Sassi contro un treno: i colpevoli hanno 9 e 10 anni

1' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
I sassi contro il treno? Un gioco per bambini. Sarebbero stati infatti due bimbi di 9 e 10 anni a rendersi protagonisti di quello che probabilmente per loro non era altro che un gioco, ma che nella realtà era un qualcosa che avrebbe potuto causare una tragedia.

di Guido Fabbri
guidofabbri@vsmail.it


Il lancio di un sasso, avvenuto tre sere fa contro il finestrino di una carrozza dell’interregionale Ancona-Bologna all’altezza della stazione di Marzocca ha causato il ferimento di Cristina Petrelli, una 32enne di Grottammare ma attualmente residente a Senigallia.

Un ferimento per fortuna non grave, ma c’è mancato poco che il gioco di due bambini avesse conseguenze pesantissime. Sull’accaduto indaga la Polfer di Falconara e, a quanto pare, grazie anche ad alcune testimonianze, gli inquirenti sarebbero risaliti all’identità dei due piccoli.

Sarebbero stati loro gli autori del misfatto, quanto consapevoli delle possibili conseguenze è difficile da immaginare. Resta da verificare anche se i bambini in quel momento fossero soli oppure se i loro genitori o qualcun altro fosse nelle vicinanze omettendo di vigilare sui minori. Di Guido Fabbri guidofabbri@vsmail.it





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 giugno 2006 - 2017 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guido fabbri, marzocca


Smile

24 giugno, 10:46
Propongo gli arresti domiciliari per i genitori e due anni senza Tv, merendine e giocattoli per i pargoli. E sedute di psicoterapia famigliare per tutti. <br />
<br />
Naturalmente, i bravi genitori dovranno risarcire i danni...

Anonimo

24 giugno, 17:38
Io ho tre figli e nonostante sia difficile, vengono tenuti costantemente sotto controllo. Già ai giardinetti noto diversi bambini che vanno a briglia sciolta, con i genitori tranquillamente seduti a distanza a chiacchierare o a leggersi un libro. Per un ragazzino, tirare un sasso è un attimo! Per punizione propongo una tirata di palle al padre ed un anno in stile anni 70 ai colpevoli (quindi senza telefonini, senza playstation, pochissima tv...) vediamo se imparano!<br />
<br />
--Raniero




logoEV