolutamente bastare un semplice cartellino informativo, ma a distanza di qualche tempo alcuni avvisi sono comparsi solo nei contenitori “stradali” per l’immondizia (dove, peraltro, finisce di tutto e di più nella totale indifferenza di chi dovrebbe controllare), mentre nei “semplici” cestini paesani…continuano ad accumularsi giorno dopo giorno rifiuti riciclabili.

Per la cronaca: quando mi reco a prendere l’acqua nella fontanella pubblica del piazzale della Scuola Materna, raccolgo le bottiglie di plastica e le trasporto, con “grande sforzo”, alla campana per la raccolta differenziata della plastica, distante addirittura 10 – 15 metri dalla fontanella!





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 agosto 2006 - 1779 letture

In questo articolo si parla di ostra vetere, rifiuti, david fiacchini


Anonimo

08 agosto, 11:24
il cassonetto :<br />
bello comodo e quasi mai puzzolente<br />
<br />
--anonimo

Brontolone42

08 agosto, 19:57
Malgrado siano passati già alcuni anni, siamo in molti ancora a calcolare i prezzi in lire invece che in €.<br />
Oggi, 08/08/06, gli esponenti del CIR33, ritengono, anche se ci saranno problemi, che la mattina del 01 gennaio del 2007, saremo tutti pronti, a consegnare i rifiuti del cenone su sacchetti differenziati al passaggio degli addetti nei vari condomini.<br />
Così almeno prevede la legge, ma prima che si parta, per come siamo fatti Noi italiani, dovranno concedere almeno un paio di rinvii in un arco di tempo di un anno e mezzo.<br />
Non lo condivido, ma il senso civico per i popoli latini è materia difficile da assimilare!<br />
<br />
Franco Giannini<br />




logoEV