Revocate la concessione dell'Api!

Senigallia 30/11/-0001 -
Il Sindaco di Falconara Marittima Giancarlo Carletti ha inviato una lettera al Procuratore della Repubblica Vincenzo Luzi.
"Tutela della vita, del territorio, della convivenza: revoca immediata e dovuta della concessione all'Api".

dal Comune di Falconara Marittima


Mai come in questo momento si rafforza la nostra avversione al provvedimento che ha rinnovato la concessione per la Raffineria API, di cui si fa drammatico appello per la sua immediata revoca.

Un provvedimento inspiegabile, intempestivo, non approfondito, contrario alle scelte fondamentali attuate per il territorio di Falconara attraverso i piani di sviluppo di cui il Comune si è dotato.
Provvedimento disinvolto, sprezzante delle prerogative dell'Ente Locale, delle esigenze della popolazione, salute, sicurezza, sviluppo, obbediente ad una logica che ci sfugge.

Noi abbiamo il dovere di chiedere con la massima intensità l'intervento più deciso della magistratura, affinché, una volta per sempre, indaghi e si pronuci sulla legittimità dei provvedimenti autorizzativi adottati dalla Regione Marche per la prosecuzione dell'attiività della Raffineria e della sua compatibilità con la sicurezza, la vivibilità dell'ambiente di un centro fortemente antropizzato.

In particolare l'autorità inquirente dovrà indagare perché il rinnovo della concessione sia stato rilasciato con tanto anticipo rispetto alla scadenza contrattuale del 2008.

Ciò non solo considerando la complessa situazione di degrado e di minaccia alla salute dei cittadini, degrado e minaccia che permanentemente incombono sulla città, ma anche per la sicurezza di tutti i cittadini italiani che nelle deprecate circostanze si trovano a transitare su questo territorio e, addirittura, nella immediata prossimita della Raffineria.
Minaccia che si riversa su un centro di snodo viario e di traffico internazionale caratterizzato dalla presenza dell'aeroporto, scali e linee ferroviarie, autostrade, strade statali e impressionante prossimità del centro abitato.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 settembre 2004 - 2375 letture

In questo articolo si parla di