Rotary Club: conferimento della massima onorificenza rotariana e un nuovo socio

4' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
E' stata una giornata rotariana di una importanza non usuale quella vissuta dal Rotary Club della nostra città lo scorso martedì 13 giugno, perché hanno avuto luogo due tra gli eventi più importanti di un intero anno rotariano: l’ingresso nel Club di un nuovo socio, il dott. Andrea Barbieri, ed il conferimento della massima onorificenza rotariana, il premio “Paul Harris Fellow” (PHF), ad un eminente ed insigne rappresentante della cultura della nostra città, il Preside prof. Giuseppe Amati.

dal Rotary Club Senigallia


Numerosa la partecipazione di soci del Rotary Club Senigallia, con alcuni loro invitati, alla cerimonia solenne e suggestiva, così come numerosa la presenza di autorità; il sindaco Luana Angeloni, impegnata in un importante incontro con gli industriali del GIS, era rappresentata dal Vice Sindaco dott. Michelangelo Guzzonato ed il Governatore del Distretto Rotariano 2090 ing. Antonio Guarino, impegnato al Congresso Rotariano Internazionale a Copenaghen, era rappresentato dal suo Assistente dott. Mauro Bignami mentre è intervenuto il Past Governor dott. Umberto Lenzi. Per il mondo della cultura erano presenti i Dirigenti Scolastici prof. Lucio Mancini del Liceo Scientifico “Medi” ed il prof. Giuliano Bonvini del Liceo Classico “Perticari”, che hanno svolto la presentazione ufficiale al Club della figura e dell’opera del preside Amati.

Nell’introdurre la prima cerimonia, quella dell’ingresso nel Club del nuovo socio dott. Andrea Barbieri, il Generale dei Bersaglieri dott. Marcello Olivi, Presidente del Rotary Club Senigallia, ha affermato che l’ingresso di nuovi soci nel Club costituisce uno degli appuntamenti più importanti dell’anno rotariano. “Così –ha affermato Olivi- si garantisce nuova linfa vitale al Club, rinnovamento, stimoli freschi ed occasione di crescita per ciascuno di noi. Questo è anche indice della vitalità del Club e dell’ampliamento della nostra presenza nella comunità di cui facciamo parte”. Nel rivolgere un caloroso benvenuto al nuovo socio, il presidente Olivi gli ha voluto ricordare di aver “accettato di impegnarsi nel Club in nome dei nostri principi di servizio, entrando a far parte della grande famiglia rotariana che lui già conosce, avendo già fatto parte del Rotaract, nella quale riceverà accoglienza amichevole e duratura”.

L’Assistente del Governatore dott. Mauro Bignami, intervenuto in rappresentanza del Governatore, ha avuto espressioni di soddisfazione per le molte attività svolte dal Club, delle quali fanno parte anche l’attribuzione dell’alto riconoscimento rotariano PHF ad eminenti personalità qual’è il preside Amati e l’ingresso di un nuovo socio, grazie al quale il Club centra anche l’obiettivo di far crescere il proprio effettivo. A presentare ufficialmente al Club il dott. Andrea Barbieri è stato il Rotariano Sergio Rossetti. Dopo aver ringraziato le Commissioni, il Consiglio Direttivo ed il Presidente del Club che hanno svolto con esito positivo i propri lavori per accettare la sua proposta di nuovo ingresso, ha detto che Andrea Barbieri è nato a Bologna ma dopo tre anni la sua famiglia si è trasferita a Senigallia perché il padre Carlo aveva intrapreso un’attività commerciale come concessionario della Olivetti. Ha conseguito la maturità scientifica presso il liceo “Medi” e la laurea in Economia e Commercio presso l’Università di Ancona. Ha proseguito l’attività professionale paterna divenendo titolare dell’Olivetti di Senigallia; svolge l’attività lavorativa con la moglie Antonella Ferri (anch’essa laureata in Economia e Commercio), figlia del compianto Mario Ferri già presidente dell’Opera Pia Mastai Ferretti.

Uno dei suoi pregi è quello di essere attivo nel volontariato con esperienze trascorse in organizzazioni come Amnesty International e WWF; attualmente ricopre l’incarico di Segretario del “Coordinamento del Volontariato – Zona 2 Senigallia”, in cui è entrato fin dal 1994. “’E un curriculum –ha affermato Rossetti- che fa capire che per essere buoni rotariani occorre essere brave persone, impegnate nella propria attività, animate da buona volontà e spirito di servizio verso gli altri; occorre partecipare attivamente alla vita ed alle attività del club offrendo la propria disponibilità, così come sta già facendo nella sua vita privata Andrea” Dopo l’ingresso di Barbieri nel Rotary Club cittadino, ha avuto inizio la cerimonia di consegna dell’onorificenza rotariana PHF al preside prof. Giuseppe Amati, che è stato presentato al club dalle essenziali esposizioni dei Dirigenti Scolastici prof. Lucio Mancini e prof. Giuliano Bonvini.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 giugno 2006 - 3805 letture

In questo articolo si parla di rotary club


Anonimo

17 giugno, 15:48
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

16 giugno, 10:09
Wow che notiziona.<br />
<br />
--X