Terza Finale Campionato Italiano Minimoto Anzio

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Siamo giunti alla penultima gara valida per le finali del campionato italiano di minimoto.
Sabato 25 e domenica 26 settembre si è svolta la gara sul circuito di Anzio (RM).


La pista non era niente male, un circuito per lo più tecnico.
Ma tutto il contesto non era certo da Campionato Italiano.
Nulla più di un mini bar, per mangiare e bere. Per non parlare delle tribune, completamente assenti.
Per poter seguire le gare delle varie categorie, era necessario di munirsi di scale per arrampicarsi, oppure andare nel campo adiacente…
Anche questa gara si è svolta con problemi tecnici e ritardi con le partenze, che sono state posticipate di un ora; e quindi hanno deciso di far fare solo il 75% delle gare. Risultato? Chi cade, non ha il tempo per recuperare…
Comunque arrivando ai nostri piloti di zona, questa volta sono stati veramente sfortunati.
“Billo” Giuliano Gregorini di Fano, con la sua Polini, pur partendo davanti a causa di più cadute è arrivato parecchio indietro. Tenendo conto che parliamo del Campione Europeo 2003, c’è da chiedersi che cosa stia succedendo. Per lui si sta aprendo la porta delle gare in 125 GP, dove sicuramente farà parlare di sé.
La nostra “Lady” Valentina Caltavituro di Ponte Rio, ha fatto una bellissima gara pur avendo problemi con la moto, pare sia stato un problema di frizione. C’è da dire che dopo l’incidente di Castelraimondo (MC) la ragazza si è veramente ripresa subito, lasciando a bocca aperta chi credeva che non avrebbe gareggiato.
E’ stata premiata con una bellissima coppa dal pilota Corsi del Motomondiale assieme a Sara Zaghini, sua amica e rivale di Rimini.
La prossima e ultima finale sarà domenica 10 ottobre sul bellissimo circuito di Pomposa (FE), dove all’inizio del campionato Lady Valentina ha dimostrato di avere stoffa e resistenza fisica.


Lady e Sara

Lady in moto

Billo in curva





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 settembre 2004 - 17889 letture

In questo articolo si parla di





logoEV