Auguri Avis

Senigallia 30/11/-0001 -
Trentuno scuole elementari, ventiquattro scuole medie per un totale duemilaquattrocentoventinove lavori raccolti tra gli alunni provenienti dall’intera provincia.
Sono questi i numeri della quinta edizione della rassegna intitolata “Auguri Avis”, le cui premiazioni si sono tenute sabato 8 gennaio alle ore 16,30 presso la sala convegni dell’Avis di Fabriano.

da Daniele Gattucci


L’iniziativa, promossa dal Gruppo Giovani Provinciale di Ancona, è incentrata su un concorso rivolto ai ragazzi delle elementari e medie inferiori, ai quali è stato chiesto di realizzare un lavoro di “auguri” natalizio, con ampia libertà sui contenuti, tecniche e materiali utilizzati (sono arrivati disegni, foto, testi illustrati, foto, collage davvero interessanti) riassumibili con un solo e meritorio slogan : vuoi fare un bel regalo dona il tuo sangue. Originalità, tecnica e contenuti di questi messaggi sono stati posti in bella mostra nel moderno ed attrezzato salone della sezione avisina fabrianese, gremito in ogni suo posto, visto che a ritirare i premi (quaderni, penne, carta da disegno, play station e videofonini per i primi, oltre materiale informativo su Avis e donazioni) sono arrivati genitori, figli ed insegnanti da ogni parte della provincia.

La prima classificata per le classi 1° e 2° elementare è Emily Zannotti, della 1 B “G. Umani” di Cupramontana. Un'altra ragazzina s’è imposta per le classi 3° 4° 5°, Chiara Superbi, della V B della Aldo Moro di Fabriano. Un ragazzo della I B “Melchiorri” di Cerreto d’Esi, Alessio Trinari, ha invece posto la sua firma sul lavoro giudicato più interessante per le tre classi medie. Il presidente provinciale Avis, Giordano Piombetti, ed il presidente della Sezione fabrianese, Gianfranco Pellegrini, hanno presenziato alla consegna dei tanti bei regali raccolti dal Direttivo Avisino fabrianese, che ancora una volta ha ottenuto il sostegno della realtà socioeconomica della città e la zona montana.

Ad aprire l’incontro, un applauditissima performance (con tanto di coinvolgimento del pubblico) del noto mago, Willy Wood e Monia, che in quaranta minuti di spettacolo ha affascinato grandi e piccini. Al termine di questa entusiasmante esibizione di Bruno Taddei (in arte appunto Willy Wood) prestigiatore fabrianese che ha calcato i palcoscenici più prestigiosi dell’illusionismo internazionale, è iniziata la cerimonia vera e propria.

Il presidente Piombetti, ha prima mandato un ricordo ai caduti nella tragedia del Sud Est Asiatico, sottolineando il ruolo dei gruppi di volontariato, poi, s’è soffermato sui dati relativi alla nostra provincia per quanto concerne l’Associazione: 16.000 donatori e 28.000 donazioni. “Grandi numeri di un altrettanto grande famiglia” ha sottolineato, in funzione dei quali c’è il concreto convincimento di costituire l’asse portante per la oramai prossima creazione di un centro regionale a Torrette, dove partendo dal trapianto del rene si arriverà a quello del fegato. Interventi per i quali c’è bisogno di un grande quantità di prodotti ematici: sangue intero, plasma e piastrine. Ovvio, infine il riferimento all’Avis di Fabriano che negli ultimi cinque anni ha messo a disposizione della comunità 22.200 flaconi di sangue, di plasma e piastrine pari a 111 quintali di questi preziosi tessuti, iscrivendo 800 nuovi volontari, soddisfacendo così le esigenze del Ospedale “E. Profili” e inviando 9.000 unità di globuli rossi al Centro Regionale di Raccolta.

“Quella odierna – ha ricordato - rappresenta la prima della lunga serie di iniziative in preparazione del 2 giugno quando la locale Sezione Comunale dell’Avis festeggerà il 60° anniversario di fondazione”. Prima di riprendere le premiazioni, il presidente provinciale ha evidenziato come “Auguri Avis” rappresenta un modo garbato e corretto di entrare nelle scuole e nelle famiglie, per sensibilizzarle sulla necessità e l’importanza di invitare migliaia di giovani a compiere tale gesto. Tanto per fare l’ennesimo esempio, aggiungiamo noi, basta dire che al Regionale di Torrette due sale operatorie svolgono l’attività grazie al sangue che arriva da Fabriano.

Passiamo quindi a dire degli altri gratificati. Per le classi 1° e 2° elementare: Gaia Panfoli del plesso di Pianello, Pier Nicolò Aguzzi, della “Anselmi” di Arcevia, Chiara Latini della “Umani di Cupramontana, Leonardo Compagnucci della “Martiri Libertà” di Jesi, oltre a riconoscimenti alla 2° Classe Elementare di Borghetto Monte San Vito e la 2° A e B del “Brillarelli” di Sassoferrato. Vediamo ora le 3° - 4° - 5° Elementari. Malica Rabbani della “G. Garibaldi “ di Jesi, Claudia Mariani “Cappannini” di Jesi, Michela Morosini del “G. Perchi” di Jesi, Fabio Coppa di Castelplanio Macine, Manuel Serrini di Serra San Quirico, Mattia Cipolloni della “Marconi” di Loreto, Deborah Allum della “T. Lippera” di Cerreto d’Esi, Cecilia Scipioni e Vanessa Francescangeli di Piticchio di Arcevia, Federico Silvi di Offagna, Camilla Serrani di Barbara, Giulia Pierangeli della “Umani” di Cupramontana, Cecilia Pignatti della “G. Mazzini” di Fabriano, la 3° A e l’Insegnante del plesso di Monte San Vito. Dalle Elementari passiamo alle Medie, classi 1° - 2° - 3°. Veronica Corinaldesi della “G. Marchetti” di Marzocca, Perla Sardella e Giulia Argalia della “G. Leopardi” di Jesi, Dalila Pellegrini di “A. di Savoia” di Jesi, Alessandro Maurizi “Lorenzini” di Jesi, Elisa Piergiacomi “Montessori” di Castelferretti, Chiara Aliventi di Casteleone di Suasa, Nunzio Piscitelli ed Elettra Carini della “B. Bartolo” di Sassoferrato, Graziana Lagonigro della “G. Cesare” di Falconara, Marta Fabbretti di Moie, Anna Kozyarousica della “M. Polo” di Fabriano, Elena Pietrosi di San Marcello, Miriam Passeri di Genga, le insegnanti della 2° E “M.Polo” di Fabriano e 2° D “Lorenzini” di Jesi.

Scuole premiate dall'Avis
Premiazioni I° e II° elementari
Scuole premiate dall'Avis
Premiazioni III°, IV° e V° elementari
Scuole premiate dall'Avis
Premiazione scuole medie inferiori





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 gennaio 2005 - 8040 letture

In questo articolo si parla di