Il Gabbiano Jonathan Livingston vola al Museo Omero

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Tradizione popolare e classicità: su questo binomio corre la quarta edizione di Sensi d’estate 2005, la rassegna di percorsi multisensoriali promossa e organizzata dal Museo Tattile Statale Omero di Ancona. Il successo delle precedenti edizioni ha suggerito di potenziare il programma inserendo molte novità.

dal Museo Tattile Statale Omero
www.museoomero.it


Un ciclo di 8 appuntamenti serali, tutti i giovedì di luglio e agosto con inizio alle 21.30, costruiti attorno all’incontro di diversi linguaggi artistici e all’esaltazione di tutti i canali percettivi: canti popolari, sapori locali e voci dialettali si intrecceranno ai grandi capolavori della scultura e della letteratura italiana e non solo.

Il primo appuntamento con la quarta edizione di Sensi d’estate 2005 – Arte, Musica, Letteratura, Degustazioni – è per giovedì 7 luglio allo ore 21,30 con un recital teatrale dell’attore Luca Violini: Il Gabbiano Jonathan Livingston, famoso testo di Richard Bach e grande successo degli anni ’70.

Luca Violini, attore e regista, una delle più importanti e note voci nel panorama del doppiaggio cinematografico, lavora da anni su una particolare forma di spettacolo, la lettura teatrale, basata sulla rappresentazione audio - scenica di classici della letteratura mondiale. Per il Museo Omero impegnato da sempre a promuovere l’idea nuova e coraggiosa di un’arte senza barriere, Violini ha scelto un testo emblematico Il Gabbiano Jonathan Livingston dell’inglese Richard Bach. La storia del gabbiano Jonathan è infatti un inno alla libertà e alla creatività, al desiderio di esprimersi a tutti i costi, anche rischiando di suscitare l’incredulità, l’indifferenza o, peggio, la diffidenza degli “altri”. Un racconto toccante e intenso, che alterna al lirismo la lucida constatazione delle difficoltà proprie di chi, senza accontentarsi del “comune sentire”, si pone per primo domande e tenta di formulare le sue personali risposte. Accompagnata dalle musiche originali di Gabriele Esposito, la voce narrante di Luca Violini troverà il luogo ideale per esprimersi nella fresca e panoramica terrazza di Palazzo Raffaello, sede della Regione Marche, adiacente al Museo Omero.

Al termine dello spettacolo, ideato e realizzato da “Quelli che con la voce…” Produzioni e dall’Iry Studio, (con la collaborazione dell’Associazione L’Incontro musicale), il pubblico potrà trasferirsi al Museo Omero, aperto fino alle 24, per concludere la serata con una visita alla collezione o con una gustosa degustazione. In collaborazione con la Coldiretti, nel cortile d’ingresso del museo sarà allestito un gazebo dove si potrà assaporare il formaggio dell’azienda agricola Martarelli Maria Luisa e l’olio extravergine di Starnari Guerrino. In abbinamento ai prodotti tipici presentati il ristorante “Al Belvedere” di Agugliano distribuirà un raffinato gelato alla ricotta di Martarelli, profumato al miele marchigiano e guarnito da croccanti di sesamo.

Tutti i giovedì di luglio e agosto - Ore 21.30
- Percorsi multisensoriali tra canti popolari e sapori locali
- Scultura, letteratura, musica- degustazioni vini e prodotti tipici

Giovedì 7 luglio alle 21.30

Il Gabbiano Jonathan Livingston vola al Museo Omero
Lettura teatrale di Luca Violini
Ingresso gratuito

Museo Tattile Statale Omero
Via Tiziano 50, 60125 Ancona
Telefono 071/2811935 - Fax 071/2818358
e-mail info@museoomero.it
www.museoomero.it





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 luglio 2005 - 2712 letture

In questo articolo si parla di





logoEV