Sacelit: Ceresoni presenta il piano d'indagine del sottosuolo

1' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Come soggetto titolare dell'indagine e dell'eventuale bonifica del sottosuolo nell'area Sacelit-Italcementi, il Comune di Senigallia, dal 2002, sta elaborando un Piano di Caratterizzazione che sarà avviato nel momento della demolizione degli edifici.

di Silvia Piermattei
silvia@viveresenigallia.it


Il piano è stato discusso nella Conferenza dei Servizi con Arpam e la Provincia di Ancona e consisterà nella raccolta di 214 campioni ad una profondità di 1 metro e mezzo su tutta l'area interessata dal pericolo amianto.

Tutti i campioni raccolti su 4 km di trincee saranno analizzati contemporaneamente dall'Arpam e da un laboratorio accreditato dalla proprietà.

"Tutto il procedimento sarà a carico dell'azienda proprietaria dell'area - spiega l'Assessore Simone Ceresoni - visto l'argomento delicato il Comune ha deciso di seguire le indagini in maniera scrupolosa, avvalendosi della competenza del Dott. Vito Totire come supervisore esterno.
Il Piano di Caratterizzazione segue la normativa del D.M. 471/99 e sarà presto approvato in Comune.
Per quanto riguarda l'opera di bonifica esterna dell'area Sacelit, l'Asur ha richiesto un monitoraggio ambientale in corso d'opera ed ha riscontrato che la quantità di fibre d'amianto disperse nell'aria è nulla.
"








Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 marzo 2006 - 2303 letture

In questo articolo si parla di sacelit, silvia piermattei, amianto