Bagni pubblici: rari e indecenti

Senigallia 30/11/-0001 -
A Senigallia i bagni pubblici scarseggiano. Gli unici aperti sono quelli della Stazione ferroviaria, che spesso versano in condizioni ai limiti della decenza.

da Gabriele Girolimetti
Coordiantore comunale e consigliere comunale di AN


Rivolgo la seguente interrogazione all’Assessore alla Qualità Urbana e lavori Pubblici e all’Assessore ai Servizi alla Persona per sollecitare la risoluzione di un problema che mi viene indicato da tempo da diversi cittadini, residenti o meno, turisti e appartenenti a diverse fasce d’età: la mancanza di adeguati e necessari Bagni Pubblici soprattutto nel Centro Storico ed anche in alcune zone del Lungomare.
Tale mancanza non si fa sentire solo sulla popolazione più anziana e con handicap fisici per ovvi motivi, ma anche su altre categorie di cittadini e turisti che specialmente nei mesi estivi o nelle giornate di mercato sono costretti a rivolgersi ai pubblici locali e bar presenti nel Centro Storico e nel Lungomare o in alternativa ai Bagni Pubblici della Stazione Ferroviaria.
Proprio nei Bagni della Stazione viene a crearsi una situazione ai limiti della decenza e delle fondamentali regole d'igiene che non facilita chi vi lavora come i tassisti e le attività presenti ma che soprattutto non rende gradevole l’immagine di Senigallia a chi vi giunge o intende partire con il treno.
In virtù di queste considerazioni sollecitatemi dai cittadini senigalliesi e non, chiedo all’Assessore alla Qualità Urbana e all’Assore ai Servizi alla Persona di farsi carico del problema e di intervenire al più presto affinché vengano realizzati nuovi e decenti Bagni Pubblici nella zona del Centro Storico e in quelle zone di Lungomare che ne sono sprovviste e nelle quali soprattutto i bar vengono letteralmente assediati specialmente nelle ore mattutine.
Oltre a rappresentare un servizio in più che la città di Senigallia potrebbe offrire, si tratta di dare modo anche a chi per impedimenti fisici o handicap troppo spesso è costretto a subire limitazioni che rendono difficile anche una semplice visita al Centro Storico e ad alcune zone del mare, una migliore presenza di Bagni Pubblici ritengo quindi che vada considerata e progettata al più presto anche in considerazione dei disabili presenti sul nostro territorio e di quelli che vi transitano come turisti o per lavoro.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 ottobre 2004 - 3416 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

05 ottobre, 10:30
Girolimetti ha ragione.<br />
In particolare la scomparsa delle toilettes pubbliche in spiaggia e' stata una vera indecenza!!<br />
Il bagnasciuga e' demaniale, e deve essere dovunque consacrato a spiaggia libera nella fascia di spiaggia limitrofa. La disponibilita' diffusa di bagni pubblici dovrebbe esserne diretta conseguenza. <br />
Ma perche' la cittadinanza e' sempre silente e acquiescente per cose che dovrebbero invece provocare immediata protesta e indignazione?

Anonimo

05 ottobre, 16:14
Sono fermamente concorde con il mio amico Girolimetti, ed anche con il signore che ha commentato, ma la risposta al suo quesito non è poi così difficile....una popolazione talmente soggiogata dalla dottrina sinistroide, che se la giunta gli propone di affogarsi negli escrementi lo farebbero scambiandolo per un salutare fango termale......<br />
In tutte le città turistiche che si rispettino ci sono servizi igienici pubblici efficienti e puliti, magari ci sarà l'obbligo di versare un piccolo contributo in denaro, ma almeno la cosa funziona!<br />
Da noi no, ormai vige l'obbligo di usare i locali pubblici come toilette, e spendendo molto di più (ovviamente i cittadini educati che quando entrano in un locale per usare il bagno minimo qualcosa consumano o comprano, non certo quei pidocchi che vengono a Senigallia o già ci vivono e non spendono un "bocco" neanche per respirare.)<br />
Sarà una impresa titanica educare la cittadinanza agli standard europei minimi, ma speriamo che qualcosa cambi e presto!!!! Specialmente la Giunta Comunale!!!<br />
Distinti Saluti <br />
Un Senigalliese Scoglionato dai suoi stessi concittadini, non tutti ovviamente!

Anonimo

Non solo Senigallia, ma Porto Recanati e\' anche peggio ...le Marche sono 20 anni indietro!!!!