Sventato furto nel parcheggio della Pantamarket

Senigallia 30/11/-0001 -
Ieri mattina, verso le ore 9.30, si è verificato uno spiacevole, quanto inquietante episodio di microcriminalità, nel parcheggio antistante il noto Cash and Charry di Senigallia in località Cesanella.

di Riccardo Albonetti
riccardo.albonetti@gmail.com


Ma veniamo alla cronaca dei fatti.
Un noto commerciante di Ostra, che ha voluto rimanere nell’anonimato, titolare di un Bar Tabacchi e generi alimentari, sempre ad Ostra, ieri mattina si è recato come di consueto ai monopoli di stato di Senigallia, acquistando delle sigarette per un valore di 3000 euro.
Una volta acquistate le sigarette si è diretto nel grosso punto vendita della Cesanella.
Arrivato qui, ha normalmente parcheggiato la sua auto di fronte l’ingresso del centro commerciale, ed è entrato.
Però, non si era accorto per niente, di essere stato pedinato sin dai monopoli, da due giovani sulla trentina.
Nel frattempo che il commerciante stava facendo la spesa, uno dei due malviventi è entrato nel supermercato per fare da palo.
Ma il suo modo di aggirarsi fra gli scaffali e il forte accento meridionale, avevano fatto insospettire uno dei dipendenti della Pantamarket.
Quando l’uomo è uscito dal supermercato, il dipendente gli è andato dietro per curiosità, e ha colto in flagrante i due delinquenti nell’intento quasi riuscito di aprire la portiera dell’auto, in cui c’erano le sigarette.
Resisi conto di essere stati scoperti, i due sono saliti di gran fretta sulla loro auto, una Seat Toledo grigiastra, partendo a razzo, senza che il dipendente che li stava inseguendo potesse far nulla.
Immediatamente sono state chiamate le forze dell’ordine ed esposta denuncia, ma purtroppo, l’operaio che ha visto tutto non ha fatto in tempo a segnarsi la targa.
Le ricerche sono ancora in corso, ma, a quanto pare, i due uomini hanno fatto perdere le tracce.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 gennaio 2005 - 3596 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

27 gennaio, 10:05
Capisco che un certo modo di aggirarsi fra gli scaffali possa suscitare sospetti, ma il "forte accento meridionale" che c'entra? mah...<br />
Ancora: in italiano si dice "cogliere in flagrante". L'aggettivo "fragrante" esiste e significa "che emana buon odore". Si usa in genere per descrivere l'odore del pane.<br />
Attenzione, perché spesso la superficialità (nel catalogare le persone in base all'accento nel primo caso e nell'utilizzo del lessico nel secondo) porta all'errore.

melgaco

27 gennaio, 12:13
Mio padre è pugliese, mio nonno siciliano, mia nonna lucana, amo Pirandello ed il teatro di De Filippo e considero Napoli ed il suo golfo la più bella cartolina del mondo.<br />
Dico questo perchè altrimenti (come si è soliti fare in questo forum) mi si dà subito del razzista.<br />
Ed ora, libero (spero) dagli altrui pregiudizi, espongo il mio pensiero: l'accento meridionale è fonte di sospetto ed è normale che sia così. Purtroppo non me l'invento io che le rapine ed i furti nella nostra zona siano compiuti da bande campane "in trasferta". Questa finta verginità da parte di chi, se sente una mezza frase apparentemente antimeridionalista o antislamica, s'inalbera agitando la bandierina del razzismo e del "alla gente ed mondo gli voglio bene solo io" è assolutamente irritante. Come è irritante chi, mettendosi sul solito piedistallo, corregge gli errori ortografici altrui. Il vero gentiluomo glissa, fa finta di niente. Il vero ignorante è colui che sottolinea l'errore, facendolo non con ironia ma, appunto con lo sprezzo di chi si mette in cattedra non avendo i titoli per farlo.

rickyalbo

27 gennaio, 12:33
MI SCUSO VIVAMENTE CON TUTTI I MERIDIONALI ONESTI E CHE LAVORANO NELLA NOSTRA ZONA, E CHE EVENTUALMENTE SI SENTONO OFFESI, MA NON ERA NEL MIO INTENTO, MA SOLO LA REALTA' DEI FATTI.<br />
PER QUANTO RIGUARDA L' ERRORE GRAMMATICALE, MI SCUSO CON I LETTORI MA L' ARTICOLO L'HO SCRITTO IERI ALL'UNA DI NOTTE, IN FRETTA, E PURTROPPO IN UN MOMENTO DI NON GRAN LUCIDITA'.<br />
<br />
RICCARDO ALBONETTI

Anonimo

27 gennaio, 13:34
Stavolta concordo pienamente con te Melgaco.....<br />
indipendentemente dal tuo intervento di ieri....<br />
Un saluto<br />
B.......

Anonimo

27 gennaio, 14:11
Mi fa piacere essere, una volta tanto, d'accordo con te Melgaco.<br />
Il fatto è che c'è differenza tra il riconoscere un dato di fatto come la preponderante matrice meridionale della criminalità che opera nelle nostre zone, oltre che slava, albanese o extracomunitaria in genere, cosa che ha delle ragioni socio-economiche e il voler sostenere che una razza, una cultura o una religione hanno in se stesse le ragioni del male, in questo secondo caso è razzismo e sono le cose che tu sostieni di solito rispetto agli islamici.<br />
Detto questo, le critiche del primo commento non sono sbagliate, tanto è vero che l'autore dell'articolo le ha accettate, quello che è sbagliato è il tono saccente, davvero antipaticissimo.<br />
ANONIMO

melgaco

27 gennaio, 15:28
Sono d'accordo con te eccetto che sull'Islam che, a mio avviso, ha in sè le ragioni del male. Basta leggere alcune "sure" del Corano (in un mio precedente intervento ne ho estrapolate alcune a dir poco rabbrividenti). Che poi un marocchino rubi al supermercato non c'entra nulla. Non ce l'ho col marocchino che muore di fame. Ce l'ho con l'Islam e con i suoi insegnamenti che, tra l'altro, sono la causa del fatto che tutto il modo arabo muoia di fame (sceicchi esclusi) e viva come in occidente non si viveva neanche nel medioevo

melgaco

27 gennaio, 15:30
Excusatio non petita

Anonimo

28 gennaio, 13:56
"forte accento meridionale" che c'entra?<br />
<br />
forse perche' mafia camorra sacra corona unita ndrangheta, o come si scrive, nascono e vivono al meridione e non nelle Marche...<br />
<br />
forse perche' vendere le sigarette di contrabbando e' un'attività che caratterizza il sud mentre nelle Marche non mi sembra...<br />
<br />
forse perche' la microcriminalità che sta conoscendo una regione prima ritenuta tranquilla come le Marche e' i gran parte di importazione dal meridione...<br />
<br />
Sono convinto che la stragande maggioranza dei meridionali sono persone oneste, ma non venirmi a dire che certi pregiudizi non riesci a capirli, purtroppo esistono anche qui nel senigalliese.

Anonimo

15 maggio, 04:55
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV