Nuove assunzioni: le spese gravano sulle tasche dei cittadini

Senigallia 30/11/-0001 -
Nel nostro comune ben quattro collaboratori per l’Ufficio di staff del Sindaco di Ostra Vetere, nominati dopo una variazione al regolamento degli uffici e dei servizi che ne prevedeva due.

dalla Lista "Per Ostra Vetere"
Il gruppo consiliare di minoranza


UFFICIO DI STAFF Noi, consiglieri della lista “Per Ostra Vetere”, abbiamo espresso la nostra totale contrarietà all’utilizzo dell’ufficio di staff, ancor più all’aumento da due a quattro unità, nonché al metodo di scelta adottato.
La precedente Amministrazione, pur avendo previsto la costituzione dell’Ufficio di staff nel Regolamento degli Uffici e dei Servizi, non vi è mai ricorsa per non gravare sulle tasche dei cittadini e perché non lo riteneva indispensabile.
Ora non solo sono stati nominati i due collaboratori che erano previsti nel vecchio regolamento, ma, modificato quest’ultimo, sono diventati 4: 1 a tempo pieno e 3 a tempo parziale. Che cosa fanno? Sulla stampa, non ci sono state molte notizie in proposito.
Come mai? I decreti di nomina sono dei mesi di luglio e agosto… chiediamoci come mai questa scelta non è stata esaltata attraverso conferenze stampa.
Per il periodo che va da agosto a dicembre, i tre collaboratori a tempo parziale costano al Comune 12.000 euro; e l’altro, quello a tempo pieno? È curioso: il decreto di nomina del collaboratore a tempo pieno non ha copertura finanziaria, nessuno stanziamento in bilancio, quindi a nostro parere è nullo.
In Consiglio Comunale abbiamo chiesto più volte di spiegare dove risulta la spesa per questo provvedimento, ma né gli amministratori né i tecnici intervenuti hanno saputo darci una risposta.

In un quadrimestre i quattro collaboratori dell’ufficio di staff del sindaco costano circa 20.000 euro, da qui è facile calcolare quanto possono costare per un anno intero anno.
Il Sindaco dice che sono diventati tre, perché una collaboratrice, per suoi motivi, si è dimessa, ma ad oggi, dagli atti che abbiamo a disposizione, questo non risulta ancora.
Ci chiediamo allora come il capogruppo di maggioranza, che in una precedente seduta consiliare aveva auspicato una maggiore economia nelle spese per il personale, abbia potuto ratificare, senza batter ciglio, una variazione di bilancio che in un solo quadrimestre aumenta il costo del personale di circa 17.000 euro.

La legittimità di tali provvedimenti è poi molto discutibile per la modalità di scelta, a totale discrezione del Sindaco (intuitu personae), in contrasto con quanto previsto dall’art. 90 del D.Lgs. n. 267/2000, citato nella delibera di nomina.
Poiché inoltre riteniamo che i provvedimenti in questione, per l’aumento di spesa e per la mancata copertura finanziaria, possano essere fonte di danno erariale, in Consiglio Comunale, abbiamo manifestato la nostra ferma opposizione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 ottobre 2004 - 2174 letture

In questo articolo si parla di





logoEV