61° Anniversario della Liberazione di Corinaldo

4' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Con la presenza della delegazione di Arcore, formata dai rappresentanti dell’ANPI lombarda Antonia Maggioni e Mario Alaimo e dell’ex-sindaco di Arcore Antonio Nava accompagnato dalla moglie Elvia, si è svolto, il giorno 10 agosto, il 61° Anniversario della Liberazione di Corinaldo.

di Ilario Taus


Dopo la deposizione di corone d’alloro e di un mazzo di fiori al Cippo, che ricorda il sacrificio del sottotenente Alfonso Casati, in Largo X Agosto e al Sacrario ai Caduti, si è formato il corteo, che si è portato in Piazza del Terreno, dove la Banda Musicale “Città di Corinaldo” ha eseguito l’Inno Nazionale, con il numeroso pubblico in piedi. Prima del concerto, c’è stato il saluto del Sindaco Livio Scattolini, che ha ricordato il sacrificio di Alfonso Casati.

Subito dopo hanno preso la parola l’ex-sindaco di Arcore Antonio Nava ed il rappresentante del direttivo dell’Anpi Mario Alaimo che ha voluto ricordare il Gen. Ennio Lenci, già sindaco di Corinaldo, leggendo parte del suo intervento, fatto in occasione di un Convegno ad Arcore su Casati.
Si è passati quindi al tradizionale concerto, che la banda musicale offre tutti gli anni alla popolazione corinaldese ed ai turisti, in occasione di questa ricorrenza.
Il presidente della banda Gilberto Genga, nella circostanza speaker ufficiale, nel presentare il concerto, ha comunicato che fra i musicanti c’era anche il professore di flauto Romualdo Spacca, zio del presidente della Giunta Regionale Gian Mario.
Romualdo Spacca ha studiato flauto al Conservatorio di Pesaro insieme a Gilberto Marini, componente della banda musicale, il loro maestro è stato il famoso Severino Gazzelloni.

Il concerto, diretto dal maestro Mauro Porfiri, ha avuto un grandissimo successo, tant’è che al termine il pubblico ha chiesto un bis e la banda ha eseguito la marcia “Energia in banda”, si tratta di una marcia scritta dallo stesso Porfiri, su richiesta della Presidenza regionale dell’ANBIMA, l’Associazione che raggruppa tutti i complessi corali e bandistici d’Italia, di cui ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario di fondazione.
E’ l’ultimo lavoro del direttore della banda, che si aggiunge al lungo elenco delle sue composizioni corali e strumentali. Il brano è stato eseguito per la prima volta dalla Banda “Città di Ancona” nel concerto del 2 Giugno, Festa della Repubblica.
Il titolo è costituito dallo slogan scelto per la recente campagna di collaborazione dell’ANBIMA con l’ENEL.

Nell’intervallo, il presidente provinciale dell’ANBIMA, Ermanno Costantini, ha consegnato al maestro Mauro Porfiri una targa a ricordo della sua brillante carriera di direttore di bande musicali, di gruppi corali e valente compositore di numerose musiche strumentali e corali.

Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo

Foto 1- Il sindaco in raccogliemento sul Cippo di Casati.
Foto 2 - La delegazione di Arcore e le autorità sul Cippo di Casati.
Foto 3 - La banda musicale con il maestro Mauro Porfiri.
Foto 4 - La targa dell'Anbima consegnata al maestro Mauro Porfiri.
Foto 5 - La deposizione della Corona in Largo X Agosto.
Foto 6 - I volontari della Pubblica Assistenza AVIS con i labari
Foto 7 - Il Gonfalone del Comune di Corinaldo. Foto 8 - Deposizione di una Corona al Sacrario dei Caduti.
Foto 9 - Antonia Maggioni e Mario Alaimo segretaria e componente direttivo ANPI.
Foto 10 - Al Sacrario.
Foto 11 - L'intervento del sindaco.
Foto 12 - I componenti della G.M. e il maresciallo Francesco Gagliardi.
Foto 13 - L'intervento dell'ex sindaco di Arcore Antonio Nava.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 agosto 2005 - 6416 letture

In questo articolo si parla di





logoEV