18.000 euro per il nuovo reparto di Oncologia dell'ospedale

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
La serata di fine anno organizzata da Box Marche per la raccolta di fondi da devolvere a sostegno del progetto di A.O.S. è andata ben oltre le aspettative dei promotori dell’iniziativa di solidarietà.

da Box Marche


Alla data del 20 dicembre sono stati raccolti 18.000 euro, la metà dei quali donati dalla Box Marche che ha raddoppiato la somma raggiunta durante la cena di sabato scorso con i contributi di dipendenti, collaboratori, principali fornitori dell’azienda, autorità di Corinaldo, tra cui era presente il Sindaco Livio Scattolini, partner esterni dell’azienda insieme alle loro famiglie.

Ma le donazioni continuano ancora ad arrivare da parte di coloro che non hanno avuto modo di partecipare alla serata conviviale, che si è tenuta presso il Ristorante Villa Honorata di Serra de’ Conti a cui erano presenti 133 persone.

“Quest’anno – ha spiegato Tonino Dominici Amministratore Delegato di Box Marche ringraziando tutti i presenti per la partecipazione – partecipiamo all’attività di AOS, Associazione Oncologica Senigallia valli Misa e Nevola, che offre l’assistenza domiciliare gratuita ai malati terminali ed alle loro famiglie. Un’associazione fortemente presente sul nostro territorio, impegnata in un grande progetto per il nuovo reparto di Oncologia dell’Ospedale di Senigallia, con soluzioni che consentiranno di realizzare un ambiente più accogliente e confortevole.

Una sfida, unica nelle Marche, cui ci sentiamo vicini perché coinvolge la nostra indole e le nostre emozioni, consente di sentirci tutti cittadini attivi e partecipi nell’azione solidale e volontaristica che cerca di alleviare la sofferenza e il disagio di tanti. Siamo certi che partecipare questo importante progetto sia fonte di reciproca soddisfazione. Il nostro Natale è più bello se lo è anche per gli altri.


Per l'AOS erano presenti il primario del reparto di oncologia di Senigallia Tito Menichetti e il presidente dell’Associazione Giuliano De Minicis.

“Ringrazio di cuore Box Marche – ha detto De Minicis– perché si è resa partecipe ed ha voluto condividere con noi un progetto importante che riguarda tutti. I lavori per il nuovo reparto di Oncologia dell’Ospedale di Senigallia partiranno ufficialmente i primi di gennaio.”

La tradizionale cena di fine anno di Box Marche rappresenta un’occasione per incontrarsi unendo un momento di festa e partecipazione ad un’azione concreta di solidarietà, in un autentico spirito di condivisione dell’azienda. Ma la serata è stata anche occasione per presentare il bilancio dell’operato di un anno. Ed i risultati ottenuti sono motivo di grande soddisfazione per tutti coloro che hanno profuso il loro impegno per raggiungerli.

Questi i dati aziendali: produttività 1,44%, costi non qualità: indice non qualità 0,55%, fogli scartati rep, stampa -13%, pezzi scartati rep. Piegaincolla -18%, riduzione sfridi e scarti di lavorazione - 1%. Al 30 novembre il margine operativo lordo è di 2.900.000 euro, con un fatturato pro-capite di 205.000 euro.

Attestati di riconoscimento sono andati nel corso della serata evento a vari dipendenti dell’azienda. Per i primi cinque anni di lavoro in Box Marhce hanno ricevuto dal presidente Sesto Pierfederici una spilla in oro Elisa Bigini, Sonia Torreggiani, Giorgio Umbertini, Laura Rossetti, Enrico Cecchini, Loretta Tarsi, Oliviero Nacciarriti. I nuovi assunti del 2005: Simone Gradoni, Luca Giuliani, Silvia Vescovi, Giovanni Rotatori. Quattro gli attestati attribuiti per la puntualità a Simone Gradoni, per la flessibilità a Luca Bagnoli, per la presenza ad Andrea Venanzi mentre per la presenza e flessibilità il riconoscimento è andato ad Anna Maria Minelli. Prima dei saluti e degli auguri di fine anno Tonino Dominaci ha tenuto a ricordare gli amici defunti negli anni scorsi, Stefano Ranieri, Giuliano Pascucci, Nicola Ferretti, Nazzareno Baldassarri e Giuseppe Baldassarri fondatore dell’azienda.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 dicembre 2005 - 1749 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

21 dicembre, 15:35
Caro Luca è evidente che non mai avuto a che fare con questa malattia, altrimenti non avresti scritto una boiata simile. Penso che prima di fare affermazioni sia necessario pensare al significato di cio' che si afferma, in questo caso, non sai proprio di cosa di cosa parli e avresti fatto meglio a metterti le mani in tasca piuttosto che sulla tastiera.<br />
<br />
--.

Anonimo

21 dicembre, 16:47
Anche questa volta, Michele, hai dimostrato la grande sensibilita' e correttezza che da sempre distingue qusto sito " oscurando" quel commento non degno e non rispettoso nei confronti di chi sta male e .........quanto male.<br />
sempre i miei complimeti a tutta la redazione<br />
<br />
--tt

Anonimo

21 dicembre, 10:18
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV