s2w: Colonia 2005, le conclusioni dei nostri ragazzi

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
I nostri ragazzi, reduci dall'avventura tedesca a Colonia, tirano le conclusioni di questa esperienza.



Certo è strano pensare di attraversare 3 stati, arrivare dopo 15 ore di viaggio nel cuore dell' Europa e dormire per terra o addirittura all' aperto per vedere chi è quasi tutto l' anno a tre regioni da qui, nella capitale.

Il fatto è che non siamo arrivati a Colonia solo per vedere il Papa da un maxi schermo, la nostra posizione alla Santa Messa era tale da non poter neanche distinguere la sagoma del pontefice, non siamo arrivati in Germania per fare ciò che ogni italiano può fare in una giornata.

Ciò che ci ha spinta Colonia è innanzi tutto la voglia di fare una esperienza a livello mondiale, la voglia di immergersi in sapori, suoni, colori e culture di altri continenti, di altri stati, di altre regioni.

Ciò che ci ha mosso è quella voglia di preghiera comunitaria, di Preghiera Mondiale che ha radunato oltre il milione di giovani.

Abbiamo voluto essere pellegrini, comminado in totale per oltre 10km, abbiamo voluto conoscere, cantando e ballando fino a notte con spagnoli, brasiliani, tedeschi ecc..., abbiamo voluto essere italiani, distinguendoci con le nostre bandiere e con la nostra vitalità, abbiamo voluto essere cristiani, unendoci nella preghiera col Santo Padre e nel ricordo di Giovanni Paolo II.

Colonia è stato tutto questo, la GmG è stato tutto questo e non solo. Senigallia era presente e si è fatta sentire, siamo arrivati a Colonia con un carico di divertimento e siamo tornati con due.

Ma ora Colonia è lontana, il ricordo ancora vivo e lo sguardo è verso Sydney.







Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 agosto 2005 - 1539 letture

In questo articolo si parla di





logoEV