Congresso di sezione SDI: il centrosinistra deve ritrovare la coesione

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Si è tenuto domenica scorsa, alla presenza del Segretario Provinciale Maurizio Cianfrini, il Congresso di Sezione dello SDI.

da Renato Pizzi
segretario SDI Senigallia


I lavori del congresso, al quale sono giunti i saluti augurali del Sindaco Luana Angeloni e –tra gli altri- dei segretari cittadini di Ds e Udeur, si sono aperti -sotto la presidenza dell’on. Giuseppe Orciari- con la relazione del segretario Renato Pizzi e dopo un vivace dibattito si sono conclusi con l’elezione del nuovo Comitato Direttivo.
Ne partecipano di diritto l’ex sindaco Orciari e gli ex consiglieri comunali Mario Bonvini e Dante Giacometti oltre a Federico Pizzi, già presidente della I circoscrizione.
Completano l’organismo direttivo: Camillo Nardini, Iorio Tombesi, Lito Galli, Riccardo Gramaccioni, Marisa Guidi, Fulvio Principi, Claudia Girolimini, Renato Pizzi.
Claudia Girolimini e Carlo Bonvini sono stati eletti al direttivo provinciale, mentre Renato Pizzi rappresenterà lo SDI senigalliese nel direttivo regionale.

Il congresso ha salutato con favore la nascita della nuova formazione della Rosa nel Pugno, vera novità nel panorama politico, non solo del centrosinistra, ricordando tuttavia che sarà necessario e dirimente attribuire una importanza privilegiata all’azione politica a difesa dei valori sociali, tradizionali del movimento socialista, così come sarà un impegno preciso proporsi come punto di riferimento, per la salvaguardia dei diritti civili condivisi, patrimonio comune di socialisti e radicali.
Le battaglie comuni di socialisti e radicali per la difesa della scuola pubblica e per l’abolizione degli ordini professionali stanno a dimostrare la sintonia dei due partiti, ora uniti nella Rosa nel Pugno, nei temi pressanti del lavoro, dell’economia, delle pari opportunità e per la laicità dello Stato.
Nelle liste elettorali, Pannella e Intini, Bonino e Borselli, saranno i capilista della rosa nel Pugno, che dovrà raccogliere entro il 6 marzo 90.000 firme per poter presentare il simbolo alle prossime elezioni. La campagna per la raccolta delle firme è stata aperta da Luciana Nenni, figlia del grande leader socialista.
A livello locale è stata evidenziata la necessità che la maggioranza di centrosinistra che sostiene il sindaco Angeloni ritrovi coesione e unità d’intenti per rispondere, in maniera puntuale, alle esigenze manifestate dai cittadini con particolare riguardo al lavoro, alla sicurezza, alla qualità della vita.
A questo proposito il segretario Pizzi ha ricordato la vicenda della frazione di Vallone, che ha evitato, come sembra ormai certo, l’installazione nel suo territorio di impianti e attività a forte impatto ambientale, grazie all’iniziativa politica dello SDI, che –primo e per diverso tempo unico partito della maggioranza- ha dato voce alle giuste istanze dei residenti.

Dagli interventi è emersa quindi la necessità politica che, dopo la prematura scomparsa nel giugno scorso dell’assessore Nilde Cerri, sia risolta la questione della partecipazione socialista alla struttura di governo cittadino.
Lo SDI vuole giungere ad una soluzione di concerto con il Sindaco e gli altri partiti di maggioranza, in un contesto che riporti alla piena operatività l’Amministrazione e confermi la pari dignità politica tra le forze del centrosinistra, a maggior ragione nel momento in cui il soggetto socialista, anche a livello nazionale, si evolve in una nuova e più rappresentativa realtà politica, che chiama a raccolta le forze laiche, liberali, socialiste e radicali.
Il nuovo Direttivo si riunirà il prossimo 2 marzo per eleggere il segretario politico.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 marzo 2006 - 2130 letture

In questo articolo si parla di luana angeloni, sdi, politica