s2w: Senigallia-Colonia

1' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Continuano ad arrivarci le foto dai ragazzi della diocesi che partecipano alla XX Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia.



Divertimento allo stato puro qui a Colonia.
Dopo il viaggio, lunghissimo, abbiamo celebrato la messa con tutte le delegazioni marchigiane.



La sera grande festa d'accoglienza e poi la mattina dopo è stato durissimo alzarsi!...



Cosa mangiamo?
Tutto crauti, wurstel e cibi tipici tedeschi.
Ieri abbiamo avuto la messa con tutti gli italiani...poi la "Festa degli Italiani".



Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 agosto 2005 - 1936 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

21 agosto, 19:33
BEN DETTO!<br />
<br />
--giacomo

melgaco

17 agosto, 22:09
Leggo nello striscione; "Maria, una donna come me e te". <br />
Mi sa che il relativismo di cui parlava Ratzinger si è impadronito pienamente anche di questi pseudomovimenti che alla ricerca della trascendenza e della spiritualità dedicano poco tempo e poche energie.<br />
Mi sembra di trovarmi di fronte ad una mega scampagnata del primo maggio più che ad un raduno religioso.<br />
E il Papa mi sembra ormai essersi trasformato in un'icona, un idolo, una sorta di star del rock col quale farsi una foto e dal quale farsi firmare autografi.<br />
E la Madonna è una donna come tutte. Una che cambia i pannolini ai bambini, che prepara il pranzo al marito, che diventa nervosa quando arriva il ciclo e magari fuma, beve, tradisce, divorzia, abortisce e chi più ne ha più ne metta. <br />
Relativismo. Appunto. Dio così com'è non ci piace? E allora lo adattiamo alle nostre necessità. Lo facciamo diventare come noi. Anche Dio è relativo. Lo si può adattare ai tempi ed alle mode.<br />
Questi giovani, secondo me, rappresentano la fine dell Chiesa, del Cattolicesimo e del Cristianesimo.<br />
Mentre loro fanno girotondi e cantano canzoncine stupide altri fanno quello che devono fare (e non aggiungo altro).<br />
Avvicinarsi a Dio non significa farlo scendere da dove sta. Dovremmo essere noi a cercare di salire.<br />
Lo dico da totale laico, completamente disinteressato al fenomeno religioso nella società, ma fortemente interessato alla ricerca di spiritualità.<br />
Altro che wurstel e kartoffeln.<br />
Altro che Maria una di noi. Maria (per chi ci crede) era solo come era lei.<br />
Spero che Ratzinger trovi le parole giuste per spiegarvelo, piccoli diavoletti.

michele

17 agosto, 23:20
Caro Melgaco,<br />
tranquillizzati, "Maria una donna come me e te" vuol porre l'accento sul fatto che è possibile, ed auspicabile, imitarne le virtù cristiane, non il contrario.

melgaco

18 agosto, 00:12
E allora andava scritto: "Io e te come Maria"




logoEV
logoEV