''Taglio fondi per il turismo, una vera beffa!''

Senigallia 30/11/-0001 -
Rocchi alla Conferenza del turismo di Genova “Dal Governo attendiamo fatti, non vuote promesse!

dalla Regione Marche


L’assessore regionale al Turismo, Lidio Rocchi, è intervenuto alla Conferenza sul turismo di Genova sottolineando i buoni risultati ottenuti dalle Regioni e dalla Regione Marche in particolare, nella gestione delle politiche del turismo, evidenziati dalle stesse associazioni di categoria, e rivendicando una maggiore attenzione da parte del Governo verso il turismo.
L’Enit - ha sottolineato Rocchi - è diventato un vero caso; privo di mezzi e di finanziamenti, in perenne attesa di ristrutturazione, non è più in grado di svolgere una efficace e mirata attività di promozione all’estero”.
Le Regioni - ha proseguito l’assessore - hanno elaborato, fin dall’aprile scorso, un documento di riforma dello stesso Enit, largamente condiviso, imperniato sulla trasformazione dell’Ente in Agenzia del turismo, con un Consiglio di amministrazione formato dai rappresentanti delle Regioni e degli imprenditori. Da quella data i ripetuti solleciti al Governo, per fornire una adeguata risposta, sono risultati vani!”.
Gli interventi del ministro Marzano e del presidente del Consiglio in Conferenza, ha affermato Rocchi, non hanno fugato le preoccupazioni e i dubbi della vigilia.
Rimangono, infatti del tutto indefiniti ruoli e composizione della auspicata agenzia di promozione dell’immagine dell’Italia all’estero. Aleggia, al riguardo, una ipotesi di privatizzazione, in totale contrasto con la posizione espressa dalle Regioni e dalle stesse organizzazioni di categoria.
Non è chiarito il ruolo delle Regioni, titolari della competenza esclusiva in materia di turismo, e che spazio avranno quelle piccole Regioni, come le Marche, ricche di potenzialità e di eccellenze turistiche e protese verso una costante crescita. “Come si vede - prosegue ancora Rocchi - oltre ai dubbi e a qualche confusa ipotesi che ci auguriamo venga presto chiarita, stanno emergendo proposte connotate da una forte spinta neo-centralista, in totale difformità con il dettato costituzionale”.
Gli assessori intervenuti, ha sottolineato ancora Rocchi, prescindendo dalla collocazione politica, hanno tutti richiamato il Governo sul rispetto della bozza di progetto presentata dalle Regioni che trasforma l’Enit in una agenzia pubblica controllata dalle Regioni sotto l’egida della Conferenza Stato-Regioni.
Il tavolo di confronto, preannunciato dal Governo deve affrontare, in tempi brevi, varie questioni. Oltre che definire la questione Enit, rispettando i ruoli di ciascuno, deve affrontare gli aspetti delle risorse finanziarie da assegnare alla promozione turistica, oggi del tutto insufficienti; quello dei finanziamenti da destinare alle Regioni in attuazione della legge 135 drasticamente decurtati; quello del paventato aumento dei canoni demaniali e della loro devoluzione alle Regioni titolari delle relative funzioni amministrative.
Purtroppo, allo stato dei fatti - ha concluso Rocchi - l’unica concreta risposta del Governo è il taglio del 50% del fondo unico previsto dalla legge 135 per l’anno 2004: una vera beffa”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 settembre 2004 - 1406 letture

In questo articolo si parla di





logoEV