Pienone ed interrogativi all'inaugurazione del Locale

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Giovedì sera 1 giugno “Il Locale”, noto disco-bar sul lungomare di Senigallia, ha inaugurato la sua stagione estiva.
Mi sono sempre chiesta che cosa spinga centinaia di persone a stare fuori da un bar senza consumare alcunché e in fila ma senza aver, in realtà, la minima intenzione di entrare. Me lo sono chiesta ancora di più giovedì sera mentre il vento faceva venire i brividi anche ai previdenti che indossavano qualcosa di un po’ più pesante.

di Barbara Piccolo


Ma…bando alle incertezze ho deciso di entrare e di godermi un po’ di sano calduccio. Tanta, tantissima gente accalcata, un “locale” studiato nei minimi particolari, davvero carino nel suo stile etnico-chic, una musica forse un po’ troppo alta ma piacevole tanto che qualcuno pur in mezzo alla folla non resiste e accenna qualche passo di danza, baristi simpatici che preparano cocktail e intrattengono la clientela, unico neo se così si può chiamare, una fila intera di tavoli riservati (buffo non ho mai saputo che anche nei bar si possano riservare tavoli!).

Il mistero si svela quando comincio a capire che stanno aspettando un ospite e, data la folla, direi si tratti di un ospite d’eccezione. Non trascorrono neanche cinque minuti e il dj annuncia l’arrivo di Luca Dorigo, a questo punto per me resta il mistero… Ma chi è questo famosissimo Luca Dorigo? Ok, mi informo, chiedo e cerco qualcuno che mi possa illuminare. Finalmente la risposta: Luca Dorigo è uno dei tronisti di Maria De Filippi, quello che ha scelto Amalia per ben due volte dopo un suo no secco! Ah, ora mi è tutto un po’ più chiaro!

Verso l’una una folla si alza come in una ola e vedo da lontano un ragazzo alto, biondo con una strana cipollina stile lottatore di sumo. Bè effettivamente è un bel ragazzo ma riesco a vederlo per un attimo, dopodiché centinaia di ragazze tirano fuori dalle tasche cellulari con fotocamera, fogli e quant’altro per immortalare questo fantastico momento, alcune sono disposte anche alla rissa pur di arrivare a Luca, pur di commentare la sua scelta del trono (mi sembra di parlare di una casa monarchica). Ok, proprio non si respira più, decido di uscire o meglio decido di intraprendere la mia faticosa scalata verso l’uscita, i quattro metri più lunghi della mia vita schiacciata da tutta quella fila fuori che ora ha deciso irrimediabilmente di entrare.
Esco, ricomincio a respirare, penso a come “Il Locale” abbia raggiunto il suo obiettivo di radunare gente…Ma un interrogativo resta: saranno davvero loro eccellenti esperti di marketing o le esigenze di chi esce la sera si riducono a un bel ragazzo che si è seduto su una poltrona rossa per scegliere la più bella del reame?





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 giugno 2006 - 3825 letture

In questo articolo si parla di barbara piccolo


mescalino

05 giugno, 09:56
Finalmente, come a <a href="http://www.michelepinto.it/?p=82"> Michele</a> [www.michelepinto.it] tempo fa, faccio i miei complimenti a Barbara. Finalmente il Re e' nudo. Il non-senso di certe serate e' talmente evidente che e' forse difficile vederlo, specialmente per molti ultra trentenni alla ricerca del divertimento perduto.<br />
Brava Barbara, sottoscrivo quanto hai scritto, al 100%.

Anonimo

05 giugno, 10:14
Anch'io sottoscrivo al 100%! Vorrei a tal proposito anche chiedere come mai si tollera che ogni sera centinaia di auto (molte delle quali appartenenti all'imbarazzante catergoria dei SUV), stiano tranquillamente parcheggiate sulla pista ciclabile senza che nessuno dica/faccia niente.<br />
Per quanto riguarda l'argomento "tronisti" secondo me bisognerebbe fare causa a Maria De Filippi e chiedere un enorme risarcimento dei danni, perchè ha favorito una caduta verticale del quozionte intelletivo nazionale, cosicchè c'è gente che realmente si scalda perchè tizio ha scelto caia ma caia ha detto di no perchè è una stronza che se la fa con sempronio...davvero! esiste gente (e molta) che considera queste come fossero "notizie", con tanto di tg che le riportano come tali...<br />
Secondo me non è la televisione la televisione in genere ad essere dannosa, ma Maria De Filippi con le sue comari frustrate che vomitano insulti dal pubblico!!<br />
<br />
--Sara

melgaco

05 giugno, 12:36
La colpa è dell'eccessiva liberalità di Berlusconi.<br />
<br />
Per non farsi dire che ha il controllo assoluto sulla televisione italiana e per evitare che si sostenga (ma lo sostengono lo stesso) che è un editore illiberale, mette gli pseudointellettuali progressisti (Maurizio Costanzo) a dirigere la propria tv.<br />
Questi sono i risultati.<br />
Lo ha detto recentemente in un'intervista anche la figlia di Berlusconi che ha confessato a Daria Bignardi che la tv, ed in particolare quella di Costanzo & mogli, le fa schifo.<br />
Brava la bimba. Lei sì che è libera. Non come il padre che si preoccupa troppo dei giudizi dei propri nemici.

Anonimo

05 giugno, 12:49
Complimenti a Barbara!<br />
Bellissimo articolo che condivido in pieno, sulla banalità di ciò che fa "tendenza" oggi.<br />
<br />
--Franco

Anonimo

05 giugno, 13:02
Devo ammettere che Barbara Berlusconi è piaciuta molto anche a me, proprio perchè libera. Ma libera di ragionare con la testa propria (non per altro studia filosofia) e libera da interessi, spero per lei che questo stato di grazia continui a lungo. Il papi invece non è libero perchè quando fa/dice/pensa/sogna qualcosa ha sempre un interesse da tutelare e un secondo fine, più o meno lecito da raggiungere. Non che mi faccia pena, anche perchè penso che sia anche troppo libero, visto le leggi fatte ad hoc per evitare il carcere (ma è ovvio che queste sono solo cattiverie comuniste...).<br />
Per quanto riguarda il Berlusconi editore credo che sia in gamba e liberale fino a quando entrano soldi in cassa, non sono quindi d'accordo quando dici che tiene a libro paga Costanzo e famiglia per dimostrarsi tale, lo fa solo perchè la coppia d'oro fa molti ascolti e quindi molti soldi. Punto. Poi se voleva dimostrare la sua liberaltà credo che avrebbe evitato la cacciata di Mentana dal TG5 con successiva sostituzione con il fido Rossella, tanto neutrale che ha portato Sposini (notoriamente di sinistra) a dare le dimissioni perchè c'era divergenza su quali notizie dare e quali passare sotto silenzio (anche in questo caso la fonte è diretta e parte dalle Interviste Barbariche).<br />
L'immagine del povero imprenditore milanese, incompreso e attaccato da tutte le parti non funziona da nessuna angolatura la si guardi!<br />
<br />
--Sara

melgaco

05 giugno, 13:08

Off-topic

Comunque, e lo segnalo al liberalissimo editore Michele Pinto, quello pubblicato non è un articolo ma un commento.<br />
Secondo me, per evitare confusioni tra la parte giornalistica e quella "opinionistica" del sito, basterebbe scrivere "da" e poi mettere il nome dell'autrice del pezzo invece di "di" seguito dal nome. In questo mofo si capisce che non ci si trova davanti ad un articolo giornalistico ma davanti ad un'opinione, una sorta di "lettera al giornale"

melgaco

05 giugno, 13:13

Off-topic

Il punto è che Berlusconi vuol piacere alla sinistra.<br />
Ma questo non piace a me.<br />
Mentana è rimasto lì per 13 anni e Costanzo c'è da una vita.<br />
A Zelig lo prendono per il culo in continuazione. La Gialappa's band gli dedica battute al vetriolo. Insomma è un continuo sputare nel piatto dove si mangia.<br />
Berlusconi fa finta di niente perchè sennò si comincia a parlare di epurazioni e roba simile.<br />
Chiunque di noi, al posto di Berlusconi, avrebbe epurato da un pezzo.<br />
Insomma, Berlusconi è troppo antiberlusconiano per i miei gusti!<br />

Anonimo

05 giugno, 13:22
Basta con il locale<br />
Basta spendere 4 euro per una moretti<br />
Basta con i bellocci lobotomizzati che rincretiniscono le fanciulle!!!<br />
A ME IL LOCALE<br>MI FA STAR MALE<br />
A ME IL LOCALE<br>MI FA STAR MALE<br />
A ME IL LOCALE<br>MI FA STAR MALE<br />
<br />
E poi diamo contro ai ragazzi del mezza canaja ... <br />
loro si cha hanno capito che non tutti i ragazzi di senigallia sono così ricchi da potersi permettere i prezzi del locale e dintorni.<br />
W IL MEZZACANAJA<br />
M IL LOCALE<br />
<br />
<br />
<br />
--Cristian

Anonimo

05 giugno, 14:01
Direi anche basta con la birra o, almeno, diamoci 'na regolata!<br />
E se non vogliamo spendere i quattro euri del Locale prendiamola al Lidl, al Dico o all'Iperdiverso, dove costa poco e chi ce la vende ci paga le tasse.<br />
Il massimo della trasgressione poi è berla in compagnia e senza tronisti nei paraggi.<br />
<br />
--Pablo

Anonimo

05 giugno, 14:14

Off-topic

Ripeto: Zelig e Gialappa's portano soldi e nessuno di noi al posto di Berlusconi farebbe l'offeso davanti ai milioni che porta la pubblicità.<br />
Mentana è rimasto finchè non si è profilata una campagna elettorale da "giochiamoci il tutto per tutto", dopodichè il TG5 ha smesso di essere un telegiornale .<br />
Costanzo è la versione giornalistica di Berlusconi, nel senso che è un altro che ha venduto l'anima al dio share/soldi. Stesso dicasi per Ricci, uno che fa satira finchè il capo appare come un burlone con la bandana, ma quando c'è da affondare il coltello sul serio, non vede e non sente.<br />
Di sicuro è liberale, ma come ogni buon imprenditore lo è finchè è conveniente esserlo, non di sicuro per piacere alla sinistra, perchè sa bene che da quella parte i voti non arriveranno mai (escluso ovviamente l'elettorato di Mastella...)<br />
<br />
--Sara

Anonimo

05 giugno, 14:22

Off-topic

Concordo. Non vorrei che ritornassero gli articoli/blog del prof. Tinti...<br />
Poi, oltre alla rubrica "Lettere al Giornale" dovrebbero essere aggiunte le rubriche: "Non so più cosa scrivere, vi prego notatemi!" riservato a Paradisi e "Spot di chi è in perenne campagna elettorare" dedicato a Bello.<br />
<br />
--Sara

Anonimo

05 giugno, 14:22
Non penso che chi va al Locale sia ricco e chi frequenta i centri sociali si apovero.<br />
Chi frequenta il lcoale a volte è gente che spende un intero stipendio per vestirsi alla moda e per pagare la Moretti (che così nn è piu' la birra dei poretti e mi crolla un mito) ben 4 euro, chi invece frequenta i centri sociali si veste.........un po' trascurato per un idea o per un reagire a qualcosa e magari è piu' ricco.<br />
C'è chi a 20 anni è gia fuori di casa e si paga un affitto o un mutuo e chi a 30 anni suonati preferisce andare al Locale(quindi spendere di piu' che in altro posto) e rimanere a casa con i genitori.<br />
<br />
<br />
--tt

michele

05 giugno, 14:53

Off-topic

Hai ragione da vendere, da ora in poi sarà così.

melgaco

05 giugno, 15:36

Off-topic

E comunque, fare i propri interessi non è un reato.<br />
Tutti noi, ogni giorno, cerchiamo di tutelare i nostri interessi e cerchiamo di guadagnare di più.<br />
E comunque siamo tutti d'accordo nel dire che Costanzo fa schifo. Ormai non riesce neanche più a fare ragionamenti. Anzi, non riesce neanche più a parlare. Sbiascica solamente mozziconi di parole incomprensibili. La prima vittima del suo modo di fare tv è lui stesso.

melgaco

05 giugno, 15:39

Off-topic

Qui ti aspettavo Sara.<br />
Ricordi la tua risposta quando dicevo la mia su Chiappetti?<br />
Se fossi un bastardo adesso...

melgaco

05 giugno, 15:41
Basta a quelli che dicono basta.<br />
<br />
Ognuno faccia ciò che vuole

Anonimo

05 giugno, 15:43
"Quelli del Locale" mi fanno una gran tristezza, ma non gli contrapporrei "quelli del mezza canaja" come esempio di rettitudine e impegno morale. Sono modi diversi di trascorrere il tempo da parte di chi di tempo libero ne ha fin troppo.<br />
<br />
--Sergio

Anonimo

05 giugno, 16:15
Anche se spesso difendo il 1/2 Canaja, stavolta spezzo una lancia a favore del Locale. Tralascio la questione tronista (quoto in pieno Barbara Piccolo) e dico, da frequentatore di entrambi i locali che non vedo dov'è la differenza tra un venerdì al Locale ed una festa al Mezza. Cambiano gli abiti, la musica ed i prezzi del bar, per il resto gente sballata e decibel a gogo sono gli stessi.<br />
Personalmente credo che una bella cena a casa di amici, dove si mangia si beve e si discute di tutto, seguita da un giro nella bolgia del Tatiana, del Locale o del Mezza, mi sembra un buon compromesso....<br />
<br />
--Febbre90

Anonimo

05 giugno, 16:34

Off-topic

E chi cacchio è Chiappetti?<br />
Fai pure il bastardo, non mi ricordo proprio cosa ho detto, dubito che abbia elogiato gli articoli di Bello, Paradisi e Tinti...<br />
<br />
--Sara

Anonimo

05 giugno, 16:43

Off-topic

Infatti, non è reato fare i propri interessi (oddio, Berlusconi è riuscito anche in quello), ma non bisogna mascherare gli interessi con una nobiltà d'animo che quell'individuo non ha. Su Costanzo concordo in pieno!<br />
<br />
--Sara

Anonimo

05 giugno, 20:21

Off-topic

il problema e' che berlusconi e' l'inventore assoluto della tv spazzatura con la quale coprirsi le spalle dalle nefandezze dell'informazione distorta o insabbiata.<br />
vxvendetta<br />
<br />
--vxvendetta

melgaco

05 giugno, 21:47

Off-topic

Mi pare strano che non ricordi.<br />
Che ci siano due Sare?

Smile

05 giugno, 23:16
...non sempre avere del tempo libero è una scelta, soprattutto dopo i 25 anni... E poi, che c'entra la rettitudine e l'impegno morale con l'andarsi a bere una birra a 4euro? Oppure ti vuoi riferire alla non-rettitudine e al non-impegno morale dei ragazzi del 1/2 canaja?<br />
<br />
Insomma, non ho capito che vuoi dire...

Smile

05 giugno, 23:26
Anche se sono d'accordo con quello che ha scritto Barbara, concordo pure con quello che dici tu...!<br />
<br />
<i>O-gni a-dul-to fac-cia ciò che vuo-le!!!<br />
Nes-su-no di-ca a-gli al-tri quel-lo che de-ve fa-re!!!</i>

Anonimo

06 giugno, 08:57
Davvero non ricordo. Di sicuro c'è una Sara registrata che non sono io, perchè ho provato a registrarmi ma il nick era già preso. Non so se è lei quella "incriminata"...<br />
<br />
--Sara

Anonimo

06 giugno, 11:03
Chi vi parla ha toccato i cinquanta e non crede che la nostra gioventù sia stata molto migliore. Mi ricordo serate e pomeriggi domenicali passati in discoteca tra suoni assordanti con un biglietto d'entrata che tutto sommato non era molto più economico di una birra a 4 euro. E' vero , la consumazione era compresa nel biglietto e si stava attenti a farsela durare per tutta la serata, magari per andare in discoteca si organizzava una macchina unica, ma per il resto il vuoto tipico di certi locali era simile se non uguale a quello attuale. Personalmente l'anno scorso ha fatto anch'io una puntatina al locale, perchè anch'io come Barbara non riuscivo a capire cosa attirasse le persone e le spingesse a stare li in piedi in attesa del nulla, con una musica decisamente squallida. Mi sono messo li in piedi con l'aria scojonata, lo sguardo giusto,ed ho aspettato che succedesse qualcosa. Non sò un approccio amichevole, un tentativo di abbordaggio da qualche ragazza "moderna", magari anche una rissa per scaldarsi un pò.....NULLA,niente di niente...IL NULLA PIU' profondo.Sono ritornato quest'anno 2 volte al Vertigo, che del locale oramai è diventato lo specchio, il gemello obbligato per avere possibilità di sopravvivenza.L'occasione era una serata con gruppo "live". In quelle serate ho avuto l'illuminazione, ho capito cos'è che in questo tipo di locali funziona. Quello che funziona è la libertà. Sono locali "democratici".Almeno al Vertigo non hai nessun obbligo, puoi usufruire di tutto senza impegno. Nessuno ti fa sentire il fiato sul collo. Non ti senti obbligato alla consumazione, puoi stare in piedi o seduto, non cambia. Puoi stare fuori sul marciapiede e fumare o dentro se è freddo, puoi ascoltare musica o ballare, bere qualcosa o parlare.Forse il segreto è tutto li. Dare uno spazio senza obblighi. Devo dire che ho passato due piacevoli serate ed ho incontrato persone amiche. I prezzi delle consumazioni poi non sono così astronomici, quando usufruisci di un concertodi buona musica, balli e dialoghi piacevolmente si può fare. Ultima cosa questi locali sono anche per persone sole, non devi a tutti i costi organizzare una serata in compagnia puoi andare e divertirti anche senza amici, sei sempre accolto e non discriminato, e non è poco.<br />
Detto questo condivido tutto quanto scritto sulla pochezza dei miti televisivi, giganti elevati su piedi di argilla, vuoti simulacri del nulla ed ho molto apprezzato l'articolo di Barbara, testimonianza di spirito critico ancora vivo.<br />
<br />
--ALBA CHIARA

Sole_Daniele

06 giugno, 13:10
Mha....il posto è carino, non lo nego, però ha un pò di cose che alla fine, messe assieme, mi fanno pensare sempre 10 volte se vale la pena andarci:<br />
<br />
1- spesso c'è così tanta gente che non si riesce ne a girarci ne a respirare.<br />
2- non si può certo dire che una consumazione sia a prezzi bassi (ma ormai tutti fanno così, o quasi).<br />
3- la musica non è male, ma chi prova a ballarla si trova contro un muro di gente.<br />
4- provare ad "attaccare bottone" con qualcuno dentro è quasi utopia, a meno che non ti urli dentro un orecchio (a proposito, ma i famosi limiti sonori non devono valere pure dentro i locali pubblici????). Casomai si può provare fuori (infatti....).<br />
5- trovare parcheggio nelle vicinanze (entro 300 m) a partire dalle 22.00 diventa pura utopia, se poi piove....<br />
<br />
Non meravigliamoci delle auto parcheggiate nella ciclabile, meravigliamoci piuttosto che il Comune non sfutti un'occasione come questa per aumentare un pò il bilancio comunale spedendo qualche bel vigile incarognito dall'orario di lavoro!!!!!<br />
<br />
Tutto sommato non ci vado, se ci vado è solo malvolentieri, ma in fin dei conti tutti sono liberi di fare quello che vogliono: c'è da dire che durante gli aperitivi è vivibilissimo.

melgaco

06 giugno, 20:59
Compromesso?<br />
Pure per andamme a divertì?<br />
Lassa perde<br />
W la libertà (lo urlo a squarciagola perchè vedo che a parte smile nessuno sa cosa sia sta libertà)

Anonimo

06 giugno, 22:09
Il Locale, cosi come altri locali a lui paragonabili, e'una bella vetrina dove e'vero che non ci sono obblighi e nessuno ci sta cul fiato sul collo ma e'anche un luogo dove si sta per "vedere gente e farsi vedere dalla gente". E'questo quello di cui si ha bisogno oggi, e'questo che spinge le persone a frequentare questi luoghi... perdonatemi se, alle correttissime e "politacally-correct" affermazioni di Barbara mi permetto di aggiungere questo: ho visto decine di persone truccarsi prima di scendere dall'automobile... decine di persone mosse dalla voglia di avere il "gadget" giusto per frequentare certi luoghi (vuoi occhiali, vuoi borsette, vuoi vestiti alla moda)... e'giustissimo dire che ognuno e'libero di fare cio'che vuole... quindi e'anche lecito dire "A ME TUTTO QUESTO NON PIACE, ANZI, CERTE PERSONE A MIO AVVISO RASENTANO LA SUPERFICIE DELLA SUPERFICIALITA'"... c'e'da chiedersi perche'... ^_^<br />
<br />
--JJ

tt

08 giugno, 11:04
dubito che nessuno sappia cosa sia la libertà.

doppelganger

08 giugno, 17:00
Bah...anche se comincio ad essere fuori target per il Locale, pur avendo buoni studi, quando uscivo la sera con gli amici, anch'essi di buoni & classici studi, non si andava in giro per musei o cineforum. Anche se poi anche il tatiana, ogni sera per tutte le sere, diventa noioso come il settimo sigillo...<br />
<br />
Ok, ai miei tempi avevamo il peter pan, o la baia, e se non volevamo muoverci ci accontentavamo dello shalimar, ma insomma era la stessa cosa. Alla baia si pagavano 25.000 consumazione compresa (e ci sembrava un patrimonio), ma vogliamo paragonarla con il Locale? E le bimbe del peter pan con quelle del vertigo? Ma dai...<br />
<br />
Se poi il discorso finisce sui tronisti, ok. Esiste un progetto per il rincoglionimento del Paese. Fede ha indicato la strada, Costanzo/De Filippi sono pornografia in fascia protetta, ma Ruini non guarda canale 5...la mia tesi è che se un cittadino coglione vota a sinistra, a quello rincoglionito va bene la destra, e qui citando mediaset mi fermo.




logoEV